Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
momento migliore

Alimentazione fogliare di cannabis

In questo articolo discutiamo di alimentazione fogliare per la cannabis, ovvero dell’uso di fertilizzanti.

Cosa succede quando applichiamo il fertilizzante fogliare?

Le cellule vegetali formano i diversi tessuti della pianta. Queste cellule svolgono grandi scambi di energia tra loro e, come tutti gli esseri viventi, hanno bisogno di essere nutrite per sopravvivere e svolgere le loro funzioni.

Si può affermare che circa il 90% del materiale cellulare vegetale è acqua e che la maggior parte delle funzioni che vengono svolte si verificano in un mezzo acquoso. L’assorbimento dei nutrienti da parte della cellula necessita anche dell’acqua come mezzo, poiché gli elementi devono essere disciolti in essa affinché le cellule possano effettuare lo scambio delle sostanze necessarie al loro sviluppo.

struttura della radice.
struttura della radice. 

In che modo le cellule assorbono l’acqua che diamo loro?

Le cellule assorbono l’acqua per processo osmotico: viene prelevata dall’esterno, dove la quantità di sale è minore, all’interno, dove la quantità di sale è maggiore. In questo modo l’acqua può passare da una cellula all’altra. Questo processo non richiede un dispendio di energia, trattandosi di un fenomeno fisico e quindi totalmente passivo.

Normalmente, sono le cellule dell’apparato radicale che sono responsabili del trasporto di acqua e sostanze nutritive allo xilema , che sarà responsabile della loro distribuzione in tutta la pianta, distribuendoli secondo necessità in ogni sua parte. Sia l’acqua che i nutrienti vengono trasportati attraverso lo xilema sotto forma di linfa grezza , che viene distribuita e circola in tutto l’organismo vegetale. È in questo modo che le piante di tipo vascolare, compresa la cannabis, possono rimanere ugualmente idratate in tutte le loro cellule, svolgendo correttamente i processi necessari al loro sviluppo, come la fotosintesi .

Se il pH dell’acqua non è corretto, i nutrienti nella miscela di irrigazione non saranno disponibili per l’assorbimento, poiché il pH della soluzione influisce direttamente sulla solubilità dei nutrienti, rendendoli non assimilabili dall’apparato radicale. Anche la temperatura della soluzione influisce direttamente sulla loro solubilità. Per questo motivo è consigliabile che l’irrigazione mantenga l’acqua tra i diciotto ei ventuno gradi centigradi e un pH compreso tra 5,5 e 6,5, poiché in questi intervalli i nutrienti sono alla massima disponibilità di assorbimento.

Come funziona l’assorbimento fogliare?

Quando utilizziamo i fertilizzanti fogliari, agiscono in modo simile a quelli aggiunti all’acqua di irrigazione. Grazie al processo osmotico, le cellule delle foglie assorbono l’acqua e i minerali in essa contenuti, venendo trasportati di cellula in cellula.

Le foglie sono ricoperte da una cuticola che ha il compito di proteggerle dalla disidratazione e dai diversi agenti patogeni che potrebbero accedere al corpo della nostra pianta. Quando li irroriamo con del concime fogliare, l’acqua con i nutrienti si deposita su questa cuticola , penetrando verso l’interno per diffusione molecolare .

La diffusione molecolare è un processo fisico in cui un gruppo di particelle viene introdotto in un mezzo in cui erano assenti. Quando il soluto inizia a diffondersi o dissolversi nel mezzo di dissoluzione, si verifica un’entropia e le particelle introdotte iniziano a creare un disordine molecolare per legarsi e diffondersi attraverso il mezzo.

Una volta che sono penetrati nella cuticola , vengono assorbiti dal plasmalemma (struttura laminata presente in tutte le cellule che ha il compito di regolare l’equilibrio tra l’interno e l’esterno delle cellule), e portati direttamente nel citoplasma , parte della cellula che si trova tra il nucleo e la membrana plasmatica e dove si trovano gli organelli cellulari che svolgono le diverse funzioni vitali.

È in questo modo che la pianta può trasportare rapidamente e sfruttare i nutrienti che possiamo applicare per via fogliare. Azoto (N) e Potassio (K) sono i più veloci trasportati una volta applicati con questo mezzo, anche se va notato che le cellule delle foglie non sono progettate per trasportare il cibo e distribuirlo, motivo per cui la mobilità dei nutrienti sarà molto inferiore in quanto dipende esclusivamente dal movimento osmotico.

Gli stomi della pianta sono piccoli fori che si trovano sotto la cuticola e sono responsabili dello scambio di gas con l’ambiente e del rilascio del vapore acqueo che può essere generato all’interno della pianta. Attualmente sappiamo che l’acqua non può penetrare attraverso gli stomi ma abbiamo potuto osservare che alcuni elementi vengono da essi trasportati all’interno della cellula. La dimensione degli stomi è di circa 750 Da ( Daltons, unità di massa atomica), ma la maggior parte dei fertilizzanti commerciali ha una pezzatura compresa tra 1.500 Da e 15.000 Da, motivo per cui gran parte di essi non sono completamente efficaci nei fertilizzanti fogliari e perché vengono sviluppati fertilizzanti specifici che consentono questo tipo di applicazione. Va tenuto presente che, a livello delle radici, i fertilizzanti possono essere assimilati grazie alla vita batterica, alle micorrize e agli enzimi che li aiutano ad abbatterli, tra gli altri fattori. Tuttavia, vale la pena ricordare che se le particelle del nostro fertilizzante sono più piccole, sarà molto più facile rimuoverle quando vorremo pulire la pianta dai resti di fertilizzante che potrebbero rimanere.

Con la concimazione fogliare, i nutrienti vengono fissati più rapidamente e la pianta può fornire carenze in pochi minuti. La concimazione fogliare è un metodo molto utile per controllare le carenze nelle nostre piante. Soprattutto in fase di crescita, quando la pianta si prepara ad avere una corretta fioritura. Microelementi come ferro , zinco , rame , manganese , molibdeno, boro e persino calcio e magnesio possono essere applicati per via fogliare, essendo questo il modo più veloce di assorbimento.

Molte volte, l’apparato radicale non è in perfette condizioni e non può assorbire tutti i nutrienti e l’acqua necessari, lasciando così il substrato molto umido per diversi giorni. È in questi casi che le nostre piante possono presentare carenze significative e, se il substrato è troppo umido per essere annaffiato, la soluzione migliore per correggere queste carenze sarebbe l’applicazione di un concime fogliare.

E’ importante indicare che quando la temperatura è molto alta, l’assorbimento fogliare diminuisce: quando fa più caldo, la quantità di evaporazione è maggiore e quindi c’è meno miscela da assorbire; quando invece le temperature sono superiori ai 30°C, gli stomi si chiudono ostacolando l’assorbimento dei nutrienti. Dobbiamo ricordare che se la luce delle lampade (o del sole) cade costantemente su una goccia, potrebbe avere l’effetto lente d’ingrandimento e bruciare parte del fogliame della nostra pianta. Per questo motivo e poiché gli stomi si aprono per lo più durante il giorno, è sempre consigliabile applicare il concime fogliare un po’ prima dell’accensione delle luci, o di prima mattina all’aperto.

Un altro fattore chiave nell’efficacia del fertilizzante fogliare è il livello di idratazione della coltura. Una pianta che si trova in un ambiente con umidità ideale e che non ha subito un deficit idrico, avrà una maggiore capacità di assimilare i nutrienti con tutti i mezzi, perché avrà mantenuto il suo livello di turgore , che è la pressione esercitata, in modo ottimale stato da fluidi e contenuto cellulare sulle pareti cellulari. Quando l’evaporazione dell’acqua è maggiore dell’assorbimento, per effetto della disidratazione si produce una perdita di turgore ., che fa sì che le foglie diventino flosce o appassite. L’acqua all’interno delle cellule viene persa per osmosi, che provoca una separazione della membrana plasmatica e della parete cellulare che, in alcuni casi, può diventare permanente, causando la morte cellulare. Questo fenomeno è noto come plasmolisi .

Alcuni consigli per applicare il fertilizzante fogliare

L’applicazione di concime fogliare può essere molto vantaggiosa per le nostre piante se eseguita correttamente: oltre al rapido assorbimento dei nutrienti, le cellule diventano più resistenti allo stress idrico.

È molto importante controllare il pH della miscela e assicurarsi che sia compreso tra 5,5 e 6,5. Questi livelli di pH favoriscono l’assorbimento dei nutrienti da parte delle cellule allo stesso modo che accade con l’abbonato per via radicale. È importante cercare di coprire la massima superficie possibile quando si spruzza la parte aerea della pianta. Lo faremo a una distanza compresa tra 30 e 40 cm, cercando di applicare il composto in modo uniforme su foglie e steli, poiché anche i più giovani hanno capacità di assorbimento.

Un altro punto da tenere a mente è che se intendiamo spruzzare in un momento in cui l’ambiente è troppo secco, l’efficacia dell’applicazione sarà probabilmente notevolmente ridotta, poiché le cellule vegetali potrebbero essere plasmolizzate (quando la cellula si disidrata e la membrana si ritrae dalla parete cellulare) e gli stomi saranno chiusi.

 

Parimenti, una concentrazione troppo elevata di sali nella soluzione potrebbe causare un effetto contrario a quello desiderato. A causa del processo osmotico, se la miscela applicata ha una quantità molto superiore a quella all’interno della cellula, perderebbe acqua invece di assorbirla, producendo disidratazione che potrebbe plasmolizzarla. Ogni esemplare sarà in grado di resistere a una quantità o all’altra di sali, quindi devi stare attento a non esagerare.

Né si dovrebbe abusare dell’uso del fertilizzante fogliare, poiché se la pianta si abitua ad assorbire i nutrienti attraverso le foglie, smetterà di sviluppare correttamente le radici, causando vari problemi.

Tra le pratiche sconsigliabili per la concimazione per questa via, è opportuno ricordare che non è consigliabile effettuare l’applicazione dopo lo spegnimento delle luci interne, poiché un eccesso di umidità notturna potrebbe favorire la comparsa dei funghi. Né dovremmo usare questo metodo all’aperto se c’è un alto rischio di pioggia, poiché trascinerebbe il fertilizzante dalla superficie delle foglie, facendo perdere gran parte della sua efficacia all’applicazione.

Quando arriva la fioritura, non è più consigliabile l’uso di fertilizzanti fogliari. I fiori bagnati tendono a sviluppare funghi come la botrite che marciranno gran parte dell’area interessata. Questo è il motivo principale per cui, quando si sviluppano i fiori, bisogna lasciare il concime fogliare e continuare con il concime radicale. Quindi se hai fatto un uso eccessivo di fertilizzante fogliare, a questo punto l’apparato radicale delle piante non sarà preparato ad assorbire grandi quantità di cibo, nello stesso momento in cui la pianta lo richiede per il suo sviluppo. Questo di solito culmina in gravi carenze nella pianta.

L’applicazione di fertilizzanti fogliari è positiva, purché non si faccia un uso eccessivo di questo metodo

Molte volte il substrato viene caricato con sali minerali che impediscono l’assorbimento di acqua e sostanze nutritive per osmosi, poiché la quantità di sali minerali all’esterno del substrato è maggiore di quella all’interno delle piante, facendo così defluire l’acqua dalle stesse. In questo momento, è bene applicare un buon concime fogliare, poiché i sali minerali tra l’interno della pianta e il substrato verranno compensati, consentendole di riprendere il ciclo di assorbimento dell’acqua.

Le cellule della pianta svolgono costantemente i processi per i quali ognuna di esse è stata adattata. Anche se smettiamo di applicare acqua e sostanze nutritive, la pianta non sarà in grado di smettere di svilupparsi. Tuttavia, non ottenendo cibo esterno, inizierà a consumare il cibo mobile delle parti più antiche, per poterlo utilizzare nella produzione e nutrizione dei germogli più giovani. Per questo, quando una pianta ha subito un forte stress idrico o la quantità di fertilizzanti non era corretta, il suo ciclo si altera, poiché smette di svolgere normalmente le sue funzioni e concentra tutte le sue energie sulla generazione di nuove parti adatte a queste condizioni ambientali e nutrizionali .

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping