Canapa e salute, News canapa

Olio di cannabis: Le controindicazioni

olio di cannabis

Il CBD o Cannabidiolo , dalla pianta cannabis, è un composto ampiamente utilizzato in diversi modi. Dalle foglie della pianta di marijuana si estrae quello che è noto come olio di cannabis , che per molti ha un enorme potere di esaltare il benessere fisico di chi ne ha bisogno.

Nonostante le sue comprovate proprietà scientifiche, è vero che l’olio di cannabis può avere effetti collaterali e controindicazioni , a seconda del paziente che ne farà uso. In effetti, il corpo umano è un’entità complessa e ognuno affronta in modo diverso la presenza di CBD nel proprio corpo.

A seconda di come l’olio di cannabis si sente sul tuo corpo, è sia un vantaggio che uno svantaggio. Sebbene ciò significhi che dovrai consumarlo regolarmente per sentirne gli effetti, significa anche che se lo interrompi, tutti gli effetti collaterali scompariranno all’istante.

Controindicazioni all’assunzione di olio di cannabis

Ogni persona sperimenta l’applicazione dell’olio di CBD a modo suo , essendo una sensazione unica in ogni persona. Pertanto, dovresti familiarizzare con i possibili risultati prima di incorporare il cannabinoide nella tua dieta di routine. Ecco un riassunto degli effetti collaterali più comuni che il CBD ha sul corpo.

Bocca asciutta

La secchezza delle fauci è un effetto collaterale molto comune quando si consuma CBD. Il cannabinoide interagisce con i recettori associati alle ghiandole salivari, riducendo temporaneamente la produzione di saliva. Questa controindicazione non è un problema pericoloso ma qualcosa di spiacevole.

Stanchezza

Sebbene la stanchezza sia un altro possibile effetto collaterale della cannabis, nella maggior parte di questi casi i risultati più frequenti sono una migliore capacità di concentrazione e un’influenza benefica sul sonno.

In caso di affaticamento, ridurre la dose di qualche goccia e aumentarla nuovamente gradualmente. Se è la prima volta che provi il CBD, prendi olio a bassa concentrazione più volte al giorno in modo che il tuo corpo possa abituarsi a questo effetto.

L’appetito cambia

L’olio di cannabis può stimolare l’appetito e anche ridurre la sensazione di fame. Nel caso in cui il risultato che ottieni non sia quello che desideri, riduci la dose giornaliera di olio di CBD fino a quando l’appetito non torna alla normalità.

Bassa pressione sanguigna

Nella maggior parte delle situazioni, un leggero calo della pressione sanguigna tende a passare completamente inosservato. Tuttavia, nelle persone con determinati problemi di salute, anche il più piccolo calo della pressione sanguigna può avere un impatto significativo.

Vertigini

Nel caso in cui abbiamo superato la dose di olio di CBD, potrebbe darci sonnolenza e vertigini. Ognuno reagisce in modo diverso al CBD, anche se produce sempre effetti generali, ma non sai mai cosa sentirai finché non lo provi. Pertanto, si consiglia di iniziare con una bassa concentrazione e aumentare gradualmente la dose nell’arco di due settimane.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *