Operativi dal Lunedì al Venerdi 08AM-06PM
Chiama per INFO +039 3478642907
My Cart
0,00
My Cart
0,00
Blog
parassiti

Malattie e parassiti della marijuana

Cosa sono i parassiti e le malattie delle piante?

Le minacce a cui sono esposti gli esseri del regno Planta e di solito sono classificati in parassiti e malattie. Sono considerati parassiti quegli animali che possono essere visibili all’occhio umano e ridurre la produzione, come uccelli, roditori, molluschi e insetti, nonché acari e nematodi, sebbene alcune specie siano di dimensioni microscopiche (alcuni esperti classificano i nematodi come una malattia per questo motivo). Le fitopatie, invece, sono alterazioni dannose dei processi fisiologici provocate dalla continua irritazione di un agente patogeno. Questi agenti patogeni possono essere biotici come virus, funghi o batteri, o abiotici come alterazioni del clima. Pertanto, sebbene esistano varie classificazioni, in agricoltura è solitamente considerato un parassita per quegli animali o piante che causano danni alla produzione agricola. È importante prevenirli e combatterli perché, Oltre a incidere sul risultato finale, possono causare o contribuire allo sviluppo di malattie nelle colture, aggravando la situazione. Ad esempio, nel caso della coltivazione della cannabis, una piaga di bruchi facilita la comparsa dibotrite .

Principali parassiti della cannabis

 I parassiti che rappresentano la più grande minaccia per la cannabis sono l’acaro ragno, la mosca del pacciame, il bruco, la cocciniglia, il trip, la mosca bianca, il minatore fogliare e l’afide. Tutti sono tipici della stagione estiva, tuttavia si verificano anche in altre stagioni indoor, se le condizioni di crescita sono favorevoli.

Il ragnetto rosso è un minuscolo acaro, appena 0,5 mm, che può essere visto ad occhio nudo sotto forma di piccoli punti rossastri situati nella parte inferiore delle foglie. Tende a prosperare in climi caldi e secchi. È un parassita che può nutrirsi di centinaia di specie vegetali, compresa la maggior parte delle verdure, e può essere devastante. Questo insetto si nutre del contenuto cellulare delle foglie, assorbendole cellula per cellula e, poiché una singola pianta può essere colonizzata da migliaia di individui, potrebbe subire un gran numero di attacchi che ne diminuiscono la capacità fotosintetica e altri processi. . Inoltre, copre gli esemplari che parassita con una ragnatela che funge da rifugio.

Per evitarlo, oltre ad aver alimentato correttamente le nostre piante, possiamo spruzzarli con olio di Neem. Se coltiviamo indoor, faremo in modo che le temperature non superino i 24ºC. Se abbiamo la piaga degli acari del ragno installata nel nostro raccolto, possiamo scegliere tra diverse opzioni per eliminarla. Se è nella stagione di crescita, possiamo usare il sapone di potassio come insetticida biologico o l’abamectina come prodotto chimico se l’infezione è molto sviluppata. Se siamo nel periodo della fioritura, dobbiamo utilizzare uno specifico insetticida biologico altamente efficace (sempre rispettando i tempi di sicurezza), altrimenti non potremmo raccogliere. Se è nella stagione di crescita, possiamo usare il sapone di potassio come insetticida biologico o l’abamectina come prodotto chimico se l’infezione è molto sviluppata. Se siamo nel periodo della fioritura, dobbiamo utilizzare uno specifico insetticida biologico altamente efficace (sempre rispettando i tempi di sicurezza), altrimenti non potremmo raccogliere. Se è nella stagione di crescita, possiamo usare il sapone di potassio come insetticida biologico o l’abamectina come prodotto chimico se l’infezione è molto sviluppata. Se siamo nel periodo della fioritura, dobbiamo utilizzare uno specifico insetticida biologico altamente efficace (sempre rispettando i tempi di sicurezza), altrimenti non potremmo raccogliere.

La mosca del pacciame è un altro parassita che può ridurre significativamente la produzione finale. Sono piccole zanzare nere o grigio scuro che depongono le uova nel substrato umido. Le loro larve si nutrono dei peli radicali, provocando gravi danni che impediscono alle piante di nutrirsi e che favoriscono la comparsa di funghi e marciumi radicali. Fanno bene in substrati molto umidi come la lana di roccia proveniente dall’idroponica o il terreno irrigato a goccia. Per prevenirlo, possiamo ricoprire il substrato con vermiculite o argilla e per combatterlo, lo innaffieremo con un preparato di olio di neem.
Ti potrebbe interessare anche:

Leave your thought

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping