Coltivazione Canapa Legale, Guide coltivazione canapa

Carenze nutritive nella cannabis (Parte 1)

carenze nutritive cannabis

In questa serie di 3 articoli ci occuperemo di trattare le carenze nutritive della cannabis.

La cannabis è una delle piante che ha la maggiore capacità di assorbire i nutrienti, ma questo dipende da fattori molto diversi come la composizione e la qualità del suolo, lo stato delle piante, lo stadio di sviluppo in cui si trovano, le condizioni condizioni climatiche, l’uso di fertilizzanti e additivi, o la salinità e il pH dell’acqua di irrigazione, tra molti altri.

Quando uno qualsiasi di questi elementi non è disponibile o non viene assimilato dalle nostre piante nelle quantità necessarie, compaiono segni di carenza. È importante imparare ad osservare le nostre piante e saper “leggere” in esse i diversi sintomi di ciascuna delle carenze, perché solo così possiamo agire per tempo, prevenendo o applicando il trattamento adeguato ad ogni caso specifico.

macronutrienti cannabis

I macronutrienti

I macronutrienti sono gli elementi essenziali che le nostre piante richiedono di più e quindi quelli di cui hanno bisogno in maggior quantità. Ce ne sono sei: carbonio (C), idrogeno (H), ossigeno (O), azoto (N), fosforo (P) e potassio (K). Il carbonio (C) è l’elemento più importante in quanto è l’unità strutturale di tutte le molecole organiche. Le piante lo ottengono dall’atmosfera sotto forma di anidride carbonica (CO2) attraverso gli stomi e la cuticola (strato ceroso esterno che protegge la pianta dall’atmosfera e dagli agenti esterni) per far parte dei composti organici delle piante.

L’ossigeno (O) e l’idrogeno sono anche parti fondamentali di molti di questi composti organici sintetizzati dalle cellule vegetali, come zuccheri, proteine ​​o cannabinoidi. Le piante assorbono entrambi gli elementi dell’acqua principalmente attraverso il sistema radicale e gli stomi. Quindi ci concentreremo sugli altri tre macronutrienti più importanti per le piante: azoto (N), fosforo (F) e potassio (K).

Azoto (N)

L’azoto è l’elemento inorganico più importante per il corretto sviluppo della pianta data la sua abbondanza di biomolecole essenziali come aminoacidi, proteine, clorofilla, coenzimi e alcaloidi. L’azoto regola anche la capacità della cannabis di produrre proteine ​​essenziali per lo sviluppo cellulare ed è il principale responsabile della crescita di foglie e steli, nonché del vigore e delle dimensioni complessive della pianta.

Durante la crescita le piante richiedono grandi quantità di azoto, a differenza di quanto accade durante la fioritura, quindi la sua mancanza non è frequente in questa fase di coltivazione. Le forme molecolari in cui questo elemento viene assorbito dalle piante sono l’ammonio (NH ?? ) e il nitrato (NO ?? ). L’acqua piovana, ad esempio, fornisce al terreno piccole quantità di azoto in forma ammoniacale, che possono essere assorbite dalle piante. L’ammonio (NH ?? ) è la forma di azoto ad assimilazione più rapida, a differenza del nitrato, che è una forma di azoto ad assimilazione più lenta. Una volta che l’azoto viene assorbito dalle piante, viene rapidamente metabolizzato per formare catene di composti organici come gli amminoacidi precursori.

Sintomi di carenza

La carenza di azoto è la più comune e le cause che causano questa carenza possono essere molto diverse, ma i suoi sintomi sono sempre gli stessi e comprendono una crescita lenta delle piante colpite e una diminuzione della loro produzione. La prima indicazione di carenza di azoto è l’ingiallimento delle foglie inferiori e più vecchie delle piante. Poiché non hanno un corretto apporto di azoto, queste foglie smettono di produrre clorofilla e l’area tra i nervi diventa gialla, mentre i nervi rimangono verdi.

Man mano che lo stato di carenza persiste, sempre più foglie ingialliscono mentre lo stelo e la pagina inferiore di alcune foglie assumono un colore viola-rossastro per l’accumulo di antociani (pigmenti blu-rosso che proteggono le piante, i loro fiori e frutti). luce ultravioletta Sono gli stessi pigmenti che danno al vino il suo colore), anche se questo in alcuni casi può indicare una mancanza di fosforo. Infine, le foglie delle piante affette da carenza di azoto acquistano un colore giallo intenso che vira ad un colore bruno ruggine che inizia sulla punta delle foglioline e si diffonde in breve tempo, facendo appassire il resto della foglia.   

Il trattamento

Il trattamento più efficace per evitare o correggere questa carenza è concimare con un fertilizzante ad alto contenuto di azoto o con un fertilizzante NPK completo. Nelle colture della madrepatria, humus di lombrico, guano di uccelli marini, emulsione di pesce, farina di sangue o letame bovino (purché ben decomposto) possono essere utilizzati per correggere questo tipo di carenza a breve e medio termine per garantire che le nostre piante non manchino azoto in una lunga stagione. Bisogna sempre stare attenti a non esagerare con le quantità, soprattutto durante la concimazione. In caso di superamento della dose di fertilizzante, si consiglia di lisciviare bene il terreno di coltura con abbondante acqua in modo che trascini l’azoto in eccesso.

Eccesso o sovrafertilizzazione

Il sovradosaggio di azoto dà origine a una chioma troppo esuberante rispetto all’apparato radicale, che fa spuntonare le nostre piante e i loro rami e fusti diventano più morbidi, fragili e vulnerabili a stress e attacchi di agenti patogeni e funghi. Un altro segno di eccesso di azoto è che le foglie delle piante colpite assumono una caratteristica forma ad “artiglio” e assumono un colore verde scuro. Frequente è anche la comparsa di clorosi e necrosi più o meno accentuate all’apice delle foglioline, sia nelle foglie nuove che in quelle più vecchie. In questi casi la diminuzione della resa delle piante è certa e, a seconda della varietà coltivata, le cime saranno più o meno interessate dalla bullonatura.

Per trattare la sovrafertilizzazione con azoto, è meglio lisciviare bene il terreno e interrompere la concimazione per sette-dieci giorni prima della raccolta in modo che le piante consumino l’azoto ancora nelle foglie. Ricorda che la marijuana da piante raccolte con azoto in eccesso ha una scarsa combustione a causa di un’elevata concentrazione di nitrati (questi composti sono radicali liberi molto cancerogeni), quindi è particolarmente importante interrompere la concimazione prima di tagliare le nostre piante e se necessario lisciviare bene il terreno di coltura con molta acqua per assicurarci di ottenere un prodotto il più pulito possibile e della massima qualità.

Il Fosforo (P)

Il fosforo è un altro dei macronutrienti più richiesti dalle nostre piante poiché è necessario per la fotosintesi e fornisce un meccanismo per la trasmissione di energia all’interno della pianta. Il fosforo è associato al vigore generale e alla produzione di resina e semi. Le più alte concentrazioni di fosforo si trovano nelle punte delle radici in crescita, nei germogli e nel tessuto basculare della pianta.

Le piante possono assorbire il fosforo sotto forma di fosfati acidi  a seconda del Ph del mezzo di coltura, per essere trasformato dalle piante in PO ? ³¯ed essere rapidamente incorporati nei composti organici cellulari. Nella maggior parte dei suoli della Penisola si trova in basse quantità e sotto forma di fosfati tricalcici, insolubili in acqua, che passano lentamente nella soluzione del terreno, per cui è necessaria una corretta concimazione delle nostre colture se si vuole evitare la carenza di questo nutriente.

Sintomi di carenza di fosforo

La carenza di fosforo provoca ritardi nello sviluppo e diminuzione della ramificazione della pianta. Il fosforo appartiene ai nutrienti mobili ed ha la proprietà di traslocare dai tessuti più antichi della pianta a quelli di nuova formazione. Anche se nel caso del fosforo, i primi segni di carenza compaiono nelle foglie più piccole, che assumono un colore verde-bluastro.

Quindi le nervature principali delle foglie più vecchie assumono un colore porpora rossastro che di solito inizia sul lato inferiore delle foglie e si allarga fino a raggiungere gli steli e i piccioli della pianta. Le punte delle foglie più vecchie si scuriscono e si arricciano verso il basso. Le foglie più colpite presentano macchie scure che finiscono per necrotizzare (morire) e infine acquisiscono un tono scuro e violaceo, si seccano, si raggrinziscono e infine cadono.

La quantità di fosforo utilizzata dalle piante varia a seconda dello stadio in cui si trovano, richiedendo i livelli più elevati durante le fasi di germinazione, piantina, taglio e fioritura. Se la mancanza di fosforo si verifica durante la fioritura, sarà ritardata e la produzione e le dimensioni delle cime diminuiranno. Generalmente, questa carenza è causata da un Ph inappropriato nel terreno o nell’acqua di irrigazione, il che significa che le piante non possono assimilare correttamente il fosforo.

Il trattamento

Il modo più comune per trattare la carenza di fosforo è applicare un fertilizzante con un alto contenuto di fosforo mentre si regola il pH della miscela di irrigazione tra 5,5 e 6,5.

Nella coltivazione idroponica si consiglia di abbassare leggermente il Ph fino a che non sia compreso tra 5,5. e 6.2 per facilitare l’assorbimento del fosforo. Se le nostre piante sono in fiore, è meglio utilizzare un fertilizzante liquido di tipo PK 13-14 per fornire loro gran parte del fosforo di cui hanno bisogno durante questa fase. Esistono in commercio anche fertilizzanti ad alto contenuto di fosforo che possiamo utilizzare in questa fase o in caso di carenza in modo che le nostre piante abbiano questo nutriente rapidamente.

Se coltiviamo in terra madre, possiamo aumentare la quantità di fosforo disponibile per le nostre piante aggiungendo un po’ di humus di lombrico, farina d’ossa o cenere di legno alla miscela di terreno. In questo modo creeremo anche una riserva extra di fosforo per la fioritura. Quando si annaffia, bisogna sempre assicurarsi di regolare il PH dell’acqua (con o senza fertilizzante) tra 5,5 e 6,5 in modo che le piante assimilino meglio il fosforo disponibile nel terreno.

Eccesso o sovrafertilizzazione

La sovrafertilizzazione o l’eccesso di fosforo possono richiedere alcune settimane per manifestarsi e sebbene molte varietà di marijuana la tollerino bene, di solito interferisce con l’assorbimento di calcio, ferro, magnesio e zinco. Pertanto, l’eccesso di fosforo è difficile da identificare ed è spesso confuso con la mancanza di uno di questi altri nutrienti. Il trattamento sarà, come di consueto nei casi di sovraconcimazione, una buona lisciviazione del mezzo per eliminare i residui che rimangono nel substrato. Ogni volta che facciamo questa operazione dobbiamo usare il triplo del volume della pentola in acqua. Ad esempio, se utilizziamo contenitori da 4 litri, è normale utilizzare circa dodici litri di acqua per garantire che il fertilizzante in eccesso venga rimosso.  

Potassio (K)

 Dopo l’azoto, il potassio è l’elemento inorganico più abbondante nella costituzione delle piante. Il potassio è fondamentale nell’accumulo e nella traslocazione dei carboidrati, aiuta a combinarli con gli amidi ed è essenziale per la produzione e la mobilità di questi da parte della pianta. È essenziale nella crescita per divisione cellulare ed è un attivatore di molte delle funzioni enzimatiche legate alla fotosintesi e alla respirazione cellulare. Aumenta la clorofilla nel fogliame e aiuta a regolare l’apertura stomatica.

Il potassio è necessario per la produzione di proteine ​​che aumentano il contenuto di olio essenziale della pianta e dei suoi frutti, il che migliora senza dubbio il sapore della nostra erba. Provoca anche una crescita delle radici forte e vigorosa, ed è associato all’assorbimento d’acqua e alla resistenza delle piante alle malattie. Il potassio viene assorbito attraverso le radici nella sua forma ionica: K?

Sintomi di carenza

 La mancanza di potassio fa salire alle stelle la temperatura interna del fogliame e le proteine ​​delle cellule bruciano o si degradano, rendendo le nostre piante più vulnerabili a malattie e parassiti. I primi sintomi di carenza di potassio compaiono circa una settimana dopo l’inizio del problema, poiché le piante inizialmente sembrano essere sane. Dopo questo breve periodo di tempo, iniziano a comparire sintomi di carenza nelle foglie più vecchie e nella parte inferiore della pianta (perché si tratta di un nutriente mobile).

Le foglie di questa parte della pianta perdono la loro lucentezza e iniziano a sviluppare un profondo colore ruggine screziato. In alcuni casi la ramificazione delle piante aumenta, ma questi nuovi rami sono molto più deboli, più sottili e più fragili del normale. Infine le foglie iniziano a ingiallire sulle punte e sui margini fino a quando non diventano grigie, si arricciano verso l’alto e muoiono necrotiche. La carenza di potassio è più tipica dei luoghi con suoli o acque di irrigazione con elevata salinità, sebbene possa verificarsi anche in colture in vaso o miscele di terreno fertilizzato.

Il potassio è solitamente presente nel terreno, ma l’accumulo di sali nel terreno, o la scarsa conducibilità del mezzo, possono bloccarlo e impedire alle piante di assimilare la quantità sufficiente di cui hanno bisogno per il loro sviluppo. sebbene possa verificarsi anche nella coltivazione in vaso o nelle miscele di terreno fertilizzato. Il potassio è solitamente presente nel terreno, ma l’accumulo di sali nel terreno, o la scarsa conducibilità del mezzo, possono bloccarlo e impedire alle piante di assimilare la quantità sufficiente di cui hanno bisogno per il loro sviluppo.

Sebbene possa verificarsi anche nella coltivazione in vaso o nelle miscele di terreno fertilizzato. Il potassio è solitamente presente nel terreno, ma l’accumulo di sali nel terreno, o la scarsa conducibilità del mezzo, possono bloccarlo e impedire alle piante di assimilare la quantità sufficiente di cui hanno bisogno per il loro sviluppo.   

Il trattamento

Per trattare la carenza di potassio dobbiamo prima lisciviare il mezzo di coltura. In questo modo ci assicureremo di “sbloccare” il terreno ed eliminare eventuali accumuli di sali che impediscono la corretta assimilazione dei nutrienti.

In secondo luogo, si consiglia di applicare un’irrigazione leggermente concimata con un fertilizzante ad alto contenuto di potassio in modo che le piante si riprendano il prima possibile dal deficit. Nella coltivazione all’aperto possiamo prevenire questa carenza e garantire alle nostre piante un apporto costante di potassio utilizzando potassio solubile (cenere di legno) miscelato con acqua di irrigazione, oppure mescolato con terriccio quando prepariamo la miscela per la coltivazione all’aperto. Fai attenzione quando usi la cenere di legno perché ha un pH molto alto (quasi 10).

Eccesso o sovrafertilizzazione

La sovrafertilizzazione di potassio è rara e difficile da identificare perché ricorda da vicino i sintomi di carenza di altri nutrienti. Quando viene prodotto un eccesso di potassio, si verificano carenze di magnesio, manganese e talvolta ferro e zinco. Per questo, come sempre, la soluzione migliore è diluire il terreno di coltura con abbondante acqua o applicare un prodotto “antisalino” come Atazime (Atami), Enzimi (Plagron), AntiSalino (BioPlasma) o Cannazin (Canna). , per pulire i sali e disperdere le radici delle piante.

Questi prodotti contengono un preparato naturale “multienzimatico”. Gli enzimi sono prodotti, tra gli altri, da batteri e funghi e agiscono come catalizzatori in molti processi biochimici nel suolo.

Nutrienti secondari

I nutrienti secondari sono tre: magnesio (Mg), calcio (Ca) e zolfo (S), e in generale le piante ne richiedono anche una grande quantità per il loro corretto sviluppo e fioritura. In condizioni favorevoli, la marijuana può richiedere più di questi nutrienti secondari rispetto ai fertilizzanti normalmente contenuti. Per questo, se coltiviamo all’aperto e utilizziamo un terriccio ricco di sostanza organica con pH inferiore a 7, è bene aggiungere all’impasto del terriccio un po’ di calce dolomitica fine (circa una tazza ogni quattro/cinque litri di terriccio) per garantire un adeguato apporto di magnesio e calcio alle nostre piante. Se invece per irrigare utilizziamo acqua dura o molto dura,

Magnesio (Mg)

Il magnesio è l’atomo centrale della molecola della clorofilla, motivo per cui è essenziale nel processo di cattura dell’energia luminosa, agisce come attivatore in varie reazioni chimiche ed è coinvolto nella respirazione cellulare e nella traslocazione dei fosfati attraverso la pianta. Inoltre, il magnesio aiuta gli enzimi a produrre carboidrati e zuccheri e neutralizza gli acidi del terreno di coltura e i composti tossici prodotti dalla pianta, rendendo essenziale l’utilizzo di una grande quantità di questo nutriente secondario. Il magnesio viene assorbito dalle nostre piante nella sua forma cationica bivalente Mg² ?da incorporare rapidamente in diversi composti organici. Una carenza di questo nutriente provoca una crescita e uno sviluppo lenti nelle piante, nonché un ritardo e una diminuzione del raccolto.   

Sintomi di carenza

La carenza di magnesio è uno dei problemi più comuni affrontati dai coltivatori di cannabis, sia indoor che outdoor. Tende a manifestarsi maggiormente in luoghi con un ambiente di crescita troppo umido e freddo per le radici, o in terreni acidi e freddi con un pH inferiore a 7. Nelle colture indoor, questa carenza si verifica solitamente quando c’è un accumulo latente di sali in il terreno, il substrato, per l’eccessivo uso di fertilizzanti liquidi.

Questo eccesso di sali riduce drasticamente la capacità di scambio cationico del terreno e finisce per bloccare l’assimilazione di alcuni nutrienti come il magnesio. Un eccesso di potassio, ammoniaca (azoto) o calcio (carbonato) nel terreno può anche impedire il corretto assorbimento dello ione magnesio da parte delle nostre piante. Essendo un nutriente mobile, i primi segni di carenza di magnesio compaiono nelle foglie più vecchie nelle zone inferiori della pianta.

Il sintomo più caratteristico di questa carenza è la cosiddetta clorosi intervenosa che colpisce le foglie scolorendo gli spazi tra le nervature: le foglie ingialliscono mentre le nervature rimangono verdi e scure. Con il progredire della carenza, colpisce le parti centrali della pianta e sui margini e sulle punte delle foglie più vecchie iniziano a comparire macchie marrone ruggine o screziature. La perdita di superficie fogliare causata da questa clorosi influisce direttamente sulla capacità fotosintetica delle piante, ritardandone lo sviluppo e riducendone la produzione. Se la carenza è grave, si diffonderà alle parti superiori e più giovani e farà perdere colore alle nostre piante in poche settimane.

Il trattamento

Per correggere la mancanza di magnesio nelle nostre piante, è meglio utilizzare un fertilizzante completo che contenga una concentrazione sufficiente di questo nutriente. Nel caso di utilizzo di un fertilizzante normale o a bassa concentrazione di magnesio, dobbiamo aggiungere mezzo cucchiaino di sali Epsom® (solfato di magnesio) per ogni litro di acqua di irrigazione, aggiungendo frequentemente il pH superiore a 6,5 ​​fino a quando i sintomi della carenza non scompaiono completamente e le piante riprendono il loro solito colore.

Per velocizzare il trattamento, possiamo effettuare una o due applicazioni fogliari del prodotto, mescolando bene due grammi di sali Epsom® in un litro d’acqua per un paio di settimane. La tossicità dovuta al magnesio è molto rara e generalmente pregiudica l’assimilazione di altri nutrienti come calcio.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *