Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog

Guida all’utilizzo dei semi: Tutto quello che c’è da sapere sui semi di cannabis light

La cannabis è una pianta che puo essere di sue varietà monoica e dioitica :Appennino Farm coltiva solo varietà dioitca  il che significa che i suoi organi riproduttivi femminili e maschili si trovano su individui separati. Le varietà monoiche sono invece esemplari che presentano entrambi i sessi sulla stessa pianta. Le piante di cannabis femminili vengono coltivate in un ambiente senza maschi per produrre ciò che troviamo nei negozi medici e ricreativi: semi di marijuana ad alta potenza, tradizionalmente noti come “sinsemilla”.

Per riprodursi,  il fiore di una pianta femminile deve essere impollinato da una pianta maschile , dopo tale processo il fiore femminile produce semi. Tuttavia, molte varietà di cannabis possono produrre alcuni fiori maschili accanto a fiori femminili sulla stessa pianta, specialmente se esposti a fattori di stress ambientale o lasciati fiorire per un periodo più lungo del normale. Questa è conosciuta come la condizione ermafrodita, ed a volte questi fiori maschili producono polline vitale e auto-impollinano i fiori femminili circostanti per creare semi. L’ermafrodismo si manifesta solo sulle varietà diotiche.

Una volta che i semi sono maturi, la pianta femminile inizia a morire e i semi vengono gettati sul terreno dove germinano e crescono in nuove piante di cannabis la prossima primavera, oppure vengono raccolti per essere trasformati in olio di semi di canapa, prodotti alimentari o per esser seminati e per diventare la prossima generazione di piante.

 

Cosa sono i semi di cannabis femminizzati?

I semi femminizzati producono piante che sono quasi  identiche alla pianta genitrice femminile autoimpollinata (o “autoprodotta”), in quanto è presente un solo insieme di geni. Questo è a volte indicato come “clonazione per seme” e non produrrà alcuna pianta maschile. Tuttavia, se la genetica non viene stabilizzata si rischia di ritrovarsi con semi che possono essere ermafroditi e che possono produrre fiori con semi in essi e rese ridotte.

 

Cosa sono i semi auto-fiorenti di canapa legale?

La maggior parte delle piante di cannabis inizia il suo ciclo di fioritura quando il fotoperiodo, o il periodo di tempo in cui sono esposti alla luce ogni giorno, viene ridotto a un valore compreso tra 12 e 14 ore, indipendentemente dalle dimensioni o dall’età della pianta

Alcuni coltivatori incrociando specie a basso tenore di THC con altre varietà più potenti hanno creato ceppi autofiorenti. Questi ceppi producono fiori di cannabis indica, sativa incrociate con la ruderalis ( una varietà che cresce dove le estati sono molto brevi ma ci sono molte ore di luce 22/24 ore al giorno)e iniziano a fiorire non appena raggiungono la maturità.Queste varietà sono maggiormente utilizzate nelle località con climi nordici dove le estati sono brevi e fredde, e il tempo piovoso arriva all’inizio dell’autunno. I ceppi autofiorenti possono essere avviati all’inizio della primavera e fioriranno durante i giorni più lunghi dell’estate per sfruttare la luce di altissima qualità disponibile. A differenza delle madri clone, i ceppi autofiorenti non possono essere mantenuti in uno stato vegetativo.

Qual è la differenza tra semi di cannabis e cloni di cannabis (talea) ?

Una talea ( o clone) è un taglio prelevato da una pianta e quindi posto in una sorta di substrato per indurre la produzione di radici. Una volta radicato, può essere trasformato in una pianta matura geneticamente identica a quella da cui è stata tagliata.

I semi portano informazioni genetiche da due piante madri che possono essere espresse in numerose combinazioni diverse, alcune come la madre, alcune come il padre e molte che presentano vari tratti da entrambi. Creare piante di cannabis identiche usando i semi è un processo molto difficile e lungo. Generalmente, negli stati uniti  i produttori di cannabis pianteranno molti semi e scelgono la pianta migliore, quindi prendono le talee  da quell’individuo per coltivare i loro fiori di cannabis o semplicemente iniziano con un clone comprovato acquisito da un altro coltivatore come pianta madre.  Questa operazione in italia non è ammessa pertanto prima di fare una talea a scopo di commercializzazione delle infiorescenze è sempre meglio fare riferimento al decreto ministariale in merito 

Che cosa rende un seme di cannabis un seme di alta qualità?

Ci sono diversi fattori che determinano se i semi di cannabis sono di alta qualità o meno. Prima di tutto, devono essere lasciati a  maturare pienamente sulla pianta prima del raccolto. Successivamente, devono essere correttamente conservati per non acquisire muffe o altri agenti patogeni che possono rovinarli. I semi devono essere conservati in un luogo buio e fresco e utilizzati entro 16 mesi, o congelati per uso futuro.

Il fattore più importante nella qualità dei semi è la genetica. Per coltivare cannabis di qualità, hai bisogno di una buona genetica. Alcuni agricoltori (in particolare per specie non certificate ) meno scrupolosi incroceranno semplicemente una bella femmina con un maschio casuale e venderanno i semi risultanti. Altri  prenderanno il loro tempo incrociando e incrociando le piante per stabilizzare i tratti più desiderabili, mentre continuano a produrre una gamma di fenotipi diversi. Questo gruppo rappresenta la maggior parte dei semi presenti sul mercato.

Gli agricoltori davvero dedicati hanno lavorato per anni per creare “linee inbred”, o IBL, che produrranno piante con una differenza molto piccola. Le IBL rappresentano solo una piccola parte del mercato dei semi di cannabis, poiché sono generalmente utilizzate dagli allevatori e non dai produttori di cannabis.

Come far germogliare i semi di cannabis?

In natura, le piante di cannapa femminile lasciano cadere i loro semi mentre muoiono in autunno, poi quando il clima più caldo e più umido della primavera arriva, questi semi germogliano e diventano nuove piante. I metodi tradizionali all’aperto usati da secoli coinvolgono semplicemente la trasmissione di semi a mano su campi coltivati.

Ci sono molti metodi usati dai coltivatori moderni per germinare i semi. Il più facile è mettere il seme in un miscuglio di terriccio leggero coperto da 1/3 a 1/2 cm di terreno. Mantenere il terreno umido e relativamente caldo (20-26 gradi) fino a quando il seme non è germogliato in una piantina. Altre tecniche comportano un leggero sfregamento del rivestimento del seme per garantire che il seme sia in grado di aprirsi, pre-inumidire i semi e persino germinarli in un asciugamano di carta bagnato fino a che l’epicotilo non emerge e quindi piantarli delicatamente nel terreno di coltura con una pinzetta. Ci sono anche prodotti popolari chiamati Jiffy costituiti da un piccolo blocco di terreno di coltura, torba spesso compresso o fibra di cocco, con un piccolo foro nel mezzo in cui è posto il seme.

Che cosa  bisogna sapere sui semi ad alto contenuto di CBD?

Il cannabidiolo, o CBD, è uno dei componenti chimici (noti collettivamente come cannabinoidi) presenti nella pianta di cannabis. Ultimamente sono stati fatti molti dei potenziali benefici della CBD per il trattamento dei sintomi di molte malattie e condizioni. Attraverso millenni di selezione umana per alto contenuto di THC, la cannabis con alti livelli di CBD era diventata estremamente rara, in quanto i percorsi genetici attraverso i quali il THC è sintetizzato dalla pianta, sono diversi da quelli per la produzione di CBD.

La cannabis utilizzata per la produzione di canapa è stata selezionata per altri tratti, compreso il contenuto di THC molto basso, in modo da rispettare le varie leggi sulla droga. Di conseguenza, molte varietà di piante di canapa producono quantità significative di CBD. Molti coltivatori hanno effettuato selezioni di annabis che ha alti livelli di CBD a scopo medico,  alcuni di questi ibridi hanno poco o nessun THC, alcuni hanno 1: 1 ratio, e alcuni che hanno ancora alto contenuto di THC insieme con quantità significative di CBD (25/30 % o più).

I semi per queste varietà sono ora ampiamente disponibili online e attraverso i dispensari medici. Va notato, tuttavia, che qualsiasi pianta che viene coltivata da questi semi se non certificata non è garantita per produrre alti livelli di CBD, poiché ci vogliono molti anni per creare una linea di semi che produca risultati coerenti. Ci sono coltivatori che stanno attualmente lavorando alla produzione di ceppi di semi con livelli di CBD coerenti, ma finché questi semi non saranno ampiamente disponibili. Nei paesi dove consentito ( non in Italia) un coltivatore che vuole produrre in autonomia cannabis con un certo rapporto tra THC e CBD ( ad uso ricreativo) dovrà crescere da un clone testato e provato o crescere molti semi fuori alla maturità, oppure utilizzare semi certificati la cui genetica è gia stabilizzata da anni.

Spero , ora che sei arrivato alla fine del mio articolo, che tu abbia abbastanza conoscenze per iniziare ad avviare con successo la tua produzione di cannabis light ! Coltivare le piante dovrebbe essere un passatempo piacevole e gratificante, quindi ricorda, passa molto tempo con le tue piante e divertiti!

 

Leave your thought

Chiudi
Comparatore
Wishlist 0
Open wishlist page Continue shopping