Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
lavoro canapa

Lavoro legale nel settore della cannabis

Il mercato della marijuana, sia legale che illegale, crea molti posti di lavoro non solo negli Stati Uniti ma nel resto del mondo.

L’aumento esponenziale delle vendite di cannabis negli ultimi due anni ha portato a una massiccia espansione dell’industria della cannabis. Il numero totale di persone impiegate a tempo pieno nell’industria della cannabis oggi è di quasi cinquecentomila. E continua ad aumentare mensilmente man mano che sempre più stati stabiliscono i loro mercati legali di cannabis.

Centinaia di americani stanno passando all’industria della cannabis poiché le aziende legate alla cannabis aprono più opportunità di lavoro. Man mano che gli stati si collegano, si aprono diverse posizioni in queste attività. Man mano che queste attività maturano ed espandono, altre persone vengono assunte in nuove posizioni.

Oggi ci sono dozzine di posizioni nel settore della cannabis e ogni giorno vengono create più opportunità di lavoro per la marijuana nelle nicchie della coltivazione, lavorazione, vendita al dettaglio e persino consegna. L’industria è appena iniziata.

Opportunità di lavoro nell’industria della cannabis statunitense

Prima del massiccio aumento delle vendite durante la pandemia, l’industria della marijuana contava meno di 100.000 lavoratori. L’impennata nella creazione di posti di lavoro sulla cannabis è iniziata quando le vendite al dettaglio sono aumentate in modo esponenziale.

Poiché stati come New Jersey, Connecticut e New York sono destinati a implementare le vendite al dettaglio nei prossimi mesi, i lavoratori della cannabis supereranno mezzo milione. I dati del 2021 mostrano una notevole differenza nel numero di lavoratori dal 2020 al 2021. Indipendentemente dai problemi in corso, nello spazio economico globale, l’industria della cannabis ha continuato ad aumentare. In effetti, molti lavoratori sfollati provenienti da altri settori hanno cambiato carriera per scavare in diverse nicchie nel campo della cannabis.

Nel 2021, almeno 100.000 nuovi posti di lavoro sono stati creati nell’industria della cannabis degli Stati Uniti dagli stati legali della cannabis. Rispetto ai 32.700 nuovi posti di lavoro del 2019, l’anno scorso è stato l’anno migliore per l’industria della cannabis. Nel 2020 verranno creati circa 76.000 posti di lavoro. Ci si può solo chiedere quale sarà questa cifra entro la fine dell’anno. Al 31 dicembre 2021, il numero totale di lavoratori nell’industria della marijuana era ancorato a 428.059, quasi centomila in più rispetto al conteggio totale per il 2020.

Maggiori dettagli sulla relazione

Leafly ha collaborato con Whitney Economics, una società di analisi economiche della cannabis, per compilare questo rapporto dettagliato. Il rapporto rileva inoltre che entrambi i mercati della cannabis, ovvero i mercati ricreativi e medici negli stati legali del paese, hanno venduto prodotti a base di cannabis per un valore di almeno 25 miliardi di dollari da gennaio a dicembre 2021. Questa cifra è di circa 6 miliardi di dollari in più rispetto alle vendite totali di cannabis del 2020.

Il rapporto evidenzia che l’industria della marijuana ha la crescita più rapida nel mercato globale. Ha sovraperformato altri mercati legali tradizionali ed è ancora d’accordo con la mossa. Il settore ha un tasso di crescita dell’occupazione superiore al 25 per cento; questo è il caso dal 2018. Rispetto all’industria della cannabis, altre attività tradizionali sono cresciute di meno del 10%. Gli esperti prevedono che questa tendenza continuerà fino alla fine del decennio in corso nel 2030.

Leafly ha spiegato che l’espansione del settore è rallentata dalla carenza di posti di lavoro, dall’apertura al dettaglio in attesa e dai posti di lavoro non occupati. Da ora fino al momento in cui le vendite al dettaglio saranno implementate in diversi stati, i dipendenti saranno impegnati ad assumere abbastanza lavoratori per assicurarsi che siano abbastanza capaci per soddisfare le loro esigenze future.

Un motore economico

Per molti stati legali, l’industria della cannabis agisce come un motore economico, spingendo le loro varie economie a nuovi livelli. Dalla prima implementazione della vendita al dettaglio di cannabis ricreativa nel 2014, l’industria statunitense della cannabis ha creato centinaia di migliaia di nuove opportunità di lavoro. In una dichiarazione ufficiale, viene spiegato che l’industria della cannabis ha il potenziale per essere un determinante economico alimentare in futuro negli stati legali in cui i cibi a base di canapa e gli infusi di cannabis stanno guadagnando terreno. Ha espresso la sua gioia nel vedere il numero crescente di nuovi posti di lavoro nell’industria della cannabis. Dice che i dati sull’occupazione riflettono la crescita positiva del settore.

Non c’è momento migliore per chiedere riforme sulla cannabis degli anni delle elezioni. Quest’anno si terranno le elezioni di medio termine. Gli elettori devono assicurarsi che i funzionari eletti comprendano la necessità di riforme sulla cannabis. In paesi come il Canada e  la Germania , la cannabis è rimasta un’industria locale leader. Anche gli Stati Uniti possono raggiungere in breve tempo il loro obiettivo di un’industria equa e redditizia.

La realtà dell’industria della cannabis

L’industria della cannabis sta crescendo fino a diventare una delle industrie più popolose per i lavoratori negli Stati Uniti. Gli esperti hanno analizzato i dati del settore e hanno scoperto tre volte più lavoratori nell’ecosistema della marijuana rispetto ai dentisti. Si potrebbe anche dire che ci sono più opportunità di lavoro nella cannabis rispetto a barbieri e sarti messi insieme.

Di questo passo, il numero totale di lavoratori impiegati nelle attività legate alla cannabis raggiungerà e supererà il milione di lavoratori. Anche le entrate annuali totali generate dall’industria della cannabis potrebbero raddoppiare prima del 2025. Anche a quel livello, l’industria non sarebbe ancora in grado di soddisfare metà del suo mercato potenziale.

In conclusione

L’industria della cannabis statunitense, escluso il mercato nero, crea una media di 250 nuovi posti di lavoro al giorno. Questo si traduce in una persona che viene assunta per un lavoro legato alla cannabis ogni due minuti. Se questa cifra sembra possibile, controlla i dati recenti sulle entrate fiscali e sulle vendite di marijuana in diversi stati legali e potresti rimanere sorpreso.

È più che evidente che l’industria della cannabis è qui per restare. Continuerà ad espandersi man mano che più stati adotteranno riforme sulla cannabis medica e ricreativa. Man mano che cresce, vengono creati centinaia di nuovi posti di lavoro per soddisfare la domanda dei consumatori. Se stai cercando di cambiare carriera, non guardare oltre l’industria della cannabis.

Ti potrebbe interessare anche:

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping