Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
cannabis

Gli estratti di cannabis potrebbero ridurre l’insufficienza polmonare in caso di covid

Alcuni ceppi di cannabis possono funzionare per ridurre la sindrome da distress respiratorio acuto, un’insufficienza polmonare improvvisa e grave che si verifica in alcuni pazienti con COVID-19. Uno studio preliminare condotto in laboratorio con pelle umana artificiale ha testato sette diverse varietà di estratti di cannabis e tre di esse hanno ridotto l’induzione di citochine legate all’infiammazione e alla fibrosi polmonare, mentre una delle varietà ha peggiorato i sintomi.

Le tre varietà che hanno innescato un effetto positivo sul tessuto polmonare artificiale hanno agito diminuendo l’azione delle citochine responsabili dell’innesco della risposta infiammatoria polmonare e della fibrosi. La “pronunciata inibizione delle [citochine] TNFα e IL-6” osservata è la scoperta più importante, perché queste molecole sono attualmente considerate i principali bersagli nella patogenesi della tempesta di citochine covid-19 e della sindrome da distress respiratorio acuto.

I risultati ottenuti sul tessuto artificiale sono stati promettenti in tre dei casi, ma sono necessarie ulteriori ricerche per sapere se potrebbe funzionare e quali tipi di estratti di cannabis potrebbero funzionare. Il fatto che uno dei sette estratti di cannabis avesse un effetto controproducente sull’infiammazione ha avvertito i ricercatori che, a seconda della varietà utilizzata, si potrebbero innescare effetti positivi o negativi.

“Questa è una scoperta molto importante che dimostra che la cannabis non è generica. In effetti, i ceppi hanno profili cannabinoidi e terpenici unici che possono migliorarsi a vicenda e quindi estratti di ceppi diversi possono avere proprietà medicinali diverse, anche se le proporzioni dei principali cannabinoidi (THC e CBD) sono simili. Pertanto, ogni varietà di C. sativa deve essere attentamente valutata per le sue proprietà medicinali “, afferma lo studio.

Gli autori riconoscono che i risultati dello studio sono limitati, tra l’altro per aver utilizzato un modello di pelle artificiale non del tutto conforme a quello dei polmoni, e per aver provocato l’infiammazione dei tessuti con i raggi ultravioletti invece che con il virus SARS -CoV2. “Sarebbe importante replicare i dati nei modelli di tessuto epiteliale e alveolare delle vie aeree e utilizzare il virus SARS-CoV2 o i suoi componenti per indurre l’infiammazione”, affermano le conclusioni dello studio. “Inoltre, lo studio è stato sviluppato per analizzare gli effetti delle applicazioni di cannabis medica e della cannabis non fumata”, afferma l’articolo pubblicato sulla rivista biomedica Aging e condotto da ricercatori canadesi.

 

ti potrebbe interessare anche:

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping