Coltivazione Canapa Legale, Guide coltivazione canapa

Carenze e disturbi nutrizionali della cannabis (Parte 2)

carenze nutrizionali canapa

Continuando con il precedente articolo sui diversi disturbi e carenze nutrizionali della cannabis, finiremo di affrontare in queste pagine i nutrienti secondari che ci mancavano (calcio e zolfo), e vedremo anche alcuni dei principali microelementi o oligoelementi .

Ci auguriamo che troviate tutte queste informazioni utili e interessanti e che sappiate come trarne vantaggio quando si tratta di identificare e trattare le diverse carenze della cannabis.

Disturbi nutrizionali della cannabis: la carenza di CALCIO (Ca)

Senza di esso l’assorbimento dei nutrienti sarebbe seriamente ostacolato. La cannabis richiede grandi quantità di calcio sia per la crescita che per la fioritura (quasi quanto i macronutrienti) poiché è un elemento essenziale per la produzione e la crescita cellulare. Questo elemento è compreso nella lamella mediana delle pareti cellulari, mantiene l’attività selettiva delle membrane plasmatiche, essendo necessario per preservare la permeabilità della membrana cellulare e l’integrità delle cellule.

Sintomi di carenza

Anche la mancanza di calcio non è molto comune nella coltivazione indoor, ma a volte le nostre piante sono in grado di elaborare più calcio di quello che hanno a disposizione e quindi si verifica un deficit. Lo sviluppo delle piante diventa molto più lento, gli steli delle piante si indeboliscono e il fogliame diventa verde scuro. Se la carenza ci colpisce durante la fioritura, la nostra produzione di gemme diminuirà in modo significativo. I primi segni di carenza compaiono sempre nelle giovani foglie della parte media e superiore delle piante, poiché il calcio non è un nutriente mobile e non ha la capacità di traslocare in tutta la pianta.

Queste giovani foglie perdono rapidamente colore e ingialliscono mentre quelle più vecchie rimangono verdi. Se la carenza viene affermata, le foglie si arricciano o si arricciano verso l’alto e i nuovi germogli e foglie si svilupperanno di colore giallastro e viola. Alla fine i germogli si avvizziscono e muoiono. La carenza di calcio è rara nella coltivazione indoor poiché l’acqua del rubinetto con cui irrighiamo solitamente contiene abbastanza calcio disciolto.

D’altra parte, quei coltivatori che utilizzano filtri ad osmosi (acqua dolce) possono avere alcune complicazioni se non utilizzano un fertilizzante completo con livelli adeguati di calcio nella sua formulazione.

Il trattamento

Per curare questa carenza in casa bisogna utilizzare un concime completo ricco di calcio, oppure sciogliendo un po’ di calcare idratato (circa mezzo cucchiaino ogni quattro o cinque litri di acqua) e annaffiare con questa soluzione fino a quando i sintomi della carenza non persistono. Se coltiviamo all’aperto, sia che coltiviamo terra madre o che utilizziamo miscele di terreno commerciali, è meglio aggiungere un po’ di carbonato di calcio e/o gesso agricolo alla miscela di terreno.

Come trattamento d’urto si possono effettuare un paio di irrigazioni con calcare idratato poiché viene assimilato dalle piante più velocemente rispetto alla dolomite del substrato. Possiamo completare il trattamento delle nostre piante con qualche applicazione fogliare di chelati di calcio. La forma chelata EDTA (Ethylenediamine Tetraacetic Acid) è senza dubbio una delle più efficaci per il trattamento degli stati di carenza di calcio, è economica e facilmente reperibile presso vivai, vivai e cooperative agricole. Seguire sempre le istruzioni di dosaggio e applicazione del produttore.

Eccesso o sovrafertilizzazione

Il caso di tossicità da calcio è piuttosto raro in condizioni di coltura normali. Un eccesso o un accumulo di calcio fa appassire prematuramente le piante, presentando sintomi di carenza di altri nutrienti come potassio, ferro, manganese e più frequentemente magnesio, rendendone molto difficile l’identificazione ad occhio nudo. In caso di sospetto, la soluzione migliore è quella di lisciviare il terreno di coltura con abbondante acqua per rimuovere il calcio in eccesso.

Nelle colture idroponiche, un eccesso di calcio nella soluzione nutritiva può far precipitare calcio e zolfo e combinarsi per formare un residuo che si deposita sul fondo della vasca sotto forma di intonaco, rendendo l’acqua torbida e non adatta alla coltivazione. Se ciò accade dobbiamo buttare via la miscela.

Disturbi nutrizionali della cannabis: la carenza di ZOLFO (S) 

Questo macronutriente è un elemento fondamentale per la produzione e sintesi di molti ormoni, vitamine e aminoacidi essenziali per le nostre piante, tra cui la vitamina B1 (tiamina). Sotto forma di solfato, lo zolfo è presente nei suoli e nelle acque di fiume, essendo uno dei migliori regolatori del PH dell’acqua.

L’anione solfato (SO??) è formato da sali ed eteri dell’acido solforico che contengono come unità un atomo di zolfo al centro di un tetraedro formato da quattro atomi di ossigeno. Le piante assorbono lo zolfo attraverso la radice sotto forma di anione solfato (SO?²?) e attraverso gli stomi sotto forma di anidride solforosa (SO?) o solfito pericoloso e inquinante, che reagisce con l’acqua formando bisolfito (HSO?) che disabilita la clorofilla spostando da essa il magnesio (Mg).

All’interno della pianta lo zolfo svolge diverse funzioni: è un componente di alcune biomolecole come i solfolipidi, vari zuccheri e il complesso proteico che interviene nel trasferimento degli elettroni ottenuto nella fotosintesi. È coinvolto nella sintesi delle proteine, poiché fa parte di alcuni aminoacidi come la cisteina, la cistina e la tiamina. È inoltre essenziale per la formazione di oli e aromi, nonché per la respirazione cellulare e la sintesi e la scomposizione degli acidi grassi.

Sintomi di carenza

La mancanza di questo nutriente secondario si verifica molto raramente, poiché la maggior parte dei fertilizzanti liquidi, delle miscele di substrati commerciali e dei terreni lo contengono già in una proporzione sufficiente per le nostre piante.

I primi segni di carenza compaiono sulle foglie più giovani delle piante, che assumono un colore verde lime giallastro. Le piante colpite smettono di svilupparsi e con il progredire della carenza, l’ingiallimento della foglia dall’esterno verso l’interno diventa più evidente mentre le nervature rimangono verdi. Se lo stato di carenza si prolunga, i piccioli acquistano un colore porpora e le punte delle foglie possono essere bruciate, attorcigliate o ricurve verso il basso. Una grave carenza di zolfo fa sì che gli steli delle piante diventino viola, si allunghino e diventino legnosi alla base. Finalmente,

Il Trattamento

Come accennato in precedenza, la carenza di zolfo si verifica in occasioni molto rare, generalmente quando il pH dell’acqua di irrigazione è molto alto (maggiore di 7) o se vi è un eccesso o un accumulo di calcio. Una buona soluzione è solitamente quella di abbassare il pH dell’acqua di irrigazione in modo che sia compreso tra 5,5 e 6 e applicare un fertilizzante completo, poiché praticamente tutti i fertilizzanti per la crescita e la fioritura (compresi i fertilizzanti per la coltivazione idroponica) contengono abbastanza zolfo per coprire il fabbisogno di le nostre piante.

Se coltiviamo all’aperto, possiamo aggiungere un po’ di compost per funghi o letame animale ben decomposto alla nostra miscela di terreno per fornire alle nostre piante lo zolfo di cui mancano.

Eccesso o sovrafertilizzazione

L’eccesso di zolfo nel terreno di solito non crea problemi fintanto che la CE del mezzo è bassa, all’aumentare della conducibilità del terreno, le piante tendono ad assimilare maggiormente lo zolfo disponibile, bloccando l’assorbimento di altri nutrienti. I sintomi più frequenti dell’eccesso di zolfo sono la crescita lenta, la riduzione delle dimensioni delle foglie che assumono un colore verde scuro. Nei casi più estremi, le punte e i bordi delle foglie perdono colore e compaiono macchie necrotiche.

Come di consueto, ogni volta che c’è un eccesso, dobbiamo lisciviare il terreno di coltura con abbondante acqua o una soluzione molto diluita con acqua di fertilizzante completa (a un quinto della dose indicata) e regolare il pH a 6. Continuare questo trattamento fino al ripristino delle piante .

macronutrienti cannabis

MICRONUTRIENTI o OLIGOELEMENTI

Anche i micronutrienti o oligoelementi sono elementi essenziali per le nostre piante, sebbene siano necessari solo in piccole quantità. Questi nutrienti funzionano come catalizzatori in molti dei processi metabolici delle piante e sono presenti in varie reazioni biochimiche nelle cellule, oltre ad essere necessari per la formazione della clorofilla. Ci sono dodici microelementi o oligoelementi, sono manganese (Mg), zinco (Zn), ferro (Fe), boro (B), cloro (cloruro)(Cl), cobalto (Co), rame (Cu), molibdeno ( Mb), silice (Si), nichel (Ni), sodio (Na) e fluoro (F).

Come regola generale, i microelementi si trovano nel terreno in quantità sufficiente a coprire il fabbisogno delle nostre piante per più raccolti, anche se non sempre sono disponibili. Le carenze di oligoelementi sono più comuni nei climi aridi dove l’acqua e il suolo sono più alcalini. È molto comune riscontrare carenze di zinco, ferro e manganese quando il pH del terreno o dell’acqua di irrigazione è superiore a 6,5 ​​o se si utilizzano miscele di terreno di scarsa qualità.

Quando acquistiamo il substrato nei vivai o nei garden center, è conveniente controllare le etichette dei sacchetti per assicurarci di sceglierne uno che contenga tutti gli oligoelementi in una proporzione adeguata (ricordiamo che i microelementi sono necessari in una piccola dose, una lattina in eccesso causare problemi anche interferendo con l’assimilazione di altri nutrienti).

Disturbi nutrizionali della cannabis: la carenza di MANGANESE (Mg) 

Il manganese è un elemento molto importante per la sintesi della clorofilla, la sua funzione principale è legata all’attivazione di numerosi enzimi che intervengono nei processi di ossidoriduzione associati al trasporto degli elettroni fotosintetici. Inoltre, questo elemento partecipa al funzionamento del fotosistema di fotosintesi II, responsabile della fotolisi dell’acqua (processo di rottura dei legami chimici dell’acqua per mezzo dell’energia luminosa).

Il manganese viene assorbito dalle radici sotto forma del catione bivalente Mn²?, che è la sua forma biologicamente attiva, e si muove attraverso la pianta attraverso il floema come ione libero, sebbene con mobilità ridotta. I terreni calcarei riducono la quantità di manganese disponibile per le nostre piante, così come le acque di irrigazione molto semplici con un pH di 7,0 o superiore.

Sintomi di carenza

La clorosi interveinale (ingiallimento della foglia mentre le nervature rimangono verdi) è uno dei principali segni di questa carenza. Appare sulle foglie giovani (dall’interno verso l’esterno) e man mano che il deficit continua si diffonde nel resto della pianta fino a quando le foglie più vecchie diventano gialle. Gli arresti della crescita e la fioritura possono essere seriamente ritardati. Se la carenza si prolunga, sulle foglie più colpite inizieranno a comparire punti o piccole macchie necrotiche (morte), che infine impallidiscono e finiscono per cadere.

Il trattamento

Il trattamento di questa carenza consiste nell’abbassare il pH mediante lisciviazione del terreno di coltura con una leggera miscela di acqua e fertilizzante completo con microelementi chelati. Possiamo affrontare questa carenza anche con un trattamento fogliare a base di chelati di manganese in una o due applicazioni settimanali.

Nelle colture fuori suolo possiamo correggere la carenza utilizzando un fertilizzante idroponico ricco di oligoelementi chelati e abbassando un po’ il pH dell’acqua a 5,5 o 6,0. Se coltiviamo all’aperto possiamo prevenire questa carenza aggiungendo un po’ di solfato di manganese (MnSO?), tra lo 0,3% e l’1%, al terreno o alla miscela di terreno che prepariamo.

Eccesso o sovrafertilizzazione

Ad alta concentrazione, il manganese può essere tossico per le nostre piante, compromettendone la crescita e facendole perdere vigore. I segni di tossicità del manganese colpiscono le parti più giovani delle piante. Le foglie sviluppano una screziatura clorotica, da arancione a marrone ruggine che si diffonde dalle parti della pianta più nuove a quelle più vecchie. La bassa umidità aumenta la tossicità del manganese poiché un’ulteriore traspirazione fa sì che ancora più manganese raggiunga il fogliame.

Un pH basso può causare un assorbimento tossico di manganese che porta a carenze di ferro e zinco. Per evitare l’accumulo tossico di questo elemento, come altri, si consiglia di lisciviare periodicamente (almeno una volta al mese) il mezzo di coltura per eliminare eventuali eccessi e accumuli.

Zinco

Lo zinco è un nutriente fondamentale poiché è coinvolto nella maggior parte delle reazioni enzimatiche delle cellule vegetali. È essenziale come catalizzatore per la maggior parte degli enzimi vegetali e delle auxine ed è coinvolto nella stabilizzazione dei ribosomi e nella sintesi di proteine ​​e zuccheri. Inoltre, lo zinco coopera con altri elementi nella formazione della clorofilla e ne impedisce la decomposizione. È anche correlato alla formazione di carboidrati ed è cruciale nella produzione di materiali genetici come RNA e DNA. Lo zinco si trova nei terreni e nelle rocce sotto forma del catione bivalente Zn²?, aumentando il contenuto di zinco solubile al diminuire del pH e viceversa. Il carbonato di calcio (CaCO?) riduce drasticamente la disponibilità di questo nutriente.

Sintomi di carenza

La carenza di questo nutriente di solito si verifica in terreni con un pH di 7,0 o superiore e in colture irrigate con acqua dura. I sintomi della carenza di zinco sono spesso confusi con la carenza di magnesio o ferro, il che rende difficile l’identificazione precoce. Poiché non è un nutriente mobile, i primi segni di carenza compaiono nelle foglie più giovani e nei nuovi germogli. La crescita delle piante si interrompe e lo spazio internodale (tra i nodi) viene ridotto. Le nuove foglie crescono sottili e allungate, presentando clorosi tra le nervature, le punte delle foglie si scoloriscono e si scuriscono.

Infine, la clorosi si diffonde in tutta la pianta e le foglioline delle foglie più colpite si attorcigliano e si contorcono fino a seccarsi. In fioritura, questa mancanza fa assumere ai boccioli forme strane,

Il trattamento

Per curare questa carenza, dobbiamo lisciviare il mezzo di coltura utilizzando una leggera miscela di acqua e fertilizzante completo (ad un terzo, ad esempio, della dose abituale) con il pH regolato tra 5,5 e 6,5, poiché un fertilizzante di questo tipo contiene abbastanza oligoelementi sotto forma di chelati per compensare questa carenza. Nelle colture fuori suolo possiamo utilizzare un fertilizzante idroponico ricco di micronutrienti chelati che fornisce alle piante l’adeguato apporto di questo oligoelemento.

Possiamo anche ricorrere all’applicazione fogliare di chelati di zinco per affrontare i sintomi della carenza nel più breve tempo possibile. Nelle colture outdoor possiamo prevenire questa carenza aggiungendo una piccola quantità di solfato di zinco (ZnSO?) al terreno quando mescoliamo il substrato.

Eccesso o sovrafertilizzazione

Un eccesso di zinco può essere estremamente tossico per le piante. I primi sintomi di eccesso di questo elemento sono molto simili ai segni di carenza tipici della carenza di ferro perché lo zinco interferisce con l’assimilazione di quest’altro microelemento. Le piante colpite presentano una clorosi ferrica generalizzata e se non trattate con urgenza possono morire in pochi giorni. In questi casi, dobbiamo lavare (lisciviare) il terreno di coltura con abbondante acqua per eliminare lo zinco in eccesso e applicare sulle foglie una leggera soluzione di chelato di ferro per ripristinare i livelli di questo oligoelemento nelle piante.

Nel prossimo articolo finiremo questa miniserie sui disturbi nutrizionali nella cannabis affrontando il resto dei microelementi con cui dobbiamo ancora fare i conti: ferro (Fe), boro (B), cloro (Cl), cobalto (Co), rame (Cu), molibdeno (Mb), silice (Si), nichel (Ni), sodio (Na) e fluoro (F).

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *