Coltivazione Canapa Legale

Cosa sapere sulle varietà autofiorenti

campi di canapa

C’è una polemica che inevitabilmente è sorta non appena questi semi autofiorenti hanno iniziato a essere commercializzati. I genetisti che hanno dedicato anni della loro vita a selezionare, generazione dopo generazione, diversi ibridi alla ricerca della stabilità e della massima potenza possibile sono stati i primi a dichiararsi delusi. Com’è possibile che le persone acquistassero in massa semi che producevano cime di qualità molto inferiore rispetto agli ibridi afgani, indica e sativa che erano sul mercato da anni?

E avevano ragione, soprattutto quando la cannabis autofiorente stava muovendo i primi passi e offrendo ibridi di qualità praticamente inesistente. Tuttavia, le cose sono cambiate molto rapidamente e attualmente ci sono già genetiche che stanno iniziando a offrire risultati abbastanza buoni da iniziare a pensare che la marijuana autofiorente possa avere un futuro reale e discusso, anche tra i fumatori più esperti.

È possibile che non riusciremo mai a confrontarla con esemplari non autofiorenti se vogliamo preservare la fioritura automatica – caratteristica che fa sì che la pianta non richieda un ciclo di luce specifico e che le dà il nome generico – ma hanno comunque delle singolarità che possono avvantaggiarci considerevolmente e che non possiamo trovare nei loro cugini carnali.

Bene, l’inevitabile inizio di questa serie deve riguardare ciò che compriamo esattamente quando acquistiamo un seme che ha la parola autofiorente sulla confezione.

Queste genetiche sono fondamentalmente ibridi di sottospecie di Cannabis sativa ruderalis da un lato e sottospecie di Cannabis sativa indica e/o sativa dall’altro. Ciò che si intende con questo incrocio, come accennato poco sopra, è preservare la fioritura automatica caratteristica della sottospecie ruderalis e le proprietà psicoattive e fruttuose delle sottospecie indica e sativa.

Pertanto, i semi che acquisterete -una volta germinati e diventati una pianta- fioriranno automaticamente al raggiungimento di una certa età, senza dipendere dal ciclo della luce. La maggior parte di loro dovrebbe mostrare i primi stigmi (i capelli felici che diventano marroni) tra la seconda e la terza settimana di vita.

semi cannabis autofiorenti

Ciò è dovuto esclusivamente al suo genitore ruderalis. Fino a pochi anni fa la sottospecie ruderalis era praticamente sconosciuta, almeno spettava a tutti coloro che non si erano presi la briga di indagare un po’ l’origine genetica e le varietà di cannabis esistenti sul pianeta. E chi lo conosceva lo aveva completamente scartato dopo averne gustato i frutti e aver realizzato il suo basso potenziale psicoattivo.

La Ruderalis conteneva più o meno gli stessi cannabinoidi di altre sottospecie, ma le percentuali di THC e CBD erano così basse che perse interesse a essere consumata e commercializzata.

C’è una certa discrepanza per quanto riguarda l’area specifica in cui ha avuto origine la sottospecie. C’è chi dice che provenga dalle montagne del Caucaso, tra il Mar Nero e il Mar Caspio o, se si preferisce, al confine con la Russia e l’Azerbaigian, molto vicino alla Turchia. Altri hanno affermato che i loro primi esemplari potrebbero essersi verificati nella Siberia meridionale e nel Kazakistan settentrionale. Se non vogliamo complicarci la vita, possiamo tranquillamente affermare che questa sottospecie proviene dalla Russia sudorientale.

Il nome ruderalis allude agli incredibili luoghi in cui è stato ritrovato. Dalle colline rocciose ai siti con estrema carenza di acqua e nutrienti. Ciò che ha sorpreso di più i primi ricercatori è che sarebbe impensabile vedere un esemplare di sativa o indica crescere in questi luoghi.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *