Coltivazione Canapa Legale, Guide coltivazione canapa

Controllo dei parassiti nella coltivazione della cannabis

controllo dei parassiti canapa

Ogni coltivatore soffre prima o poi di parassiti. Lo strumento fondamentale per combatterli è la conoscenza. La prevenzione, o una rapida diagnosi, può fare la differenza tra salvare o perdere il raccolto.

Prevenzione

In natura i parassiti sono inevitabili. Ci sono tutti i tipi di creature amanti della cannabis da formiche, vermi e coleotteri a ragni e insetti, per non parlare dei mammiferi, a due e quattro zampe. La rimozione totale è impossibile. Il coltivatore outdoor può solo cercare di controllare il problema e ridurre al minimo i danni.

La coltivazione indoor elimina il problema dei mammiferi e dei grandi insetti, nonché delle lumache, dei serpenti e dei vermi, e consente di creare un ambiente sterile e privo di parassiti. Alcuni sono difficili da evitare e se il tuo interno è abbastanza grande alla fine subirai un attacco.

La prevenzione è la prima linea di difesa in qualsiasi strategia di controllo dei parassiti. Questo inizia con l’identificazione e l’eliminazione di ogni possibile vettore di infestazione, ovvero bisogna trovare tutti i punti in cui un bug può entrare. Possono arrivare volando attraverso una finestra, o puoi anche prenderli da un altro interno, oppure puoi portarli sui tuoi vestiti, capelli, ecc… e possono persino apparire a terra.

Sigillare tutte le finestre e tutti i fori sensibili con zanzariere, nonché le bocche di intrattori ed estrattori. Nota che dovresti usare una mesh molto fine poiché alcuni bug sono inferiori a 1 mm. Controlla tutte le piante prima di allestire il giardino, trattale se necessario e tienile in quarantena se sospetti la presenza di uova o larve. Tienili sempre dentro, per qualche ora di sole puoi prendere un buon parassita.

Tieni gli animali domestici lontani dal giardino e indossa vestiti appena lavati quando visiti, non farlo mai con vestiti che hai indossato per strada e usa terricci e fertilizzanti sterilizzati e di qualità. Gli emendamenti fatti in casa o i terreni dei campi possono causare la comparsa di coleotteri, bruchi e vermi.

Mantenere la salute dell’ambiente è il passo successivo. Le creature adorano i prati caldi, asciutti e trasandati, quindi controlla questi parametri e mantieni la stanza pulita. Strofina periodicamente tutte le superfici con disinfettante o candeggina e rimuovi detriti come foglie e rami secchi.

Rimedi casalinghi

Anche se prendi tutte le precauzioni, puoi soffrire una piaga. Se ciò accade, più velocemente rispondi, meglio è. Ispeziona regolarmente le piante, in particolare la parte inferiore delle foglie, per verificare che le uova cerchino di catturare il parassita nella sua fase iniziale, quando è ancora facile da controllare. Potresti aver bisogno di una lente d’ingrandimento per vedere alcuni di quei piccoli invasori. I primi segni di infestazione sono perdita di vigore, pallore e carie; anche la comparsa di piccoli punti bianchi sulle foglie accompagnati da uova o collosità sul lato inferiore delle foglie, piccioli e nodi.

Una volta rilevata la presenza di insetti, ci sono diversi modi per affrontare la situazione, tra cui caccia manuale, trappole, repellenti, insetticidi e controllo biologico. Il metodo da seguire dipenderà dal tipo di parassita e dal suo stato.

La caccia manuale è proprio quello che sembra, cattura gli insetti a mano e può essere efficace nelle prime fasi dell’invasione. Puoi usare un aspirapolvere per catturare alcuni insetti volanti, come zanzare, ecc. Scuoti la pianta e aspira gli insetti quando volano via. Per altri, come afidi e larve, puoi usare un batuffolo di cotone imbevuto di alcol e strofinare il gambo e le foglie. Le trappole sono utili anche quando il parassita non è ancora cresciuto. Alcuni insetti volanti sono attratti dal colore giallo. Puoi creare strisce di plastica gialla e metterci sopra qualcosa di appiccicoso, come il miele o una colla stick.

I repellenti fatti in casa sono buoni contro insetti morsi e viscidi. Esistono diverse formule, sempre basate su un semplice principio: usa tutto ciò che serve per rendere il fogliame delle piante il più scomodo possibile per il parassita. Aglio, cipolla, pepe, menta e tabacco. Gli ingredienti vengono mescolati e macerati e poi spruzzati sulle piante ogni tre o quattro giorni. Il seguente esempio è un buon repellente: 5-10 spicchi d’aglio schiacciati, 3-4 cucchiai di “salsa” di tabacco e una cipolla per 250 cc di acqua.

Il sistema manuale, trappole e repellenti non elimineranno del tutto il parassita, ma controlleranno il problema fino al raccolto, quando tutto dovrà essere pulito e disinfettato prima del raccolto successivo.

insetticidi

eliminare i parassiti nelle piante

In alcuni casi, ad esempio quando il parassita è molto virulento, o se si effettua una raccolta continua e non è possibile disinfettare la stanza, potrebbe essere necessario utilizzare mezzi più energici. Ciò include l’uso di insetticidi e il controllo biologico. Dovrebbe essere l’ultima linea di difesa.

Esistono insetticidi organici a base di sostanze prodotte dalle piante che non sono tossiche se usate correttamente. La Piretrina deriva dal crisantemo, il Rotenone dalla radice della “derris elliptica”, un legume tropicale. Ryania, un’altra radice, è particolarmente efficace contro vermi e larve. Tutti e tre sono disponibili in polvere o spray, funzionano in pochi giorni e sono efficaci contro la maggior parte dei parassiti.

Tutti questi insetticidi possono essere trovati nei negozi di coltivazione e nei negozi di giardinaggio. I saponi insetticidi sono un’altra opzione, non sono tossici per l’uomo e funzionano molto bene sugli insetti dal guscio molle. Il più comune e sicuro è il sapone al sale di potassio. Anche l’olio di noce di Neem può funzionare se la peste non è ancora avanzata. Generalmente, gli insetticidi vengono applicati una volta alla settimana, fino a quando il parassita non è stato eradicato, il che significa circa cinque applicazioni. Se l’infestazione persiste, dovrai usare insetticidi più potenti o cambiare strategia.

Controllo biologico

Questi sistemi vanno bene per chi ama utilizzare mezzi del tutto naturali o in situazioni in cui lo spray non serve o non funziona. Si basa sull’utilizzo di predatori naturali, parassiti o agenti disinfestanti che eliminano il parassita senza danneggiare la pianta.

Gli insetti predatori agiscono mangiando l’insetto e le sue uova. La coccinella comune è avida di afidi e delle loro uova. La mantide religiosa si nutre di afidi e zanzare e delle loro larve. I nematodi predatori attaccano circa 250 diversi insetti. I parassiti controllano il parassita deponendo le uova sulle uova di altre specie. Trichogamma attacca circa 200 specie. In ogni caso, entrambi sono sempre utili, soprattutto nelle grandi piantagioni.

È conveniente fare un rilascio ogni una o due settimane per rinnovare la popolazione. Continueranno a mangiare fino a quando gli altri insetti non saranno spariti, a quel punto se ne andranno o moriranno. Prima di rilasciare eventuali predatori benefici, assicurati di aver smesso di usare insetticidi almeno una settimana prima e di ripulire eventuali residui, per ovvi motivi. Molti di loro sono più efficaci in determinati climi. Seguire attentamente le istruzioni per l’uso per una maggiore efficienza e risultati migliori. Alcuni sono specifici e altri funzionano bene solo su determinate piante. Possono essere acquistati per posta su diverse pagine web, dove puoi trovare diversi database con la descrizione di parassiti e predatori disponibili.

Un’altra modalità di controllo sono funghi e batteri. Esistono molte specie che uccidono gli insetti, come il Verticillium lecanii, che uccide le mosche bianche in quattro o cinque giorni. Bacillusthurginensis è un batterio che attacca vari insetti e vermi. Quando i batteri vengono ingeriti, distrugge il sistema digestivo dell’ospite. Può essere trovato in vari insetticidi del suolo.

In ogni piaga ci sono molte vittime. Puoi raccogliere gli insetti e preparare un liquido con cui bagnare le piante. È un buon repellente e funziona per tutti i parassiti. I parassiti sono qualcosa di inerente al raccolto, hanno una grande capacità di trovare cibo e l’interno più sicuro è suscettibile a loro. Fai tutto il possibile fin dall’inizio con la prevenzione, monitora costantemente il tuo giardino e reagisci rapidamente al minimo segno di problemi. Inizia identificando il parassita e applica il metodo più efficace. Decidi se è necessario eliminare il parassita o controllarlo e sviluppare la strategia più appropriata. Cerca di usare i mezzi meno aggressivi, adottando misure più severe solo nel caso in cui il parassita persista.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *