Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
CBG

Che cos’è il CBG

Il cannabigerolo, o CBG , è uno dei principali cannabinoidi presenti nella pianta di Cannabis sativa . Un composto a cui sempre più attenzione è rivolta, sia dalla comunità scientifica che dai consumatori.

Vuoi sapere cosa rende questo cannabinoide così speciale? Scoprilo in questo articolo

Il CBG è uno degli oltre 100 cannabinoidi conosciuti . Infatti è il primo ad apparire nella pianta e, quindi, da essa derivano il resto dei cannabinoidi. Tra gli altri, THC, CBD,  CBC e Cannabinolo o CBN .

Tuttavia, nonostante quanto sopra, non è stato fino a tempi relativamente recenti che questo composto ha iniziato a essere studiato.

Un motivo che potrebbe spiegare questo è la bassa concentrazione che troviamo nelle piante, di solito intorno all’1%. Inoltre, all’aumentare della concentrazione di altri cannabinoidi come il THC o il CBD , la quantità totale di CBG diminuisce .

Tuttavia, e come per il CBD, tutto indica che il CBG rappresenterà una nuova rivoluzione nell’uso terapeutico della cannabis . Inoltre, alcune sue proprietà medicinali sono già note, tutte non psicoattive. Ad esempio, il suo potere antinfiammatorio o i suoi effetti per alleviare il dolore ( riferimento ).

Anche se, a differenza del CBD, tutto sembra indicare che il CBG ha una risposta migliore nel nostro sistema endocannabinoide . Ciò significa che i suoi effetti sono evidenti prima del cannabidiolo.

Tipi di CBG

Una volta che abbiamo un’idea di base di cosa sia il cannabigerolo , la prossima cosa di cui dobbiamo parlare sono i tipi di CBG che incontriamo.

In precedenza abbiamo menzionato che il cannabigerolo è il primo cannabinoide ad apparire nella pianta. E che, quindi, il resto dei cannabinoidi ne deriva. Esiste però un composto intermedio di cui non abbiamo parlato: il CBGA.

Sebbene sia più di un tipo di CBG, il CBGA è la forma acida che assume questo cannabinoide. E questo, insieme alle sintasi (gli enzimi che troviamo nella pianta), è il precursore che ci permetterà di sintetizzare il resto dei cannabinoidi.

In questo modo le sintasi producono reazioni chimiche che danno origine alle forme acide dei cannabinoidi THC, CBD e CBC (dando rispettivamente origine a THCA, CBDA e CBCA). E in seguito, queste forme acide verranno utilizzate per estrarre i cannabinoidi che vogliamo.

Tutto questo è importante da sapere per un motivo: maggiore è la quantità di THC, CBD o CBC presente in una pianta, minore sarà la quantità di CBG che troveremo.

Per questo motivo sono attualmente allo studio modalità per ottenere piante con livelli più elevati di CBG . O per mezzo di incroci, per manipolazione genetica dei semi o per cambiamenti nel modo di coltivare e raccogliere che possono promuovere un aumento del cannabigerolo rispetto al resto dei cannabinoidi.

Come si ottiene il CBG?

Dopo quanto sopra, si potrebbe pensare che il modo per ottenere il CBG sia diverso da quello utilizzato con il resto dei cannabinoidi. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità; infatti il ​​procedimento per ottenere il carbigerolo è simile.

In particolare, attraverso l’applicazione di calore attraverso la fotosintesi o la decarbossilazione , il CBG passerà dalla sua forma acida alla sua forma attiva e sarà pronto per l’uso. Anche se normalmente il secondo metodo è il più utilizzato poiché richiede meno tempo. Inoltre, tutte le variabili che influenzano il processo possono essere controllate per garantire un prodotto finale della migliore qualità.

Usi del CBG

Come abbiamo già discusso, come il CBD, il CBG ha numerosi benefici terapeutici . Tra gli altri troviamo:

Tuttavia, sono ancora necessarie ulteriori ricerche al riguardo. Soprattutto se vogliamo ottimizzare i trattamenti e capire meglio in quali casi può essere controindicato.

Inoltre, è importante notare che non ha un effetto psicoattivo o psicotropo . E, in generale, non è tossico né ha effetti collaterali sul nostro organismo. Finché viene utilizzato terapeuticamente e nelle dosi corrispondenti.

Tuttavia, ciò non significa che il CBG e i suoi derivati ​​siano adatti a tutti. Tanto meno che possiamo iniziare a usarli senza la preventiva supervisione di un professionista specializzato.

Al contrario, come per qualsiasi altro medicinale, trattamento o terapia, sarà necessario individualizzare ogni caso. Solo così possiamo assicurarne l’uso e vedere i risultati.

Prodotti a base di CBG

Infine, non potevamo parlare di CBG e dimenticare di citare i modi in cui dobbiamo trovarlo attualmente sul mercato.

In questo senso è necessario tornare su due idee di cui abbiamo parlato all’inizio:

  • Più contenuto ha una pianta in CBD, THC o CBC, meno ha in CBG.
  • La necessità di ulteriori studi sugli usi terapeutici del CBG.

Pertanto, non sorprende che attualmente sia molto difficile trovare prodotti che contengano solo CBG . In effetti, questo cannabinoide fa spesso parte di integratori, oli o alimenti a base di CBD.

Tuttavia, a causa del crescente interesse da parte dei consumatori, tutto sembra indicare che molto presto inizieremo a vedere più prodotti il ​​cui principio attivo è il CBG.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping