Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
allevamento di cannabis

Allevamento di cannabis in casa: di cosa ho bisogno per iniziare ad allevare la mia varietà?

Per cominciare con il tuo allevamento di cannabis, dobbiamo tenere conto dello spazio che abbiamo. Normalmente, questo fattore ci differenzia da una banca del seme professionale (oltre a molte altre). In un allevamento di cannabis domestico, di solito c’è poco spazio e di solito viene utilizzata una stanza di dimensioni standard, quindi dovremo giocare con ingegno per ottenere il massimo da ciò che abbiamo.

Avremo bisogno di un posto dove tenere i genitori e, quindi, dovrà essere permanentemente in stato vegetativo, e altri due spazi dove effettuiamo la concimazione. Quindi, per distribuire in modo efficiente la stanza di coltivazione, il mio consiglio è di procurarsi delle tende da coltivazione piccole. Ci sono diverse dimensioni, da sessanta centimetri per sessanta centimetri a due metri quadrati o più. In questo modo possiamo creare diverse stanze indipendenti per le nostre coltivazioni, potendo così disporre di tutte le stanze necessarie per svolgere il nostro allevamento di cannabis casalingo.

Consiglio sempre di avere un minimo di quattro habitat: uno leggermente più grande per conservare la nostra genetica selezionata in stato vegetativo; due un po’ più piccole per svolgere la fioritura e un’ultima stanza più piccola per fare i cloni.

Alla fine, quello che stiamo cercando di fare è creare una varietà, così tante volte durante il processo, otterrai genetiche diverse e alcune di esse saranno così buone che vorrai salvarle. Questo è il motivo principale per cui alla fine il guardaroba delle mamme (e dei padri) deve essere sempre un po’ più grande.

Ricorda che quando si tratta di cannabis coltivata in casa, è molto importante disporre di un sistema di etichettatura efficace. Poiché in questo caso stai lavorando con piante femminili e maschili, quindi un disguido potrebbe portarti a fare un raccolto fiorito di maschi. Prestare attenzione all’etichettatura è un passo molto importante per mettere ordine nelle colture.

L’ideale sarebbe avere la camera madre divisa in due segmenti: nel primo segmento si troveranno tutti gli individui femminili, nel secondo gli individui maschi. In entrambi i casi etichettati e ordinati per numerazione.

Uno degli aspetti da tenere in considerazione nella camera dei genitori è l’estate: in questo periodo sarà necessario mantenere in crescita anche le piante, ma la temperatura che a volte può raggiungere la grow room è eccessiva per chi non dispone di costosi sistemi di raffreddamento, poiché in questo tipo di stanza con tante stanze un normale “ pinguino ” spesso non basta. Quindi è meglio tenerli con alcune apparecchiature di illuminazione a basso consumo o LED per poter continuare ad averli in estate e che la temperatura non ci impedisca di preservare la nostra genetica.

Conviene ricavare una zona di clonazione, dove poter sradicare i cloni e, una volta radicati, tenerli in fase vegetativa in vasi da non più di un litro. Questo spazio è molto importante, poiché in questo modo forniremo esemplari per le fioriture.

L’habitat per la clonazione non deve essere eccessivamente grande: se riusciamo a mettere il triplo delle talee che possiamo fiorire, sarà sufficiente. Ciò ti consentirà di avere un margine nelle possibili vittime che potrebbero verificarsi durante il rooting. Inoltre, ricorda che nel tuo lavoro di selezione scarterai qualsiasi esemplare di genetica indesiderata.

Ma come posso iniziare la mia genitorialità in così poco spazio?

Come ti ho detto all’inizio, nell’allevamento di cannabis in casa è molto importante affinare il tuo senso di ingegno, così come strutturare e organizzare il tuo lavoro in modo coscienzioso per trarne il massimo.

Molto probabilmente vorrai iniziare selezionando alcuni esemplari per ottenere il meglio da loro e mantenerli come genitori. Prima di spendere soldi per i semi, dovresti considerare quale varietà vuoi ottenere, per scoprire che dovrai analizzare quali sono i tuoi gusti. Preferisci l’effetto indica o sativa? Sapore terroso o dolce? Coltivazione molto produttiva e vigorosa, o piuttosto tozza per una piccola coltivazione indoor ? Queste sono alcune delle domande che dovresti porti prima di ottenere i semi.

Una volta definiti questi modelli, è il momento di scegliere le relazioni desiderate. È meglio guardare diversi cataloghi, poiché vedrai sempre differenze tra loro anche se pubblicizzano la stessa varietà. Vi consiglio di iniziare con solo due varietà, e come vi ho accennato nell’articolo precedente, provate a farle delle varietà pure, o molto stabili come la White Widow . Se riesci a ottenere semi regolari, molto meglio, ma se una delle due varietà è femminizzata, non succede nulla.

Attualmente, le banche del seme stanno producendo la maggior parte del loro catalogo in semi femminizzati, grazie alla comodità che il coltivatore ottiene dal non doversi preoccupare dei maschi, sapendo che quasi il cento per cento dei semi sarà femmina. In realtà c’è una probabilità dello 0,01% che non sia stata femminilizzata, e quindi di quello 0,01%, c’è una probabilità dello 0,005% che un maschio esca.

Al momento quello che ci interessa è ottenere esemplari regolari, dove possiamo selezionare sia maschi che femmine per la nostra prole.

Una volta che hai i semi, resta da iniziare a coltivarli. Il mio consiglio è che, in questo primo lotto, usa lo spazio più grande dato che non hai ancora genitori da salvare. Inoltre, essendo la prima selezione, è molto probabile che tu abbia un numero di piante maggiore rispetto al resto delle selezioni. L’ideale sarebbe dedicargli la stanza più grande, separando i maschi dalle femmine.

Quando le nostre piante avranno più di tre nodi e consideriamo che sono pronte, procederemo a fare due o tre cloni di ogni individuo. In questo caso è consigliabile etichettare ogni pianta con il nome e un numero. Per etichettare le talee allo stesso modo. Ricorda che l’ordine che manterrai nell’etichettatura sarà ciò che ti consentirà di mantenere identificate le diverse varietà e fenotipi.

Nel numero 115 di Cannabis Magazine ho spiegato come selezionare le piante madri e l’importanza dell’osservazione. Ti consiglio di dare un’occhiata a quell’articolo in modo che il tuo lavoro sia molto più preciso.

Poiché una stanza sarà utilizzata per allevare le piante femminili e un’altra per le piante maschili. Si consiglia di mettere le piante in entrambi gli armadi a crescere e poi separarle per sesso.

Durante tutta la coltura di selezione (nel grande armadietto dove abbiamo riposto tutti i semi) potremo apprezzarne tutti i tratti, sia in crescita che in fioritura, quindi durante tutto questo processo dovrai scartare gli esemplari che non ti interessano . Ricorda che quando decidi di sbarazzarti di una varietà devi sbarazzarti dei cloni che ne derivano.

Una volta terminata la prima fioritura avremo già selezionato i nostri genitori preferiti. Ovviamente la selezione del padre è un po’ più difficile del normale, quindi finché non potrai selezionare consapevolmente un buon maschio dovrai effettuare diversi incroci. Con il tempo imparerai a conoscere la morfologia del maschio, e potrai selezionare ad occhio nudo i migliori (mi riferisco sempre alla selezione dei tratti morfologici). In questo modo avrai risparmiato costi nella prima selezione che altrimenti sarebbero stati spese inutili.

All’inizio non ci restava che sfruttare il vano capiente e quello clonato, che è quello che spende meno per via dei suoi bassi consumi. A questo punto abbiamo potuto fare la prima selezione, ma è da qui che le cose si complicano, visto che è il momento di fare i cross. È in questa fase che dovremo sfruttare i quattro habitat che abbiamo creato, poiché cercheremo sempre di avere dei cloni preparati. Allo stesso modo, anche i genitori saranno sempre attivi. D’altra parte, le stanze di fioritura compiranno i loro cicli.

Ricorda che la scarsità di spazio renderà la tua selezione piuttosto imprecisa. Quindi potrebbe passare un po’ di tempo prima di definire i tratti genetici che desideri. Poiché ogni tratto è espresso in esemplari diversi, guardare un numero maggiore di individui può aiutarti a distinguere più chiaramente i tratti. Tuttavia, avere un numero maggiore di piante manifesterà anche più caratteristiche genetiche, poiché è più probabile che ciò avvenga per pura statistica.

Nonostante tutto ciò, non dovresti scoraggiarti poiché una delle esperienze più gratificanti per qualsiasi coltivatore è quella di aggiungere una pianta auto-selezionata al tuo giardino.

Ho bisogno di qualcosa in più?

A parte le solite stanze di coltivazione, come materiale in più vi consiglio di avere a portata di mano un set di pennelli (bastano quelli venduti nei bazar), che utilizzeremo per impollinare i nostri fiori femminili. Dovresti anche procurarti delle piastre Petri o simili per conservare il polline dei maschi che raccogli.

Con tutto quanto sopra descritto sarai pronto per realizzare il tuo allevamento di cannabis fatto in casa. Anche se col tempo la tua tecnica si perfezionerà e potresti voler cambiare queste linee guida che ti propongo. È del tutto normale: ogni maestro ha il suo piccolo trucco!

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping