Blog

Epilessia e CBD

cannabis e sistema immunitario

Negli ultimi mesi si sono moltiplicate le notizie sull’efficacia di alcuni cannabinoidi in relazione al trattamento dell’epilessia infantile, sia sui media generalisti che su Internet. Dedicheremo l’articolo di questa settimana sugli usi terapeutici ad approfondire questo argomento.

Le proprietà anticonvulsivanti di un cannabinoide specifico, il CBD (cannabidiolo), e la sua efficacia in alcune epilessie infantili hanno fatto notizia nei media negli ultimi mesi. I laboratori GW Pharmaceutical, dopo aver sviluppato il Sativex, hanno presentato Epidiolex, un estratto di CBD ottenuto in modo simile al farmaco precedente ma che si differenzia da esso in quanto non contiene THC. 

Nel novembre 2013 la FDA ha autorizzato l’inizio di studi clinici per valutarne l’efficacia nel trattamento dei sintomi della Sindrome di Dravet e della Sindrome di Lennox-Gastaut, due rare forme di epilessia infantile con scarsi risultati con le terapie convenzionali. Il 22 maggio si è tenuto a Madrid un Congresso sull’argomento e si sono moltiplicate le notizie sui media scientifici sull’argomento.

Esistono più di 40 tipi di sindromi epilettiche, ognuna con le proprie cause, caratteristiche e trattamenti. Le convulsioni sono il sintomo principale dell’epilessia: le più note sono le “convulsioni” sotto forma di convulsioni tonico-cloniche generalizzate, sebbene esistano molti più tipi di convulsioni. 

D’altra parte, non tutte le crisi sono di origine epilettica e possono manifestarsi in diversi tipi di malattie (metaboliche, neurologiche, immunologiche…). Il trattamento dell’epilessia è solitamente farmacologico: esistono decine di farmaci che possono essere utilizzati in questa malattia e la loro scelta dipende sia dalle caratteristiche del paziente che dall’esatto tipo di epilessia specifica. Una caratteristica comune di questi farmaci è che, in generale, Hanno un’alta incidenza di effetti avversi significativi. A volte è necessario ricorrere alla chirurgia.

Nella prima infanzia, la causa più comune di convulsioni è la febbre. Questa è una situazione comune e non è correlata allo sviluppo di alcun tipo di epilessia in futuro. Molte epilessie infantili sono benigne, si controllano in modo autolimitante con l’età e non lasciano alcun tipo di sequela. Come aneddoto, possiamo evidenziare il caso di 685 bambini ricoverati in Giappone il 16 dicembre 1997 con sintomi di epilessia. La causa di questa piccola epidemia è stata nella trasmissione di un episodio della serie di cartoni animati Pokemon, in cui si è verificato un rapido cambio di colori tra il rosso e il verde. Alcune epilessie sono fotosensibili, e infatti questa combinazione è vietata nei lampi di luci da discoteca.

Studi su CBD ed epilessia

Recentemente sono stati pubblicati nella letteratura scientifica anche rapporti sull’efficacia del CBD nella gestione sintomatica di alcune epilessie infantili (3). Non si tratta di studi clinici, ma piuttosto di segnalazioni di genitori che hanno autosomministrato estratti di cannabinoidi ricchi di CBD ai propri figli, apparentemente con risultati soddisfacenti. Il rapporto raccoglie i dati di 18 bambini: in 2 casi è stata raggiunta la scomparsa totale delle crisi epilettiche, in 6 una riduzione molto ampia, in 8 una riduzione moderata e in altri 2 non è stata osservata alcuna variazione. Non sono stati segnalati effetti avversi o tossicità significativi. Come critica, va notato che nei dati non c’è valutazione medica o controllo placebo, le dosi di cannabinoidi non sono omogenee, né lo sono le caratteristiche dei pazienti.

E questo è lo stato attuale delle cose. Sono già in corso studi clinici con CBD nel trattamento di due delle più devastanti sindromi epilettiche infantili (Dravet e Lennox-Gastaut) e i loro risultati sono attesi entro la fine di quest’anno. Tenendo conto delle limitate opzioni di trattamento per queste malattie, si prevede che se i dati saranno soddisfacenti, il farmaco sarà disponibile in breve tempo. Nel frattempo, sarebbe altamente auspicabile facilitare l’accesso e la partecipazione dei pazienti affetti da queste sindromi a questi studi clinici, tenendo conto che si tratta di malattie molto rare e il numero di casi è molto basso.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *