Coltivazione Canapa Legale, Guide coltivazione canapa

Conservazione della cannabis

conservazione della cannabis

In questo articolo parleremo della conservazione della cannabis

Infatti, sappiamo già (o dovremmo sapere) quando e come raccogliere secondo i nostri gusti e preferenze. In ogni caso, se è il primo raccolto, il coltivatore può sperimentare un po’ se ha più piante da talee della stessa madre, lasciando passare alcuni giorni tra la raccolta di ciascuna di esse e osservando i cambiamenti di struttura e tricomi. È importante un’osservazione dettagliata con una lente d’ingrandimento e annotare le valutazioni, in modo da avere una buona raccolta di dati e alla fine poter confrontare e trarre conclusioni.

La trimmatura

trimming cannabis

Normalmente avremo tagliato la pianta al di sotto dell’ultimo nodo fiorito se lavoriamo indoor con piante piccole. Se la raccolta avviene all’aperto o su un terrazzo con grandi contenitori, le dimensioni dell’esemplare normalmente lo rendono poco maneggevole anche quando è stato raccolto in parti, quindi è consuetudine separare i rami, alcuni dei quali possono raggiungere le dimensioni di un intero pianta della casa. È probabile che anche questi siano separati in parti per una migliore maneggevolezza.

Una volta “tagliate” le piante in rami, dobbiamo effettuare un’operazione volta ad abbassare l’umidità e ad eliminare le parti indesiderate della pianta per l’affumicatura; Come molti di voi sapranno, questa si chiama “manicure”, poiché è in qualche modo simile a questa in quanto “sbucciamo” i boccioli, lasciandoli lisci e senza parti sporgenti.

 Come si vedrà per esperienza, è conveniente lavorare con forbici di medie dimensioni, appuntite e molto affilate e strette, come quelle usate dai parrucchieri. Inizieremo rimuovendo tutte le foglie principali rimaste dopo il taglio, cercando di tagliare la base del picciolo o coda che unisce la foglia al gambo, percorrendo così tutto il ramo, senza dimenticare quelle che sporgono nettamente dalla base delle gemme.

Questo è un buon momento per osservare i diversi sviluppi della pianta a seconda dell’area del ramo e metterli in relazione con la posizione che la pianta occupava nella coltura, in modo da poter trarre conclusioni sul fatto che le piante fossero molto vicine tra loro , per esempio, o se fossero troppo alti, nel caso in cui i rami inferiori mostrino fiori sciolti e mal formati.

Le foglie che abbiamo tagliato sono solitamente inutilizzabili per uso ricreativo poiché praticamente non hanno tricomi e quindi cannabinoidi. In ogni caso possono essere usati come spezia per insaporire, o per preparare dell’olio o del burro per uso medicinale, poiché le dosi terapeutiche sono generalmente piuttosto basse.

Da questo momento, possiamo prendere due opzioni: appendere i rami ad asciugare senza ulteriori indugi a quel punto, o continuare a tagliare. Alcuni coltivatori preferiscono essiccare in questa fase per terminare la potatura dopo l’essiccazione e prima della stagionatura.

Il vantaggio è che l’essiccazione è più lenta e in qualche modo alcuni degli agenti aromatici sono protetti. Tuttavia, al momento della seconda fase l’erba è generalmente piuttosto secca e fragile, e anche le piccole foglie esterne sono piegate sul bocciolo, rendendone difficile l’accesso. D’altra parte le teste dei tricomi si staccano molto facilmente in questo stato, quindi quando si maneggiano i rami ne perdiamo parte, perché li spazzoliamo, li colpiamo, ecc.

Per questo e altri motivi, e sempre per nostra esperienza, sembra più vantaggioso eseguire la manicure completa quando sono appesi ad asciugare, perché sebbene un po’ di resina rimanga sulle forbici in modo evidente, può essere raccolta e fumata, e in in ogni caso l’importo è molto inferiore a quello che perderemo se facciamo la manicure dopo l’asciugatura.

C’è anche la possibilità di metterlo ad appassire ed effettuare la seconda parte del processo dopo tre o quattro giorni, a quel punto i gambi non si sono ancora “spaccati” e le gemme hanno perso un po’ di umidità ma conservano abbastanza in modo che i tricomi non rompere Questa soluzione può essere valida, ma se la varietà è molto resinosa avremo difficoltà a rimuovere gli strati esterni delle foglie.

Quindi, dopo aver potato le foglie principali, andremo su ogni gemma, tagliando tutte le punte delle foglie e cercando di dare alla gemma una forma “chiara”, che non è sempre sferica o ovale, e può avere forme irregolari quando raggruppata, soprattutto tutto sulle punte. L’obiettivo è rimuovere la massima quantità possibile di materia vegetale senza tagliare i calici. Naturalmente, questi “resti” devono essere conservati, perché in questo caso portano tricomi con una densità sufficiente per poter ottenere il polline o addirittura essere fumati.

È utile munirsi di una lama o “taglierino”, oppure di un contenitore con alcool e della garza per pulire di tanto in tanto il bordo delle forbici. Immediatamente si nota come il taglio si stia perdendo fino a quando non arriva il momento in cui le foglie sono praticamente strappate.

Possiamo pulirli facilmente con una garza imbevuta di alcool, facendola passare lungo i bordi, anche se in questo modo sprechiamo la resina. Con un po’ più di sforzo possiamo separare la resina dai bordi delle forbici raschiando con una lama e raccogliendo le palline rimaste. Quindi uniamo alcune palline con altre e alla fine possiamo avere dei sigari di questo “pseudo charas” che di solito forniscono un effetto stimolante e attivo.

Un altro punto da tenere in considerazione e in cui l’esperienza è fondamentale, è la struttura presentata dalle diverse categorie morfologiche che esistono nella cannabis narcotica. Non ci riferiamo alla varietà specifica che abbiamo raccolto, ma alla morfologia che le cime floreali presentano in termini di densità del calice, loro spessore, dimensione e spessore delle foglie piccole e ravvicinate e quantità di ghiandola visibile.

A seconda di tutti questi fattori, faremo una manicure più o meno “profonda”, poiché se trattiamo una cima indica dura come un’altra sativa pura, fine e non molto densa, è normale che quest’ultima si asciughi dopo l’essiccazione . La stessa cosa accade anche in genere con le gemme nelle parti inferiori o se hanno ricevuto poca luce o sono poco formate. In questi casi è conveniente eseguire una manicure leggera, rimuovendo solo le punte delle foglie, lasciando il resto che poi “scalderà” il bocciolo, dandogli forma e volume. Possiamo sempre rimuovere quelle foglie quando fumiamo se non ci piacciono.

Il modo corretto per manipolare il ramo-bud impostato per eseguire la manicure è sempre tenere il ramo tra due nodi in modo da poterlo spostare facilmente su più assi, ruotandolo dal lato necessario mentre con l’altra mano “radiamo” la superficie . Meno tocchiamo le cime, meglio è.

Essicazione

L’asciugatura viene eseguita per diversi motivi. La principale è che l’erba fresca o appena raccolta è difficile da manipolare, non può essere sminuzzata senza ulteriori indugi, le giunture si spengono e il sapore è solitamente sgradevole, con un tono sempre presente di “erba di campo”. D’altra parte, c’è la clorofilla, in gran parte responsabile del sapore “cespuglio”. Inoltre, gran parte dei cannabinoidi sono nella loro forma acida (THCA, CBDA…) e necessitano di tempo e scambio di gas per decarbossilare.

Una curiosità che sicuramente sarà sconosciuta a molti è il fatto che il CBN non si trova nella pianta fresca, ma si forma dopo un lungo processo di trasformazione e degradazione di altri cannabinoidi dopo il taglio della pianta.

In effetti, questa scoperta è stata fatta da Ross ed Elsohly nel 1997, presso l’Università del Mississippi (Ross, SA e MA Elsohly, CBN e D9 THC concentrazione ratio come indicatore dell’età dei campioni di marijuana conservati, Bulletin on Narcotics, 1997, 50 , 1-2: 139-147), nel corso di un progetto di ricerca il cui scopo era di poter determinare il tempo trascorso dalla raccolta analizzando un determinato campione di cannabis narcotica adatta al consumo.

In questo modo, sono stati in grado di stabilire una relazione tra i livelli di degradazione del THC in un dato campione e il suo contenuto di CBN a temperatura e umidità controllate. Oggi sappiamo che il CBN ha una chiara influenza sul tipo di psicoattività, o meglio, sulla durata dell’effetto psicoattivo, regolando in qualche modo gli effetti prodotti dalla combinazione di THC e CBD, gli altri cannabinoidi “principali”.

L’essiccazione ideale sarebbe quella che riesca a lasciare il materiale con un’umidità compresa tra il 20% e il 30% di quella contenuta all’inizio, per un periodo compreso tra dieci e quindici giorni, al buio totale. In questo modo otterremo cime con una consistenza spugnosa ma facilmente friabili, appiccicose e con un buon odore. Il colore dei pezzetti delle foglie di base che abbiamo lasciato durante la rifilatura avrebbe dovuto assumere una tonalità tenue o addirittura giallastra, segno evidente della decomposizione della clorofilla, primo passo per un buon odore e sapore in combustione.

La perdita di volume sarà chiaramente evidente e dipenderà dalla categoria di cannabis su cui stiamo lavorando. Le cime saranno state compattate se si tratta di una indica o di una linea alta o saranno state affinate nel caso di sativa dominanti o pure.

Gli steli dovrebbero spezzarsi con poco sforzo e le cime già “solide” si staccano facilmente. Un buon momento per effettuare una degustazione, perché così potremo apprezzare meglio l’importante cambiamento che avverrà dopo una buona stagionatura. È sempre importante prendere appunti al momento, perché con il tempo gli apprezzamenti si sfumano e poi diventa difficile confrontare.

Da qui l’obiettivo è mantenere un lento processo di riduzione dell’umidità, un altro 10% con uno scambio gassoso controllato in modo che le ultime trasformazioni avvengano a livello chimico nelle resine fino a raggiungere il punto ottimale al di sotto del nostro punto di vista in termini della combinazione di effetto psicoattivo e aromi e sapori nell’aria e nella combustione, momento in cui conserveremo la nostra scorta in modo che rimanga invariata il più a lungo possibile.

La concia

Questo processo è molto più facile da eseguire rispetto all’essiccazione. Per farlo avremo bisogno di un qualche tipo di contenitore opaco e sigillato, cioè uno che chiuda ermeticamente. Prenderemo ciascuno dei rami già secchi, e con estrema cura separeremo gemma per gemma e li introdurremo nel contenitore senza schiacciarli.

 Un barattolo di vetro opaco con coperchio ermetico funziona perfettamente. C’è chi preferisce fare un passaggio intermedio tra l’essiccazione e la stagionatura, lasciando l’erba per qualche giorno in cassette di legno prima di trasferirla sulle barche, il che è perfettamente valido, facendo attenzione a non utilizzare legni aromatici eccessivi come alcuni tipi di cedro. , poiché tendono a “contagiare” il loro aroma all’erba.

Una volta che le cime sono nel vaso, viene chiuso e conservato in un luogo buio. Poiché è ancora necessario un leggero apporto di ossigeno e umidità affinché le ultime reazioni chimiche avvengano nelle cime, apriremo la bottiglia una volta al giorno per alcuni minuti, per richiuderla e poi conservarla.

La durata della stagionatura è qualcosa di abbastanza soggettivo, poiché ognuno di noi ha i propri gusti. Il modo migliore per sapere quando il materiale è pronto è effettuare regolarmente degustazioni, almeno una volta alla settimana. In questo modo possiamo notare i cambiamenti aromatici e le variazioni della psicoattività. Verrà il momento in cui questi fattori saranno di nostra maggiore soddisfazione, osservando il fatto che se le lattine continuano ad essere aperte, continueranno anche i cambiamenti all’interno, quindi è giunto il momento della conservazione.

Conservazione

In questo momento, quello che vogliamo è che la nostra erba venga conservata a lungo nelle condizioni in cui abbiamo deciso che la stagionatura era completa, quindi dobbiamo conservarla in modo tale che non ci siano più quei piccoli scambi di gas.

Il più semplice è il confezionamento sottovuoto. Esistono diversi sistemi sul mercato per questo scopo che utilizzano sacchetti o barattoli, ma presenteremo un modo semplice per trasformare gli stessi barattoli che abbiamo utilizzato per la stagionatura in barattoli sottovuoto. È molto semplice, si tratta di acquistare in farmacia valvole a tre vie, come quelle usate per i contagocce, per esempio. Sono molto economici e facili da ottenere. Useremo anche una grande siringa veterinaria.

Rimuoviamo il coperchio dal barattolo, facciamo un buco al centro, inseriamo la parte inferiore della valvola e la sigilliamo con silicone. Dopo aver lasciato il tempo necessario affinché il silicone si solidifichi e perda il suo caratteristico odore, rimettiamo il coperchio sul barattolo. Quindi, attraverso l’uscita della valvola, estraiamo l’aria con l’aiuto della siringa. Con questo sistema possiamo raggiungere livelli di vuoto del 90% o più, con il vantaggio che dopo aver aperto il barattolo per estrarre il materiale possiamo aspirare nuovamente senza alcuna difficoltà.

Naturalmente, il sistema più efficiente è l’immersione in un gas inerte come azoto o argon che sposta tutto l’ossigeno nel contenitore, ma la sua acquisizione è solitamente costosa e difficile, oltre alla complessità della sua manipolazione.

Infine, una volta confezionate le lattine sottovuoto, le conserveremo in un luogo fresco e buio. Una temperatura costante di circa 5 gradi Celsius può preservare inalterate per anni le preziose gemme che vi deponiamo.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *