Blog, Canapa e salute

CBD e gravidanza

cbd

Il CBD è uno dei componenti della cannabis. È considerato medicinale perché non ha effetti psicoattivi come l’altro componente principale della marijuana, il THC. È stato dimostrato che ha numerosi effetti benefici e il suo consumo sta diventando popolare per alleviare i sintomi di alcune malattie come l’epilessia, l’artrite, l’osteoartrite o la depressione.

È stato anche dimostrato che è efficace, da solo o in combinazione con il THC, per combattere la nausea e il vomito causati dai trattamenti antitumorali. Questo può chiederci se possiamo assumere cannabis per ridurre il disagio così frequente nei primi mesi di gravidanza come vomito o mal di testa. Possiamo assumere cannabis o il bambino è a rischio? Vediamo cosa dicono medici e ricercatori sull’argomento.

Gli effetti del THC sullo sviluppo fetale

L’opinione generale di tutti i pediatri è che sia un rischio assumere cannabis con THC durante la gravidanza e l’allattamento . Il THC attraversa facilmente la placenta ed entra nel cervello del feto in via di sviluppo. Passa anche attraverso il latte materno dopo 6 giorni di consumo.

Si sa poco di cosa succede quando il THC raggiunge il bambino, ma studi in corso suggeriscono che potrebbe avere effetti sullo sviluppo neurologico. Questi danni potrebbero influenzare la capacità di concentrazione, attenzione, memoria, percezione visiva, controllo degli impulsi e capacità di risolvere i problemi.

In alcuni bambini, per esempio, l’esposizione prenatale alla marijuana aveva causato un aumento dei tremori e del riflesso di sussulto nei neonati.

Alcuni studi suggeriscono anche che i bambini esposti al THC possono avere problemi di salute mentale quando raggiungono l’adolescenza o l’età adulta. Ciò influenzerebbe la loro capacità di organizzare il loro tempo, il lavoro scolastico o qualsiasi altra cosa vogliano fare.

Gli effetti del CBD sul bambino

Alcuni dei sintomi più comuni della gravidanza sono nausea, crampi, mal di testa, vomito, vertigini o affaticamento e il CBD si presenta come un’alternativa alle droghe sintetiche. Può anche succedere che stiamo già assumendo farmaci CBD per alcune patologie e vogliamo rimanere incinta. Possiamo continuare a prendere CBD?

Se ci sono pochi studi sugli effetti del THC sullo sviluppo fetale, sul CBD sono quasi inesistenti. Questo perché il consumo è diventato popolare negli ultimi anni e le sperimentazioni mediche sono ancora concentrate sulla scoperta di tutte le possibilità terapeutiche del CBD.

Non ci sono studi conclusivi sui possibili effetti negativi del CBD in gravidanza o durante l’allattamento. Un test su animali da laboratorio ha mostrato che il CBD ad alte dosi ha causato problemi nel sistema riproduttivo della prole maschile.

Tuttavia, gli studi si contraddicono a vicenda. Nel 1994 il Journal of Pediatrics dell’American Academy of Pediatrics ha pubblicato uno studio sugli effetti della marijuana sui bambini giamaicani. I bambini di 44 donne sono stati valutati a 3 giorni e 3 mesi di età. Delle 44 donne, 24 avevano usato regolarmente cannabis durante la gravidanza. Lo studio ha concluso che i neonati delle madri consumatrici hanno ottenuto punteggi migliori in termini di stabilità autonomica, livello di vigilanza, irritabilità e autoregolazione e hanno mostrato una tranquillità molto maggiore nella loro vita quotidiana.

Semi di canapa, totalmente innocui

Questo articolo non sarebbe completo se non parlassimo dei semi di canapa. Abbiamo già un blog sui benefici nutrizionali dei semi di canapa e secondo la FDA (Food and Drug Administration) degli Stati Uniti, le donne in gravidanza o in allattamento possono consumare semi di canapa senza preoccupazioni.

THC e CBD si trovano principalmente nei fiori, nelle foglie e negli steli della marijuana, non nei semi. Potrebbero avere tracce di questi cannabinoidi per essere stati in contatto con queste parti della pianta, ma sono abbastanza bassi da consentirne il consumo durante la gravidanza o l’allattamento.

La linea di fondo è che gli effetti del CBD sullo sviluppo fetale e sui lattanti sono ancora sconosciuti. La nostra raccomandazione è di consultare il medico se stai già assumendo CBD come medicinale e intendi rimanere incinta. E in caso di dubbio, la nostra raccomandazione sarà sempre di astenerci fino a quando non ci saranno studi conclusivi.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *