Canapa e salute

Crema solare all'olio di canapa

protettore solare fai da te

Niente di meno glamour di una marcia militare. Tuttavia, paradossalmente, la maggior parte di loro chiama il re delle stelle per illuminare le proprie stanze: “Appare Febo / ei suoi raggi / illuminano lo storico convento / la la la laaaaaaaa la…”, si legge in una marcia da un paese di lingua subtropicale. Ispanico; non per abbondare in altri esempi.

Eccola, potente e splendente, quella divinità di due lettere tra gli egizi, indispensabile per qualsiasi cruciverba, quanto il dio greco Phoebus o Phoebus, la forma latina del greco Phoibos ( Φοίβος), “luminoso”, soprannome usato nella mitologia classica per il vecchio Apollo .

I poeti latini classici usavano anche Febo come soprannome per il Dio Sole. Da qui i riferimenti ad essa, comuni nella tarda poesia europea, e al suo carro come metafora della stella in transito trionfale attraverso la cupola celeste. Finché la giornata non è nuvolosa, naturalmente; perché in tal modo il raggio solare si è cristallizzato nella vittoria, mentre la sconfitta è sempre cupa e le nuvole nere sono associate a idem presagi.

Ideale di bellezza d’altri tempi, fino alla metà del secolo scorso, pelli chiare come pallide, contrastate con visi abbronzati dal sole: stigma e sigillo delle classi sociali più basse e contadine, cioè di chi lavorava all’aria aperta. Ma con l’arrivo del 20° secolo e i ruggenti anni ’20, l’abbronzatura divenne un segno distintivo per la classe borghese, che aveva il tempo libero per prendere il sole. Tutto per opera di una dea contemporanea.

come proteggersi dal sole

Coco Chanel, la grande dame della couture francese, ha fatto tendenza per l’abbronzatura negli anni Venti e ha aggiunto un tocco di distinzione con il beachwear. I cui capi iniziarono a sfilare sulle passerelle, ampliando il mercato e, quasi contemporaneamente, venne commercializzata la prima crema solare. Destinato a proteggere la pelle dai raggi ultravioletti invisibili del sole per mezzo di un unguento viscoso a base di gusci di noce verde, scoprì presto una funzione medica oltre a quella estetica. Ebbene, da allora, le creme solari sono state un’arma essenziale nella lotta contro il cancro e altri parassiti della pelle.

Ma vediamo quali caratteristiche ha il sole che ci lascia con un colorito così sano, che ci fa sembrare più magri per le donne, per gli uomini come Adonis, più quella splendida illusione che generalmente le agenzie pubblicitarie ci costruiscono che qualcuno che ha un oro premiato dal sole è una persona di successo, vincente, bella e persino milionaria.

Senza troppe pretese, emulare la lucertola sulla spiaggia o sulla terrazza dà a molti di noi una sensazione tra l’erotico e il rilassante.

Onde buone e cattive (solari)

Quando si dice che il sole sia una fonte di energia, non è una metafora religiosa, poetica o mitologica. La potenza che emana la stella lo fa sotto forma di onde, dette onde elettromagnetiche, che non sono né più né meno delle particelle cariche della stessa cosa che indica il suo nome, viaggiando nell’atmosfera a una velocità imbattibile: quella della luce. Circola sotto forma di onde, che possono essere più grosse e larghe o più alte e sottili. Queste particolarità delle onde elettromagnetiche sono chiamate “lunghezza d’onda” ed è da qui che derivano le complicazioni per i mortali.

Non sono le onde o la stessa potenza elettromagnetica da cui si irradia il pericolo di ustione, che invece di lasciarci con una sana abbronzatura ci lascia con una bruciatura che sembra un peperone. Il pericolo deriva dal modo in cui hanno un impatto sulla nostra umanità, quindi il segreto sta nello scudo che si frappone tra loro. E proprio come neutralizzare una freccia non è la stessa cosa che neutralizzare un obice da cinque chili, ad ogni ondulazione di elettromagnetismo corrisponde una barriera diversa.

Le onde che hanno le stesse caratteristiche, cioè sono le stesse, tendono ad essere amiche per viaggiare tutti insieme attraverso l’atmosfera. Questo gruppo di onde è chiamato “spettro”, quindi avremo uno spettro in base alla lunghezza d’onda a cui ci riferiamo. Dei tre spettri di lunghezza d’onda che fondamentalmente ci interessano nel nostro argomento, due sono invisibili all’occhio umano, lo spettro ultravioletto A (UVA) e lo spettro ultravioletto B (UVB), e la gamma visibile che non è né più né meno naturale leggero.

Ma non disperate. Tutto in questa vita (o quasi) ha una soluzione, e uno dei segreti per godersi il caldo abbraccio oltre al piacere che ci regala il sole è quasi ovvio: l’esposizione tempo. Ma continuiamo con le onde.

I raggi UVB (la cui lunghezza d’onda è compresa tra 320 e 400 nm) sono responsabili dell’abbronzatura della pelle e, quindi, provocano anche ustioni. E fai attenzione con questo tipo di radiazioni perché potrebbe essere responsabile del cancro della pelle.

I raggi UVA hanno una lunghezza d’onda più corta e i loro valori sono compresi tra 280 e 320 nm (cioè la lunghezza tra una cresta e l’altra, come se fossero onde marine), che li caratterizza.

Sono meno aggressivi dei precedenti, ma non per questo meno pericolosi, poiché non “bruciano la pelle”, ma hanno la capacità di penetrarla facilmente e raggiungere gli strati più profondi. Inoltre, un punto importante da considerare è che questi tipi di raggi possono persino passare attraverso i vetri delle finestre, gli indumenti leggeri o persino i parabrezza delle auto. In un modo o nell’altro, la verità è che i raggi UVA possono causare danni al derma (ricordate: lo strato di pelle che si trova al di sotto del primo strato protettivo della pelle, l’epidermide) e inizialmente causare secchezza, perdita di elasticità e, oltre tempo, rughe e persino macchie.

Ho accennato a uno dei segreti per fare amicizia con il sole e ora vi racconto l’altro, un prodotto dell’inventiva umana, diverso dalle creme solari: le creme solari. Invenzione moderna, due fattori hanno contribuito alla loro popolarità. Fino agli anni ’20, la maggior parte dei residenti dell’entroterra non aveva accesso alle spiagge, ma quando le ferrovie e le automobili democratizzarono i trasporti di massa verso quei luoghi, fare il bagno in mare divenne un passatempo popolare. A quel tempo, con parsimonia, i bagnanti coprivano gran parte del corpo, quindi le preparazioni abbronzanti erano praticamente inutili. Durante gli anni ’30, quando i costumi da bagno esponevano sempre più pelle, l’abbronzatura divenne di moda, ma aumentando la nudità, a sua volta,

scudi anti-galassia

Inizialmente, i produttori non hanno apprezzato appieno il potenziale mercato dei filtri solari, tanto meno dei filtri solari. Perché l’atteggiamento prevalente tra la popolazione era che, dopo essere stato scottato dal sole, il bagnante stesse sotto un ombrellone o si fosse vestito di nuovo. Tuttavia, i soldati che hanno combattuto nelle sabbie dell’Africa, nelle Filippine tropicali, che hanno lavorato sui ponti delle portaerei o che, in qualsiasi momento, potrebbero trovarsi a galleggiare a bordo di una zattera in mezzo all’oceano, non hanno potuto godersi il ombra al suo disegno e capriccio. Pertanto, a partire dai primi anni ’40, il governo degli Stati Uniti, insieme ad altri, iniziò a sperimentare con i produttori di creme solari.

Uno degli agenti più efficaci si è rivelato essere il cosiddetto olio di paraffina rossa. È un sottoprodotto inerte del petrolio, il residuo che rimane dopo l’estrazione della benzina e di altri prodotti raffinati. Il suo colore rosso naturale, dovuto a un pigmento, blocca i raggi ultravioletti del sole. L’aeronautica degli Stati Uniti distribuì olio di paraffina rossa tra i suoi membri, in previsione che potessero essere abbattuti nei territori tropicali e la preparazione si diffuse nella stessa proporzione di quegli uomini che si stabilirono durante la guerra e anche dopo la guerra.

Uno degli scienziati che ha aiutato i militari a realizzare una crema solare efficace è stato il dottor Benjamin Green, convinto anche che esistesse un vasto mercato, ancora vergine, per queste creme protettive. Dopo la guerra, Green utilizzò la tecnologia che aveva contribuito a sviluppare per creare una lozione cremosa, bianca pura, profumata con essenza di gelsomino. Il prodotto ha permesso all’utente di ottenere una colorazione rame della propria pelle. Lanciato sul mercato, il famoso Coppertone ha contribuito a diffondere la moda dell’abbronzatura in tutta l’America, l’Europa e parte dell’Africa.

Con questi prodotti e i loro sostituti, che le persone diffondono così sensualmente su spiagge e piscine, è necessario essere molto selettivi e attenti perché il rimedio può essere peggiore della malattia. Immagina cosa farebbe il suddetto olio di paraffina sulla pelle povera, poiché la distanza tra protezione e frittura diventa troppo sottile dopo certi casi. Dopotutto, è la luce dell’intera galassia che cade sulla nostra modesta umanità.

Ecco perché devi guardare un numero specifico. Ciò non indica qualcosa di diretto, come temperatura o umidità. È un numero teorico perché è il prodotto di un calcolo chiamato “fattore di protezione”, che indica per quanto tempo siamo protetti dai raggi UVB e UVA, in modo da prendere colore ma non causare danni.

La scelta del fattore di protezione, che compare sulla confezione con l’acronimo SPF (per la sua sigla in inglese, Sun Protection Factor), dipenderà dal tipo di pelle, dal tempo in cui ci esponiamo al sole e dal periodo dell’anno . Ma non tutto è così semplice con Mr. Sol, ci sono altre considerazioni da tenere in considerazione.

Affinché la protezione solare sia efficace, la prima cosa che dobbiamo considerare è che abbia una protezione contro i raggi UVB, il che è logico poiché sono responsabili del colore dell’abbronzatura. A questa precauzione è necessario aggiungere che se si supera il tempo di esposizione si possono verificare gravi ustioni.

Ebbene, i perfidi UVB lo fanno più velocemente dei non meno benevoli raggi UVA. Ma ecco il trucco: se hai solo la protezione UVB per abbronzarti, avrai bisogno di più tempo di esposizione mentre i dannosi raggi UVA continuano ad agire. Lo faranno più a lungo e sono quelli che causano l’invecchiamento della pelle, che anche se ci vuole più tempo sotto il sole per causare danni, con la sola protezione UVB siamo nella situazione in cui il rimedio è peggiore della malattia poiché favoriamo l’azione dannosa dei raggi UVA, quali sono quelli che causano il fotoinvecchiamento.

Una morale, quindi, senza morale: i filtri solari devono avere protezione per entrambi. Quando sceglieremo una crema solare, quella ottimale sarà quella che non solo ha la legenda SPF, ma include espressamente anche la protezione UVA/UBV. A volte sull’etichetta appare il valore di protezione UVA e UVB, questo sarebbe il più appropriato. Va chiarito: i laboratori molto canaglia spesso includono un fattore di protezione per alcuni ma non per altri.

Ombrello di canapa

Ed ecco che, nella formulazione di una crema solare, entra in gioco la nostra amata Cannabis, che, che ci crediate o no, ha ottime proprietà come crema solare. Potremmo farci la domanda, la diffondo o la fumo? Generoso, Natura, ci offre entrambe le possibilità dalla stessa pianta; uso interno e uso esterno in diverse preparazioni, ovviamente, come olio o come giunto.

Quello che fa una crema solare, per dirla in modo semplificato, è assorbire parte della radiazione dai raggi UVB ed eventualmente UVA. L’olio di Cannabis Sativa è uno stabilizzante e uno straordinario assorbitore di raggi UVA, allo stesso tempo quello che noi tecnici chiamiamo “sinergico” di assorbitori di raggi UVB, ovvero aumenta la capacità di protezione degli assorbitori in essi contenuti. Inoltre, essendo un olio, favorisce la formulazione di filtri solari perché conferisce alla crema, lozione o emulsione una maggiore capacità di fase oleosa (da sciogliere in olio), aumentando la capacità di incorporare altri componenti come altri oli essenziali che solo sono solubili in una fase acquosa (si sciolgono in acqua).

Questa capacità di conferire al prodotto maggiore untuosità rende più efficace la sua resistenza all’acqua e protegge molto meglio la pelle perché la mantiene idratata. Agisce quindi come barriera meccanica, formando una sorta di pellicola oleosa, impedendo alla somma del calore del sole e del corpo di disidratare la pelle, una situazione molto importante da curare poiché dipenderà dal tipo di pelle e il programma di esposizione la gravità dei danni che può causare.

L’olio di Cannabis Sativa contiene tra molte altre peculiarità, una che, sebbene gli dia untuosità, non lascia la pelle unta, cioè non la trasforma in un pasticcio appiccicoso. Il nostro olio ancestrale ha altri benefici, molto utili non solo durante l’estate, come il suo grande apporto di vitamina E e vitamina A, caratterizzato dall’intervenire nel ritardo dell’invecchiamento cutaneo.

Quando ci esponiamo ai suoi raggi senza la relativa protezione, il calore del sole produce i cosiddetti “radicali liberi”, molecole che provocano reazioni chimiche dette “ossidazioni” a livello della pelle e si produce l’abbronzatura. . La vitamina E, in particolare, ha la funzione di prevenire il verificarsi di queste ossidazioni, motivo per cui questa vitamina è classificata come “antiossidante”.

Finora abbiamo menzionato dei modi per prenderci cura del sole, ma non diventiamo estremi, questa non è una crociata contro il sole, tutt’altro. Perché come in ogni cosa nella vita, è una questione di misura.

I 9 comandamenti del dio sole

Nel 21° secolo ultra-capitalista, dove è segno di successo apparire almeno in salute, in materia solare, esserlo moderatamente, è essenziale seguire una serie di raccomandazioni come un rito pagano, ovvero:

  • Applicare la protezione solare a casa, mai in spiaggia o in piscina.
  • Fallo sulla pelle molto secca.
  • Applicare 30 minuti prima dell’esposizione al sole.
  • Non lesinare su di esso.

Per quanto riguarda l’applicazione delle creme solari, vanno applicate in quantità generose, almeno 35 grammi di prodotto, questo equivale a sei cucchiaini di caffè. Naturalmente, poiché nulla è eterno, è importante ripetere l’applicazione più volte durante la durata dell’esposizione. Soprattutto dopo il bagno o quando emerge un’eccessiva sudorazione.

Una volta rispettate queste regole, sarà necessario tenere conto anche di quelle altre raccomandazioni che emergono da tutto quanto sopra:

1- Evitare di spruzzare acqua durante le mostre.

2- Scegli il fotoprotettore con protezione UVA e UBV.

3- Usalo anche se è nuvoloso.

4- Non esporsi al sole tra le 11:00 e le 15:00, quando i raggi solari sono più forti.

5- Proteggi la testa con un cappello o un berretto con visiera; gli occhi con occhiali adatti, e le labbra con burrocacao, se è fatto con olio di cannabis, molto meglio.

6- Bere molta acqua o liquidi per evitare la disidratazione.

7- Alcuni farmaci (come antibiotici, acido retinoico, antidepressivi e diuretici) possono provocare reazioni all’esposizione solare: rendono la pelle estremamente scura.

8- Per quanto possibile, non esporre neonati o bambini piccoli, ancor meno senza tutte le precauzioni già spiegate per gli adulti

9- Devi iniziare con un SPF alto, soprattutto la prima settimana di esposizione al sole, e abbassarlo nei giorni successivi.

Nonostante le forti campagne pubblicitarie contro l’esposizione solare, ea favore delle grandi aziende che producono in serie creme solari, non possiamo sottrarci a una realtà: l’essere umano è concepito per vivere alla luce dei suoi raggi, e la sua esposizione ad esso è necessaria per un sano vita e per lo sviluppo di molte delle nostre funzioni metaboliche di base. Tra i tanti vantaggi di prendere un po’ di sole ogni giorno, possiamo parlare della fissazione del calcio nelle ossa, una situazione che significherà che quando raggiungeremo i giovani sulla sessantina non ci romperemo i fianchi cercando di attraversare la strada. Riduce anche la probabilità di problemi cardiaci e aiuta a controllare l’artrite reumatoide.

Allo stesso modo, vari studi hanno dimostrato l’efficacia dell’esposizione solare responsabile nella produzione di testosterone negli uomini, che aumenta l’appetito sessuale. Il che non è poco, né favorisce la produzione di endorfine, che migliorano il nostro umore e diluiscono vari disturbi psicologici, tra cui la depressione.

Una persona che si abbronza saggiamente sembra più carina, più sana e si sente meglio. Per non parlare di quando restiamo svegli fino a tardi la notte, lavorando o facendo qualcosa di più legato al piacere, che il giorno dopo ci svegliamo con le occhiaie che sembrano solchi che arano e con una decina di anni in più sul viso. In quei momenti, l’abbronzatura nasconde la nostra brutta o buonissima notte. Un amico che può diventare un nemico, il vecchio dio del giorno chiede rispetto, conoscenza, buon senso e canapa.

Sotto il cielo riparatore

Come realizzare il tuo protettore o migliorare quello acquistato

Realizzare la tua crema solare completamente naturale richiede solo un po’ di cura: basta mescolare 30 millilitri di olio di avocado, 20 millilitri di olio di mandorle, 25 millilitri di olio di Cannabis Sativa e 25 millilitri di olio di Noce, mescolare con gusto e ingegno! Tieni presente che il tempo di esposizione al sole dovrebbe essere inferiore del dieci percento rispetto a quanto è consuetudine quando si utilizza una crema solare commerciale.

E se hai già acquistato una crema solare, puoi migliorarla perfettamente con il frullatore per uso domestico. È necessario aggiungere l’olio di cannabis alla crema solare commerciale, mediante una leggera scossa. Per ogni 100 grammi di crema, vanno aggiunti circa 5 millilitri di olio di Cannabis, che aumenterà la protezione dai raggi UVB e avrà l’effetto idratante dell’olio.

Vuoi proteggere anche le labbra? Perché non provare il nostro burrocacao CBD

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *