Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
tricomi

Autofiorente outdoor: cosa potrebbe andare storto?

Questi tipi di semi crescono rapidamente e non si distinguono dando problemi. Poiché i semi autofiorenti outdoor sono più esposti alla luce solare, otteniamo un raccolto più ampio con cime che si distinguono soprattutto per le loro dimensioni. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo seguire una serie di consigli per sfruttare questo tipo di coltura . In questo articolo ne parliamo.

Attenzioni frequenti e buoni fertilizzanti sono le sfide del successo del tuo raccolto

Coltivare all’aperto ha molti vantaggi, ma poiché cresce così velocemente, è necessario ridurre gli errori. In questo caso, intendiamo dire che se una qualsiasi delle piante si ammala, dobbiamo tenere conto che il nostro tempo per il suo recupero sarà limitato e quindi il raccolto sarà minore. In genere, se dedichiamo tempo alla loro cura, annaffiando di tanto in tanto, concimando e utilizzando un pela gemme che faciliti il ​​processo, non dovrebbero esserci problemi. Dovremo utilizzare fertilizzanti e se viviamo in zone caratterizzate da freddo e pioggia, sceglieremo una varietà autofiorente che abbia la capacità di resistere a queste circostanze .

È importante notare che questi semi possono essere seminati in qualsiasi momento dell’anno, soprattutto se viviamo in luoghi con temperature miti e calde. Idealmente, queste piante dovrebbero ricevere una quantità media di 10 ore di luce solare. La stagione primaverile è il periodo ideale per questo motivo, poiché il sole rimane più a lungo in modo che le piante possano approfittarne.

Quando si procede alla coltivazione, la prima cosa è la germinazione. È meglio usare un bicchiere in cui metterli in acqua con carta assorbente. Se seminiamo i semi in un vaso, faremo in modo che abbia una capacità compresa tra 7 e 15 litri perché sarà lo spazio dove rimarrà la nostra pianta fino alla sua coltivazione. Per quanto riguarda l’irrigazione, non ha bisogno di tutta l’acqua che possiamo immaginare, ma non dobbiamo nemmeno lasciarla asciugare. A seconda delle circostanze meteorologiche, la frequenza dell’irrigazione sarà più o meno, ma non sarà mai eccessiva. Lo stesso vale per l’applicazione di fertilizzanti, poiché anche la quantità dovrà essere limitata .

Quali problemi possiamo avere quando piantiamo il nostro raccolto?

Come per tutte le altre piante, la varietà autofiorente outdoor non è immune da vari problemi che possono sorgere. Il primo di questi è quello dei temuti parassiti, anche se è vero che questa pianta è meno vulnerabile. Prevenire è meglio che curare, quindi rimarremo vigili e applicheremo saponi insetticidi in modo che le mosche bianche o gli afidi non diventino un problema.

Potrebbe interessarti
Quali semi autofiorenti danno più produzione?

Ci assicureremo inoltre che animali come gatti o uccelli non rovinino il nostro raccolto. L’ideale è inserire gabbie dotate di fili che proteggano le nostre piante . D’altra parte, presteremo attenzione anche a possibili intrusi che vorranno rubare il nostro raccolto. La cosa più consigliabile è che la coltivazione venga effettuata in zone dove non c’è molto afflusso di persone e includano elementi ingombranti che nascondono la piantagione.

 

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping