Blog

Diminuiscono i problemi per droga per gli adolescenti dove la marijuana è stata legalizzata

Gli adolescenti ammessi ai programmi per problemi connessi all’uso di canapa sono diminuiti notevolmente negli stati che l’hanno legalizzata. Sembrerebbe, così, caduto l’ultimo tabù tenuto in piedi dalle bugie dei proibizionisti.

A diffondere questa notizia è stata l’associazione Norml, che da anni combatte affinché la cannabis venga sdoganata, analizzando la ricerca Trends in Adolescent Treatment Admissions for Marijuana in the United States, 2008-2017, dove viene spiegato che: “I ricoveri per il trattamento degli adolescenti per la marijuana sono diminuiti nella maggior parte degli stati. Il tasso medio annuo di ammissioni per tutti gli stati è diminuito nel periodo di studio di quasi la metà, passando da 60 ammissioni (per 10.000 adolescenti) nel 2008 a 31 nel 2017″.

Il vicedirettore di Norml, Paul Armentano, ha dichiarato che “questi risultati si aggiungono al crescente corpus di letteratura scientifica che dimostra che le politiche di legalizzazione possono essere implementate in modo da fornire accesso agli adulti e allo stesso tempo limitare l’accesso e l’uso improprio dei giovani”.

Questa è una notizia che dovrebbe far aprire gli occhi ai nostri politici, perché la legalizzazione sarebbe davvero una nota assolutamente positiva nel nostro paese!

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *