Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
dolore cronico

Il CBD nel trattamento del dolore cronico

Il trattamento del dolore cronico con CBD potrebbe rappresentare un nuovo approccio farmacologico non invasivo basato su un principio attivo di derivazione naturale ben tollerato.

Il dolore è uno dei sintomi più comuni in varie malattie ed è caratterizzato da una sensazione sgradevole che varia a seconda del fenomeno attuale che lo provoca e delle caratteristiche della persona che lo avverte. Il dolore può essere acuto – facilmente curabile e generalmente autolimitante – o cronico, spesso invalidante e di difficile intervento.

Per migliaia di anni, la cannabis è stata utilizzata per scopi medicinali. È ormai noto che il corpo umano è dotato di un sistema endocannabinoide (ECS) che riceve e traduce i segnali dei cannabinoidi. Esistono infatti composti prodotti in modo endogeno che possono interagire con quelli che vengono comunemente chiamati recettori dei cannabinoidi. Tali composti sono, ad esempio, anandamide (EEA) e 2-AG (2-AG). L’ECS è responsabile della regolazione di alcune funzioni fisiologiche come il sonno, la fame, la coordinazione motoria, le risposte del sistema immunitario e il dolore. Il cannabidiolo (CBD) è uno dei circa 120 composti chiamati fitocannabinoidi, come il tetraidrocannabinolo (THC), ma si differenzia da quest’ultimo in quanto non provoca il cosiddetto  effetto alto“Psicotropico, in quanto mostra una leggera affinità per i recettori dei cannabinoidi interagendo con varie altre neurotrasmissioni. Molti studi dimostrano che il CBD, attraverso vari meccanismi d’azione, esercita anche diversi effetti farmacologici sul sistema nervoso centrale.

Il dolore può essere classificato come acuto o cronico:

Dolore acuto

Succede all’improvviso ed è causato da qualcosa di specifico, come un trauma o un intervento chirurgico, e può essere accompagnato da ansia o stress emotivo. Ha una vita limitata e scompare quando la causa si estingue. Le cause del dolore acuto includono:

– Chirurgia

– trauma

– bruciature o tagli

– travaglio e parto

Dolore cronico

A differenza del dolore acuto, può durare più di sei mesi e continuare anche quando il grilletto è scomparso. I segnali di dolore rimangono attivi per settimane, mesi o anni e possono essere aggravati da fattori ambientali e psicologici. Questo tipo di dolore è resistente a molti trattamenti medici e persino farmacologici. Il dolore cronico ha effetti negativi soprattutto nella sfera psichica, provocando depressione, rabbia e ansia. Il dolore cronico è legato a condizioni che includono:

– emicrania e mal di testa

– artrite

– cancro

– nevralgie

– sciatalgia

– fibromialgia

– dolore neuropatico

Mentre il dolore acuto è facilmente curabile, ad esempio con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e/o oppiacei deboli o forti , a seconda dell’intensità, il dolore cronico, in particolare il dolore neuropatico , è difficile da trattare e particolarmente debilitante . Nell’ultimo decennio sono stati sviluppati nuovi approcci al controllo del dolore ed è stata prestata particolare attenzione agli ausili analgesici, che continuano ad attirare molto interesse scientifico . Il ruolo della cannabis e dei suoi componenti, chiamati fitocannabinoidi, come coadiuvanti nel trattamento del dolore cronico è stato oggetto di numerosi studi preclinici e clinici.

Il Cannabidiolo è, insieme al THC, uno dei componenti principali della Cannabis, ed è stato segnalato che ha potenzialità terapeutiche nel trattamento di alcune forme di dolore cronico, sia infiammatorio che neuropatico, agendo in quest’ultimo soprattutto nelle comorbidità associate .

Cannabidiolo e suoi meccanismi d’azione 

Uno dei composti più importanti che vengono estratti dalla pianta di cannabis, insieme al THC, è il CBD. Esistono diverse specie di cannabis che forniscono più di 100 cannabinoidi, ma la medicina si è concentrata principalmente sugli studi sul tetraidrocannabinolo (THC) e sul cannabidiolo (CBD) per il trattamento di alcune forme di dolore, principalmente refrattarie al trattamento con oppiacei. In generale, le forme di dolore refrattarie all’uso di oppioidi sono quelle che hanno una componente neuropatica o anche dolore con una significativa componente idiopatica, come la fibromialgia .

Il cannabidiolo è un composto molto interessante dal punto di vista farmacologico. Agisce male sui recettori cannabinergici CB1 e CB2 ma è in grado di interagire con diverse neurotrasmissioni a livello del sistema nervoso centrale. Ad esempio, è stato riportato un possibile ruolo nella regolazione del tono adenosinico endogeno. Infatti, gli effetti analgesici del CBD sembrano essere antagonizzati da sostanze in grado di inibire i recettori dell’Adenosina A1 . Questi recettori sono fortemente coinvolti sia in periferia che al centro con la trasmissione e la cronicizzazione del dolore. Un altro meccanismo d’azione del CBD è quello di attivare i recettori della serotonina 5HT1. L’attivazione di questi recettori sarebbe di fondamentale importanza per l’effetto del CBD sul tono dell’umore e sulle comorbidità associate al dolore neuropatico, come ansia e depressione. Questa evidenza rende il CBD un ingrediente attivo potenzialmente utilizzabile nel trattamento di pazienti con dolore neuropatico cronico.

Usi terapeutici del CBD

Diversi studi preclinici e studi clinici hanno dimostrato l’efficacia del CBD nel trattamento dei sintomi del dolore neuropatico, da solo o in combinazione con tetraidrocannabinolo. In particolare, il CBD riduce le sequele centrali associate al dolore cronico come ansia e depressione. Ansia e depressione sono in realtà due facce della stessa medaglia, infatti oggi il disturbo d’ansia generalizzato viene trattato con farmaci antidepressivi piuttosto che con benzodiazepine. Il CBD, grazie alla sua interazione con i recettori del sistema serotoninergico, riduce queste comorbilità, aiutando il paziente a far fronte ai sintomi dolorosi che continuano a persistere e che spesso sono refrattari a qualsiasi tipo di trattamento farmacologico.

L’efficacia del CDB non sembra essere limitata al dolore cronico generale, ma è stata osservata anche in diverse altre condizioni cliniche come l’ epilessia , le condizioni infiammatorie , i disturbi del sonno , i sintomi della SM multipla e la schizofrenia . Ad oggi, il CBD è già stato approvato per l’uso in alcune epilessie infantili resistenti ai farmaci, come la sindrome di Lennox-Gastaut, la sindrome di Dravet o l’epilessia mioclonica grave dell’infanzia.

Dolore cronico, infiammazione e comorbidità: CBD e qualità della vita dei pazienti

Il dolore cronico ha conseguenze che vanno oltre una sensazione duratura e che hanno un impatto sostanziale sulla qualità della vita di una persona. I fattori che producono, caratterizzano e mantengono il dolore sono molto diversi tra loro. Gli agenti principali sono agenti e condizioni proinfiammatorie, vasodilatazione locale, aumento della permeabilità capillare, accumulo di proteine ​​del sangue e dei fluidi negli spazi interstiziali, migrazione di neutrofili dai capillari e rilascio di mediatori dell’infiammazione (ad esempio citochine, linfochine e istamina ). Se la condizione che causa il danno non si risolve, il processo infiammatorio progredisce verso l’infiammazione subacuta/cronica che svolge un ruolo importante nello sviluppo delle malattie infiammatorie classiche (es. artrite). Esistono molti dati preclinici e clinici a sostegno delle proprietà antinfiammatorie potenzialmente efficaci dei cannabinoidi, in particolare evidenziando il ruolo del CBD come composto non tossico e non psicoattivo. Al momento non esiste un trattamento efficace per prevenire o eliminare il dolore neuropatico, quindi il trattamento attuale ha solo lo scopo di ridurre i sintomi. La qualità della vita dei pazienti con dolore neuropatico è spesso aggravata per comorbidità come disturbi del sonno, depressione e ansia. Il CBD è potenzialmente utile nel trattamento di queste comorbilità, migliorando così la qualità della vita del paziente neuropatico.

Il futuro del cannabidiolo per il trattamento del dolore cronico

Sebbene siano necessari ulteriori studi per riconoscere il vero ruolo clinico del CBD nel dolore, gli studi attualmente disponibili forniscono già informazioni molto utili sul suo ruolo terapeutico come anticonvulsivante, antiossidante, ma anche come coadiuvante nello stato infiammatorio e come analgesico. Recenti studi hanno dimostrato che il CBD ha un effetto analgesico e ansiolitico in modelli preclinici di dolore neuropatico cronico, ben convalidato dalla letteratura scientifica internazionale. Tuttavia, non è ancora chiaro come il CBD eserciti questa azione sul dolore neuropatico. Da un lato è stata evidenziata una certa efficacia antinfiammatoria, che rappresenta uno dei componenti considerati importanti in questa patologia.

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping