Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
coltivazione

Guida introduttiva di base alla coltivazione della cannabis

Il seguente articolo illustra i bisogni di base che un coltivatore deve soddisfare per coltivare cannabis. Dalla germinazione alla cura, l’intero ciclo naturale della pianta in modo che il prossimo autunno tu possa raccogliere la tua marijuana. Una guida completa alla coltivazione della cannabis.

La prima cosa che dobbiamo fare è scegliere la varietà di semi di cannabis che vogliamo piantare. Per questo, la migliore raccomandazione è di assicurarti nel tuo growshop la varietà più adatta a te, in base al tipo di coltivazione. Se stai pensando di coltivare all’aperto, la migliore è una varietà con un periodo di fioritura più rapido che termina prima che arrivi il freddo. Se ciò di cui hai bisogno è la cannabis per uso medicinale, devi essere molto specifico sulla varietà scelta, assicurati di coltivare la medicina che stai cercando.

Ricorda che la cannabis è una pianta e che può essere coltivata con la stessa facilità di qualsiasi altra pianta da fiore annuale. La natura si prende cura della maggior parte degli aspetti quando coltiviamo all’aperto. Al variare delle stagioni, la pianta riceve la giusta quantità di luce per la sua crescita e fioritura. Tutto ciò che serve è annaffiarlo quando ne ha bisogno e magari aggiungere del fertilizzante.

La coltivazione indoor richiede un po’ più di lavoro, bisogna fornire alla pianta tutti gli elementi necessari per la sua sopravvivenza: luce (con lampade speciali), cambio di stagione (programmatori), aria fresca (estrattori d’aria) e vento (ventilatori), terreno (vasi con il substrato) e pioggia (acqua e sostanze nutritive). Se alla pianta vengono forniti tutti gli elementi citati, è sufficiente una conoscenza di base del ciclo naturale della pianta.

Il ciclo naturale della pianta

Germinazione

Il processo di germinazione dei semi avviene allo stesso modo sia per la coltivazione all’aperto che per quella indoor; al momento dell’acquisto, i semi sono molto secchi e hanno bisogno di assorbire molta acqua prima di aprirsi. Questo può essere fatto in diversi modi, ma il più naturale è semplicemente lasciarli nel terreno o nel substrato scelto.e poi annaffialo. Normalmente mettiamo i semi in un bicchiere di acqua minerale (vedi foto 1 e 2). Il seme galleggia quando è asciutto, quando ha assorbito abbastanza acqua, il seme affonderà sul fondo del bicchiere e inizierà immediatamente a germogliare. Cercheremo sempre di mettere i semi nel substrato prima che germinino, circa cinque o sei ore dopo che sono affondati nel bicchiere. In questo momento mettiamo il seme profondo un centimetro in un vasetto riempito di terriccio o del substrato prescelto (vedi foto 3), mantenendo la stessa umidità senza che si inzuppi. Aspettiamo che germoglino le prime foglie (vedi foto 4a e 4b) Una volta che la pianta si è insediata nel terreno possiamo iniziare ad aggiungere fertilizzanti sotto forma di stimolatori radicali.

Le mini serre possono creare un ambiente più stabile, sono più adatte all’uso con cloni e piantine, soprattutto durante i primi giorni. Le giovani piante non hanno bisogno della stessa intensità luminosa di quelle che sono già nel periodo di fioritura. Non lasciarli mai troppo vicini a una forte fonte di luce o bruceranno. I tubi fluorescenti possono essere utilizzati per giovani piantine e talee. Le prime foglie ad apparire sono chiamate cotiledoni. Dopo questo la prima serie di foglie vere: queste sono foglie a una punta, dopo queste vengono a tre punte e dopo a cinque punte. Questo può continuare fino a raggiungere tredici punti!

Aumentare

La cannabis può essere piantata all’aperto non appena la zona in cui vivi inizia a ricevere abbastanza ore di luce solare: circa 16-18 ore al giorno. In Europa, ad esempio, questo avviene tra maggio e giugno. Durante questo periodo vegetativo la pianta può essere potata o diserbata per tenere sotto controllo dimensioni e forma. Continuerà a crescere fino alla stagione autunnale, quando avremo 12 ore di luce solare il suo ciclo di fioritura sarà interrotto (di solito intorno all’equinozio d’autunno).

All’interno la pianta richiede 18 ore di luce al giorno durante il ciclo di crescita; è più facile utilizzare un timer che accende e spegne le luci quando necessario. Il periodo di crescita può durare fino a una o due settimane per una pianta piccola e fino a 4 o 5 mesi per una pianta grande, a seconda di te. Importanti quanto i periodi di luce sono quelli bui che devi ricevere ogni giorno. Dovrebbero esserci circa 6 ore di oscurità totale e ininterrotta per un periodo di 24 ore. Questo è anche il ciclo necessario per mantenere in vita una pianta madre, così come per mantenere una talea fino a quando non è pronta a fiorire.

L’irrigazione deve essere eseguita solo quando il terriccio è molto asciutto. Questo di solito è una volta al giorno, e se il terreno è ancora bagnato alla fine del secondo giorno, metti troppa acqua e dovresti usarne meno la prossima volta. Ciò impedirà agli strati superiori della radice di annegare. I fertilizzanti organici possono essere aggiunti per migliorare la crescita e la salute delle piante, durante questo ciclo le piante hanno davvero bisogno di azoto (N). È importante, come regola generale, mantenere i livelli di Ph tra 5,8 e 6,8.

Fioritura

In questo momento l’ideale è 12 scuri e 12 chiari. Non appena hai solo 12-14 ore di luce solare, la pianta inizierà a fiorire. In Nord Europa questo avviene tra agosto e settembre e normalmente dura tra le 7 e le 16 settimane, a seconda della varietà che coltiviamo. Assicurati di utilizzare una varietà a fioritura rapida quando coltivi in ​​climi più freddi e settentrionali.

All’interno la pianta ha bisogno di 12 ore di luce ininterrotta e 12 ore di buio per fiorire senza stress leggero, che può causare l’interruzione del normale ciclo della pianta e interferire con il processo di fioritura. Le foglie di solito iniziano a ingiallire dopo la terza o quarta settimana di fioritura. Quando una foglia diventa gialla e rugosa va tagliata, fai sempre attenzione a non rimuovere troppe foglie verdi in quanto ciò può inibire la fotosintesi della pianta. L’irrigazione dovrebbe essere applicata allo stesso modo del periodo di crescita, ma ora è necessario utilizzare fertilizzanti che contengono fosforo (P) e potassio (K) per avere una pianta più sana e vigorosa che produrrà un raccolto più ampio.

È importante smettere di aggiungere fertilizzanti all’acqua durante le ultime settimane di fioritura, questo eliminerà i nutrienti dalla pianta e migliorerà il gusto e la qualità del prodotto finale. Quando la pianta ha completato il ciclo di fioritura e le gemme oi fiori sono maturi, appassirà e morirà se lasciata sola. Le piante da fiore hanno bisogno di quanta più luce possibile. Non mettere la pianta all’ombra o troppo lontano dalla luce. Si consiglia l’uso di catene o sistemi di carrucole che consentono di regolare l’altezza della lampada quando necessario.

Non dimenticarlo

Le piante maschili non producono ‘fiori’ fumabili, e quando il loro polline raggiunge le piante femminili, i germogli delle piante femminili produrranno semi e la qualità del prodotto sarà inferiore a quella delle piante non impollinate. I maschi dovrebbero essere rimossi il prima possibile, a meno che tu non voglia semi.

Le piante femminili possono essere identificate dai piccoli peli bianchi o dai pistilli. All’inizio della fioritura appariranno più pistilli e quando i fiori raggiungeranno la maturità cominceranno a cambiare aspetto. I fiori di cannabis maturi in genere mostrano colori marrone, verde, arancione e viola.

La cannabis è normalmente pronta per la raccolta quando il 60-80% dei pistilli è cambiato e i fiori sono ricoperti di resina. Questo, ovviamente, dipenderà dalla varietà che abbiamo scelto di coltivare.

Raccolta ed essiccazione

Questo è solitamente un momento doloroso, perché dopo aver curato la pianta per così tanto tempo, è ora di tagliarla. Non appena i cristalli maturano (vedi foto cinque) è il momento di tagliare i rami. Possiamo appenderli a testa in giù da un cavo fino a quando non sono completamente asciutti, che possono essere controllati in modo semplice piegando un ramo. Se si piega è ancora bagnato, ma se si rompe o si spezza è abbastanza asciutto da poter essere riposto. Il processo di essiccazione può richiedere fino a tre settimane per i rami più grandi e da sei a sette giorni per le cime più piccole. Non appena i rami sono asciutti si può iniziare a togliere le foglie, che non vanno affumicate, ma possono essere utilizzate per fare il tè, i biscotti o l’hashish.

La cura

Dopo l’essiccazione, la cannabis è quasi pronta per il consumo, ora arriva la parte più difficile. Per ottenere il miglior risultato qualitativo, la cannabis deve essere stagionata, questo va fatto in barattoli di vetro, conservandoli in un luogo buio per un periodo compreso tra due e quattro mesi. Questo processo cambierà leggermente il colore dell’erba quando la clorofilla si rompe. Il sapore cambia verso un aroma più purgativo dovuto al processo di fermentazione. Pensa alla tua cannabis come a un buon vino.

Ti potrebbe interessare anche:

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping