Blog, News canapa

Cannabis for Future: inizia una battaglia legale

“Le cose cambiano solo se noi ci impegniamo a farle cambiare mettendoci la faccia, la testa ed il cuore; stare a guardare infuriandosi sui social non porterà a niente se non a dimostrare chi siete”.

È ciò che ha detto un’attivista di Cannabis for Future che ha aderito alla campagna “Io coltivo”, dichiarando che una sua piantina, seminata per sostenere la campagna di disobbedienza civile alla quale hanno aderito migliaia di persone, oltre che tanti politici e associazioni, è stata sequestrata dalla Polizia.

La donna comunque non si è persa d’animo e ha dichiarato che: “È stata un’ottima occasione per spiegare cosa sia la cannabis alle forze dell’ordine, che seguono solo una legge sbagliata. Alla fine della giornata mi hanno detto che la loro idea sull’argomento era cambiata. E la farò cambiare ancora a migliaia di persone”.

Ora Nadia, che sarà assistita dagli avvocati messi a disposizione da Meglio Legale, aspetta di capire come si evolverà la situazione: “Appena tutto sarà finito userò questa esperienza come testimonianza di quante cose in questo sistema non abbiano senso”.

 

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *