Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
sapone di cannabis

Come fare il sapone alla cannabis

CON IL NOSTRO AMATO OLIO DI CANNABIS POSSIAMO FARE UN SAPONE DI LUSSO

Possiamo anche usare oli vegetali che gli daranno una consistenza più morbida. Se prepariamo la nostra miscela con olio in proporzione maggiore della soda caustica, otterremo un sapone liquido. La soda caustica può essere sostituita dall’idrossido di potassio, in tal caso avremo come risultato un prodotto morbido, generalmente utilizzato per fare saponi antiseborroici, poiché l’idrossido di potassio le conferisce una proprietà essiccante che aiuta ad eliminare il grasso in eccesso del cuoio capelluto, provocando lo sgradevole ridimensionamento biancastro.

Sbarazzarsi di disagi come la seborrea ha il suo prezzo. E questo è l’alto costo dell’idrossido di potassio, che sarà responsabile di girare gli occhi quando vedremo il prezzo di questo tipo di sapone sugli scaffali. Sebbene la questione del prezzo monetario sia strettamente legata alla qualità delle materie prime utilizzate, non implica che le più costose siano sempre le migliori. Questo è in parte vero e in parte non lo è. Se mettiamo il peso del potere pulente di un sapone nella schiuma che produce, ci perdiamo parte della storia. Che un sapone lavi meglio non dipenderà puramente ed esclusivamente dalla schiuma che produce.

Una pulizia di lusso

 Ovviamente, con il nostro amato olio di Cannabis Sativa L. possiamo realizzare un lussuoso sapone, molto morbido, molto idratante e che fornirà alla pelle vitamine A, E e C, oltre a potenti antiossidanti. Nel complesso, un buon rigeneratore cellulare. Otterremo un sapone verde aromatico con una schiuma dalla consistenza molto setosa.

La precauzione da prendere è che poiché l’olio di cannabis contiene molti acidi grassi, il sapone avrà una durata di conservazione non superiore a sei mesi, quindi è consigliabile aggiungere un olio di resina di rosmarino per evitare che si ossidi. diventare rancido. Se non vuoi aggiungere nulla, puoi conservarlo in frigorifero.

Ecco la nostra ricetta per il sapone all’olio di cannabis, è molto semplice:

Devi solo prendere alcune precauzioni come indossare guanti e occhiali protettivi, l’area di lavoro deve essere pulita e asciutta e gli utensili utilizzati devono essere in ceramica, acciaio o plastica resistente al calore di buona qualità.

Tutte le sostanze chimiche pericolose devono essere adeguatamente etichettate e conservate in un luogo sicuro quando non vengono utilizzate. La maggior parte dei materiali può essere trovata a casa o in un negozio di ferramenta.

ingredienti

473 ml di olio di cannabis
177 ml di acqua distillata
62 ml di soda lisciva (idrossido di sodio)
Gocce di un olio essenziale a scelta
Guanti
Occhiali protettivi
2 grandi vasi
Termometro

Processi

  • Preparare l’ambiente di lavoro, assicurarsi che tutti gli ingredienti siano dosati e che il locale sia ventilato.
  • Indossa i guanti e gli occhiali di sicurezza.
  • Metti l’acqua distillata nella pentola e versa la lisciva con cura e lentamente. Evitare di inalare i vapori che vengono sprigionati. Questa miscela produce molto calore.
  • Metti il ​​termometro all’interno della pentola contenente la lisciva e lascialo raffreddare a 40°C.
  • Versare l’olio di canapa nell’altra pentola e scaldare anche lui a 40°C.
  • Quando entrambe le miscele sono alla stessa temperatura (40°C), aggiungere la liscivia all’olio di cannabis.
  • Mescolare moderatamente e costantemente.
  • Una volta che iniziano ad apparire come nastri di sapone solidificato, che si evidenziano per essere più opachi rispetto al resto della miscela, la comparsa di queste tracce può richiedere un’ora di agitazione.
  • Aggiungi la fragranza che hai scelto e sfuma ancora per qualche secondo per ottenere l’uniformità.
  • Versate il composto negli stampini, assicuratevi di averli vicino a dove state impastando. Conservare gli stampini in un luogo fresco e buio.
  • Gli stampi, prima di versare il sapone per solidificare, possono essere foderati internamente con un sacchetto di plastica per facilitarne lo sformamento in seguito.
  • Dopo tre giorni dalla fine della solidificazione, il sapone può essere sformato.
  • Inizia a usare il sapone sei settimane dopo che è stato sformato, per consentire al sapone di indurire, per far evaporare eventuali tracce di candeggina che potrebbero essere rimaste sulla sua superficie.

Naturalmente, oltre all’olio di cannabis possono essere utilizzati altri oli. L’olio di ricino utilizzato dal quattro al sei percento conferisce al sapone la proprietà di creare una schiuma ancora più cremosa.

Se vogliamo ottenere un sapone dalle proprietà lenitive, possiamo preparare una camomilla, facendola bollire in acqua distillata, che poi aggiungeremo alla candeggina. Puoi anche preparare un sapone esfoliante aggiungendo semi di cannabis tritati alla miscela o, per un esfoliante più potente, aggiungi i noccioli di pesca tritati.

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping