Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
cannabis sativa

Stabilizzare un ceppo di cannabis sativa (PT3)

Per stabilizzare una varietà di cannabis sativa come la Big Amnesia abbiamo deciso di applicare il metodo di allevamento noto come backcrossing . In questo caso il maschio utilizzato per il backcross è un clone di Amnesia Cordobesa. Dopo aver spiegato nelle due puntate precedenti come sincronizzare i periodi fertili di ciascun genitore, in questo capitolo vedremo le rese ottenute.

Per questo incrocio abbiamo utilizzato come femmine 7 piantine di Big Amnesia, selezionate tra 30 semi femminizzati per il loro vigore e la forma delle foglie (tratti sativa). D’altra parte, un clone di Amnesia Haze è stato invertito per usarlo come maschio, applicando tiosolfato d’argento. Ricorda che questo polline è geneticamente femminile, quindi, se una femmina di Big Amnesia impollina, anche la prole sarà femmina.

Nel capitolo precedente abbiamo spiegato come rendere abbondante e disponibile la produzione di polline mentre le femmine sono fertili. Per far quadrare questi tempi, è sufficiente sfalsare di un paio di settimane i calendari di coltivazione.

Una volta che tutte e 7 le femmine di Big Amnesia sono state impollinate, il maschio può essere scartato. In effetti, non vale nemmeno la pena asciugarlo per le successive estrazioni di resina. Per quanto riguarda le femmine, dopo l’impollinazione i loro pistilli acquisiscono un aspetto “bruciato”. L’aspetto del pistillo è simile a quando le piante sono eccessivamente fertilizzate, con un colore arancione e una forma contorta. Quando questo si osserva nelle piante, è che sono state perfettamente impollinate.

Dall’impollinazione fino a quando i semi non sono minimamente visibili, passano un paio di settimane, tre al massimo. I calici dei fiori sono gonfi, perché il seme comincia a prendere volume all’interno. Durante questo periodo di allegagione, il programma di concimazione può essere seguito come se si stessero facendo i germogli.

Circa 5 settimane dopo l’impollinazione, i semi sono pronti per essere raccolti. Per esserne sicuri, basta guardare i fiori e notare come si aprono a causa delle dimensioni del seme. Il seme appare grande e di colore scuro, facendosi strada nel calice. Il colore dei semi cambia da bianco a grigio scuro man mano che maturano.

Durante questa fase di maturazione viene seguito anche un tipico programma di concimazione in fioritura. Normalmente verrà applicato un supplemento di potassio e fosforo. Il classico PK di tutta la vita può funzionare.

Una volta che i semi sono maturi, puoi interrompere la concimazione e passare all’irrigazione con sola acqua. A seconda della destinazione del materiale vegetale (possibili estrazioni di resina), sarà necessario lavare o meno le radici. Il momento migliore per raccoglierli è quando la pianta inizia ad asciugarsi a causa della senescenza stessa. Una volta che i semi sono stati separati dal germoglio, vanno conservati in un luogo asciutto, ad esempio un barattolo di vetro con un po’ di silice.

Dopo un paio di settimane in frigorifero, la maggior parte dei semi è pronta per il test di germinazione. La prova si può fare con circa 60 semi, se destinati all’autoconsumo. Con una grande serra e un vassoio di 60 jiffy , il test può essere fatto perfettamente a casa. I semi sono buoni dal 90% di germinazione.

Quando si tratta di semi femminizzati destinati all’uso commerciale, il test di germinazione deve essere effettuato in lotti (un lotto per ogni pianta femmina) e il numero totale di semi da germinare è molto più alto. Ma non è così, quindi possiamo concludere il processo di produzione del seme con il test di germinazione più semplice (60 piante).

 

attrezzatura

Ricordiamo le condizioni di questa coltura prima di analizzare la resa. Ha coinvolto 7 piante femmine piantate in un vaso di stoffa da 4 litri, il substrato utilizzato è terriccio Light Mix. Il terreno è più facile da gestire, in quanto attutisce eventuali mancanze di concimazione o irregolarità nell’irrigazione, ed essendo un po’ all’oscuro, è sempre bene avere un margine di errore.

La cabina di coltivazione misura un metro quadrato ed è illuminata con un sistema da 400 watt con reattore magnetico e una lampadina a spettro misto (crescita e fioritura). L’attrezzatura di estrazione ha una bocca da 125 mm e funziona contemporaneamente alla messa a fuoco. Inoltre è presente un ventilatore a pavimento, alla minima velocità, per togliere l’aria e raffreddare le piante.

L’armadio per la produzione dell’anima è più piccolo, misura 80 x 80 cm di superficie e 160 cm di altezza. È dotato di riflettore raffreddato, bulbo fiorito e reattore elettronico regolato a 250 watt. Pertanto, la potenza totale è di 650 watt, e meno di due metri quadrati di superficie. È un’autocoltivazione di piccole dimensioni, ma consente la produzione di più di semplici semi avanzati per l’autoconsumo.

 

Rendimenti

Dopo aver separato a mano i semi da ogni gemma (faenón!) la raccolta dei semi ha raggiunto quasi le 4000 unità. Quei semi biancastri che non hanno finito di maturare bene vengono scartati. Vengono scartati anche semi malformati o piatti. Questi semi possono essere salvati come pool genetico di emergenza, non c’è motivo di buttarli via.

Scontando le perdite e tenendo conto che c’erano 7 femmine, la resa approssimativa è di 570 semi per pianta. Per superficie coltivata non abbiamo niente di più e niente di meno di 4.000 semi per metro quadrato. Per la maggior parte dei fanatici, per potenza consumata, si raggiunge una resa di 100 semi per watt. Si tratta di una buona performance, considerando il prezzo che hanno i semi femminizzati nel circuito commerciale…

Con questi semi possiamo dare diverse unità ad altri coltivatori in modo che possano anche tenerli come riserva e, naturalmente, provarli. Ma per concludere il processo, ora ci vuole la cosa più importante: seminare i semi e coltivarli noi stessi. Ricordiamo che l’obiettivo di questo processo di allevamento era stabilizzare una varietà sativa, in particolare, per fissare uno dei due fenotipi che presenta la varietà Big Amnesia.

Ora è il momento di tornare al movimento e determinare se il nostro progetto di stabilizzazione ha funzionato. Normalmente i backcross di questo tipo tendono a dare risultati decenti, riducendo la variabilità fenotipica. Ma questa è la teoria.

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping