Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
studi sulla cannabis

Studi sulla cannabis nel 2021

In questo articolo vedremo alcuni studi sulla cannabis che sono stati effettuati nel corso di quest’anno.

In campo scientifico, l’anno ha prodotto più di uno studio meritevole di revisione. Sebbene in questo campo non siamo stati così esaustivi – e alcuni potrebbero esserci sfuggiti – portiamo una selezione di quelli che dovrebbero senza dubbio essere menzionati.

Ogni anno che passa vengono pubblicati sempre più studi sulla cannabis e altre droghe che fanno parte dei campi di ricerca più promettenti e vergini. Pertanto, l’anno 2021 ha battuto un record di articoli scientifici sulla cannabis, con quasi 10 articoli scientifici pubblicati ogni giorno per ciascuno dei 365 giorni dell’anno.

Studio sulla cannabis contro il Covid

Partiamo dal covid, poiché uno studio preliminare effettuato in laboratorio con pelle umana artificiale ha osservato che alcuni estratti di cannabis riducevano l’insufficienza polmonare dovuta a casi di infiammazione come quella prodotta dal covid . I ricercatori hanno utilizzato sette diverse varietà di estratti di cannabis e tre di esse hanno ridotto l’induzione di citochine legate all’infiammazione e alla fibrosi polmonare, mentre una delle varietà ha peggiorato i sintomi. Si trattava di un piccolo studio con diverse limitazioni, ma che punta a un possibile utilizzo di estratti di cannabis nei futuri trattamenti dell’infiammazione polmonare dovuta alle citochine, come avviene con il covid.

Studi sulla cannabis e epilessia

Tra quelli pubblicati quest’anno, vale anche la pena evidenziare un piccolo ma importante studio del Regno Unito che ha ottenuto ottimi risultati somministrando cannabis medicinale ricca di THC e CBD a pazienti che soffrivano di epilessia refrattaria dalla nascita. La somministrazione di cannabis ha ridotto il numero di convulsioni in tutti i partecipanti del 97%, così che quasi tutti i pazienti sono passati da centinaia o migliaia di convulsioni giornaliere ad alcune dozzine.

Sebbene ci siano poche prove scientifiche dei benefici dell’applicazione della cannabis nelle epilessie infantili (questo è uno dei primi studi), in molti paesi molte famiglie usano la cannabis per alleviare le convulsioni dei propri figli con buoni risultati, ma esponendosi all’illegalità su molti occasioni. o all’acquisizione di prodotti non controllati .

Studi sulla cannabis ed i batteri resistenti agli antibiotici

Un altro studio sulla cannabis ha concluso che il CBD può essere un trattamento antibiotico per i batteri resistenti . I ricercatori hanno osservato che il CBD è stato in grado di uccidere alcuni batteri gram-negativi, batteri che hanno una linea di difesa extra che rende difficile la penetrazione degli antibiotici, e credono che il CBD potrebbe essere usato per sviluppare nuovi antibiotici che aiutano a combattere i batteri resistenti a antibiotici attualmente disponibili.

Anche quest’anno sono stati pubblicati i risultati di uno studio in cui si è riscontrato che le endorfine non sono responsabili della cosiddetta euforia del corridore. Tradizionalmente, gli effetti antidepressivi che si verificano negli esseri umani dopo l’esercizio sono stati associati al rilascio di endorfine e al loro effetto sui recettori degli oppioidi, ma a quanto pare non è così. Secondo i ricercatori, tutto fa pensare che le sensazioni di ridotta ansia associate all’esercizio aerobico siano dovute al rilascio di endocannabinoidi.

Studi sulle coltivazioni di cannabis

Al di fuori del corpo umano, nell’ultimo anno uno studio ha analizzato la quantità di emissioni di CO2 prodotte nella coltivazione industriale della cannabis ed è giunto alla conclusione che negli Stati Uniti, per ogni chilo di gemme secche prodotte nella coltivazione indoor, tra 2200 e 5100 chili di CO2. I ricercatori sono rimasti sorpresi nello scoprire che l’elettricità non è l’unica causa principale delle emissioni, ma che i sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento delle colture hanno la più alta domanda di energia. Lo studio è stato condotto sulla base di diverse regioni degli Stati Uniti e i ricercatori hanno osservato che la quantità di CO2 prodotta può variare sostanzialmente a seconda di dove viene coltivata la cannabis, a causa delle differenze climatiche e della quantità di emissioni dalla rete elettrica.

Infine, uno studio condotto in Spagna ha presentato 16 nuovi cannabinoidi finora sconosciuti . I ricercatori hanno identificato 43 cannabinoidi nell’olio estratto dai semi di cannabis psicoattivi, di cui 16 non erano stati precedentemente identificati. Tra le novità dello studio c’è l’identificazione di cannabinoidi che secondo i ricercatori potrebbero avere più effetti psicoattivi del THC, ipotesi generata dall’osservazione che dovrà essere verificata in futuro.

Ti potrebbe interessare anche:

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping