Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
marijuana

Morti per marijuana: mito o realtà?

Pochi giorni dopo la legalizzazione della cannabis in Colorado (USA), (parliamo di ottobre 2021)  un quotidiano di quello stato, il Daily Currant, ha pubblicato un articolo intitolato “L’overdose di marijuana provoca 37 morti il ​​primo giorno di legalizzazione”. 

La cronaca raccontava come, durante il primo giorno di legalizzazione, decine di persone fossero morte per un’overdose di questo farmaco e avevano testimonianze come quella del dottor Jack Sephard, chirurgo capo del St. Luke’s Hospital di Denver, che fece notare come ” aveva messo i cadaveri di cinque giovani in sacchetti di plastica dalla colazione e molti altri ne arrivano ogni minuto (…) Abbiamo assistito a casi di infarto, ipospadia, trimetilaminuria e insufficienza multiorgano. Il presidente di una distilleria locale ha sottolineato come “la marijuana sia una droga pesante mortale che provoca dipendenza e distrugge vite. Hai mai sentito parlare di qualcuno che ha esagerato con la birra? I gruppi pro-marijuana hanno le mani insanguinate”.

La notizia si è diffusa a macchia d’olio attraverso social network, siti Web e blog su Internet.

 In un mondo in cui i media tradizionali sono sempre più screditati ma in cui i canali di informazione si sono moltiplicati, può essere difficile distinguere tra informazioni vere e false. E tutti tendiamo a dare credibilità a notizie e informazioni che coincidono con le nostre idee e convinzioni. Ecco perché la scuola dovrebbe includere una materia obbligatoria che insegni come analizzare criticamente e guardare l’enorme quantità di informazioni che riceviamo durante la giornata. In fondo, coloro che prendono questo tipo di notizie come vere inconsciamente vogliono che lo sia, per rafforzare le loro argomentazioni (in questo caso, che la cannabis è una droga malvagia e malvagia che dovrebbe rimanere vietata).

Ma a volte capita che la realtà superi la satira. O almeno sembra che sia quello che i media stanno cercando di venderci. Anche se la storia di Daily Currantè uno scherzo ironico, nelle ultime settimane i media hanno insistito per offrirci notizie insistenti su presunti casi di persone morte dopo aver consumato cannabis. Il 31 gennaio del 2021, diversi media hanno fatto eco alla morte di una cittadina britannica di 31 anni di nome Gemma Moss, una fumatrice abituale di cannabis. Secondo le informazioni pubblicate dalla stampa, l’autopsia “non rivela alcuna causa naturale di morte, ma la possibilità più attendibile è che (la donna) sia morta a causa di una massiccia assunzione di cannabis”. Il paziente era in cura con antidepressivi e le circostanze della morte non sono chiare nel trattamento informativo della notizia, ma ha avuto ampia copertura sui principali media britannici, oltre che nel nostro Paese.

Le “morti per cannabis” non sono l’unico elemento di questa campagna di disinformazione. Pochi giorni fa è stata pubblicata la notizia di una presunta distribuzione di caramelle alla cannabis ai bambini al carnevale belga, sulla base di opinioni, supposizioni e senza fornire una sola informazione oggettiva. Dai, un remakedegli adesivi inesistenti impregnati di LSD che gli spacciatori hanno distribuito alle porte delle scuole negli ultimi 50 anni. Nelle stesse date abbiamo potuto leggere notizie su gravi casi di intossicazione legati ai cannabinoidi sintetici. Sostanze tra le 100 e le 1.000 volte più potenti della marijuana e che non sono mai state testate sull’uomo. In questo caso, è vero che i consumatori di Spice, JWH e altri rifiuti simili si comportano come autentiche cavie. Ma quando l’informazione è per lo più intrattenimento, è impossibile distinguere i pericoli reali da quelli fittizi. Esattamente come nella storia di Pietro e il lupo.
Ti potrebbe interessare anche:

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping