Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
coltivazione indoor

Coltivazione indoor: l’importanza di scegliere un buon substrato

La coltivazione indoor è un’ottima soluzione, man mano che le temperature scendono e le condizioni climatiche cambiano. La stagione di crescita indoor inizia per garantire un corretto sviluppo e protezione delle nostre piante.

In condizioni naturali, una pianta germoglierebbe, crescerebbe e prospererebbe in un ecosistema, con un terreno fertile, vita microbica attiva e altre piante intorno . Nella nostra coltivazione indoor ci sforziamo sostanzialmente di emulare un substrato naturale, come quello che troveremmo in una foresta, mantenendone gli aspetti positivi e cercando di minimizzare quelli negativi.

L’importanza del substrato nel risultato finale della coltivazione indoor

Preparare un substrato adatto è sempre il primo passo nella coltivazione. Il substrato non servirà solo da casa per le nostre piante per i prossimi mesi. Farà anche parte del tuo menu giornaliero. Pertanto, è importante prestare molta attenzione e fare attenzione nella scelta e nella preparazione del substrato che utilizzeremo nella nostra coltivazione di cannabis indoor.

Altrimenti, un substrato inadeguato farà sì che il nostro raccolto non si sviluppi correttamente e passeremo mesi a chiederci “cosa succede alle mie piante?”

Come scegliere il substrato più adatto per la mia coltivazione indoor di cannabis?

In generale, ci sono quattro caratteristiche fondamentali che dobbiamo considerare nella scelta del substrato più adatto : pH, EC, ritenzione idrica e capacità di aerazione.

Il pH ottimale per la coltivazione della cannabis è solitamente nell’intervallo approssimativo di 6,0-6,5. Possiamo controllare il pH di una miscela di substrato commerciale consultando la confezione. Nel caso di miscele fatte in casa, utilizzeremo acqua distillata e un pHmetro.

Il livello EC ci aiuterà a sapere se stiamo lavorando con un substrato prefertilizzato (EC più alto) o un substrato con pochi nutrienti (EC più basso).

capacità del substrato di trattenere l’acqua e far passare l’aria dipenderà dalla sua composizione e dalla presenza o assenza di elementi inerti, come perlite o fibra di cocco. Possiamo alterare queste caratteristiche aggiungendo più perlite per una maggiore aerazione, più fibra di cocco per una migliore ritenzione e drenaggio dell’acqua, o humus di vermi,  per compattare un po’ di più un substrato torboso e molto fibroso.

L’equilibrio tra aria e acqua a disposizione delle radici della pianta è uno dei requisiti essenziali affinché le nostre piante si sviluppino correttamente. Troppa acqua renderà impossibile lo scambio di gas e troppa aria impedirà alle radici di entrare in contatto con i nutrienti di cui hanno bisogno. La chiave è sempre l’equilibrio.

Ogni tipo di substrato ha un equilibrio diverso e porterà a diverse tecniche di coltivazione. Tutti sono idonei, ma dobbiamo selezionare quello che meglio si adatta alle esigenze della nostra pianta (per genetica o morfologia) e alla nostra tecnica di coltivazione preferita.

In ogni caso, un buon substrato per coltivare marijuana indoor deve essere ricco di microrganismi benefici , come micorrize e tricodermi, tra molti altri. Questi microrganismi possono essere inoculati tramite prodotti specifici oppure possiamo trovarli già nella composizione del substrato che scegliamo.

È sempre consigliabile avere una fonte organica al 100% di microrganismi. In generale, un substrato biologico al 100% pieno di vita garantisce un sapore migliore e un aroma più naturale nel raccolto finale.

I diversi tipi di substrato

Prima di scegliere il substrato più adatto, dobbiamo tenere conto del tipo di pianta che andremo a coltivare, nonché delle fasi del suo sviluppo che passeranno in quel substrato.

Substrati per le diverse fasi di sviluppo delle piante

Germinazione, crescita e fioritura richiedono che adattiamo il substrato alle esigenze della nostra pianta in ciascuno di questi momenti.

Durante la germinazione cercheremo un substrato molto leggero e arioso, senza alcun contenuto di nutrienti , poiché i semi e i germogli sono troppo delicati per assorbire i nutrienti e possono morire per eccessiva fertilizzazione.

Una volta che la piantina ha il suo primo paio o due di foglie vere, si può dire che è pronta ad assimilare i nutrienti. Le piante di cannabis richiedono una grande quantità di azoto durante la loro fase vegetativa , così come altri micronutrienti.

Non appena inizia la fase di fioritura , la pianta di cannabis inizia ad aver bisogno di meno azoto e più fosforo e potassio . Possiamo fornire questi macronutrienti attraverso un concime secco a lenta cessione, sfruttando l’occasione per trapiantare la nostra pianta in un vaso più grande, oppure possiamo preferire il concime liquido specifico per la fioritura.

Substrato per piante femminizzate e autofiorenti

La varietà e la genetica della pianta che coltiveremo ci faranno anche scegliere un substrato o un altro.

In generale, le varietà femminizzate sono più robuste e hanno un apparato radicale più sviluppato. Possiamo quindi utilizzare substrati più compatti , con meno perlite, e con una maggiore concentrazione di nutrienti (EC).

Al contrario, le piante autofiorenti si caratterizzano per essere più delicate e non sempre sviluppano grandi radici e capacità di assorbire acqua e sostanze nutritive. Per loro sceglieremo substrati più spugnosi e aerati, con più perlite o fibra di cocco, e con un valore EC basso o neutro . In questo modo, è il coltivatore che controlla la quantità di acqua e sostanze nutritive che la pianta assorbe ed evitiamo ristagni d’acqua e la comparsa di muffe nel vaso.

Preparazione del substrato ideale

Una volta stabilite le esigenze della nostra pianta e il substrato perfetto per la nostra coltivazione indoor, dobbiamo prepararlo.

Il modo più semplice per iniziare a coltivare è utilizzare un substrato commerciale che troviamo presso il tuo negozio di coltivazione locale. Se scegliamo questa strada, vale la pena fare un investimento iniziale un po’ più grande e ottenere un substrato di qualità che garantisca buoni risultati . Dobbiamo ricordare che il substrato sarà la casa della nostra pianta durante tutto il suo ciclo, quindi è di vitale importanza scegliere bene e non causare stress inutili se decidiamo di trapiantare in un secondo momento.

Tuttavia, questo non è l’unico modo per preparare un substrato. A volte il coltivatore vuole godere dei benefici di due o più diversi tipi di substrato per ottenere il raccolto più ampio e aromatico possibile.

ortunatamente, i diversi tipi di substrato possono essere combinati per ottenere miscele superiori che si adattano esattamente ai nostri gusti e alle nostre esigenze.

Ci sono molte diverse combinazioni e rapporti che ci offrono diversi vantaggi. Fa parte dell’esperienza di coltivazione sapere quali caratteristiche cerchiamo per una coltivazione perfetta.

Con questi semplici consigli, qualsiasi coltura partirà con il piede giusto e si concluderà con un raccolto abbondante e aromatico , a patto di prestare le cure necessarie e di nutrire di volta in volta le nostre piante con nutrienti liquidi organici al 100%, senza dimenticare il più cosa importante: godersi il processo. .

Ti potrebbe interessare anche:

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping