Coltivazione Canapa Legale

Illuminazione grow room: ecco come fare (parte 1)

come illuminare una grow room cannabis

In questo articolo affronteremo il tema dell’illuminazione e come le piante la utilizzano per svilupparsi.

Tutte le piante vascolari (compresa la cannabis) hanno bisogno di quattro elementi principali per il loro sviluppo: acqua, sostanze nutritive, luce e aria. Con questi fattori disponibili, saranno in grado di svilupparsi durante tutto il loro ciclo di vita.

Attraverso la fotosintesi, molte piante ottengono energia dalla luce. Spiegare qui il processo fotosintetico al 100% sarebbe troppo lungo (e inoltre non ne abbiamo bisogno per effettuare la nostra coltivazione). Tuttavia ci sono alcuni termini che dovrebbero esservi familiari per capire come funzionano le piante in generale in natura. In questo modo sarete in grado di riprodurre i fattori ottimali per il suo sviluppo.

Quando i fotoni di luce toccano la superficie di una delle foglie della nostra pianta, il sistema fotosintetico si avvia. Una volta attivato il processo, la pianta sfrutta la luce, l’aria e le sostanze nutritive contenute nell’acqua per generare la propria energia. Gli esseri in grado di generare la propria energia sono detti autotrofi e, in questo caso, ricavandola dalla luce, sarebbero classificati come fotoautotrofi.

illuminare le piante di marijuana

Nella cannabis, la luce non serve solo a generare l’energia necessaria per la crescita, ma la nostra pianta preferita risponde ai cambiamenti della lunghezza della giornata. Saranno le ore di luce a dire alla marijuana se è il momento di crescere o fiorire. Finché avrà quattordici o più ore di luce, rimarrà nella sua fase di crescita. Tuttavia, quando il tempo di esposizione alla luce inizierà a diminuire, la nostra pianta inizierà il suo ciclo di fioritura. Nella coltivazione indoor, cerchiamo di simulare la natura esaltando e migliorando quei fattori che non possono essere controllati all’aperto. Per questo motivo, avremo bisogno di un timer che controlli le ore su cui sarà concentrata la nostra attenzione.

È molto comune per alcuni coltivatori voler risparmiare sugli elementi in crescita e molte volte commettono l’errore di voler risparmiare sull’illuminazione. Questo sarebbe un grosso errore, poiché è uno dei componenti principali. La salute della nostra pianta dipenderà in gran parte dalla luce e ovviamente dal risultato finale! In commercio puoi trovare diversi sistemi di illuminazione pensati per la coltivazione. Come forse già saprai, le più utilizzate sono le lampadine a scarica, come quelle di sodio o ad alogenuri metallici.

Piccola curiosità: le lampade a scarica emettono luce in modo intermittente, quindi quando proviamo a scattare una foto con il cellulare, è probabile che nell’immagine appaiano delle linee di luce.

Il bulbo di sodio emette una luce più arancione rispetto al bulbo ad alogenuri metallici e viene spesso utilizzato nei cicli di fioritura. Lo spettro bluastro delle lampade ad alogenuri metallici cerca di imitare la luce primaverile che ha questo colore data la distanza dal sole alla terra. Mentre il sodio cerca di imitare la luce estiva essendo più caldo.

Sebbene esistano altri tipi di illuminazione come fluorescenti o LED, per questa prima parte del corso assumeremo di utilizzare un sistema di illuminazione a scarica. Questo tipo di luci può essere trovato sul mercato nei seguenti formati: 250w, 400w, 600w e 1000w.

Il più comune è utilizzare sei o quattrocento watt di luce, anche se, in stanze molto piccole, duecentocinquanta watt saranno più che sufficienti. Lampadine da mille watt sarebbero adatte a coltivazioni su larga scala, magari destinate a coltivazioni collettive, dato che sono destinate a coprire vaste aree. Poiché questi bulbi possono essere posizionati a soffitto a una distanza regolare tra loro e la superficie di coltivazione viene sfruttata al massimo con meno dispositivi da mantenere, quindi i costi di produzione saranno inferiori. Quando si parla di coltivazione collettiva infatti, per molte persone è sempre meglio ottenere di più con meno spese.

Dobbiamo tenere presente che il sole è una fonte di luce perfetta che sprigiona l’intero spettro cromatico necessario alle nostre piante. Inoltre la sua potenza è molto elevata. Questo fattore è molto limitato all’interno poiché le nostre lampade hanno un limite. Sebbene la luce sia limitata nel nostro raccolto, dobbiamo scegliere la potenza delle nostre apparecchiature di illuminazione in modo efficace. Non ci farebbe bene mettere un sistema da 600 watt in un armadio di due piedi quadrati. Questo ci causerà solo seri disagi poiché la temperatura della nostra cabina aumenterà in modo incontrollabile, rendendo il clima dell’area di coltivazione inadatto alle nostre amate piante.

ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *