Canapa ed innovazione, Coltivazione Canapa Legale

Carenze e disturbi nutrizionali nella cannabis (parte 3)

Concludiamo  la piccola serie di articoli dedicati al trattamento dei disturbi nutrizionali e delle carenze della cannabis. Proseguendo con quanto esposto in precedenza nelle prime due parti, affronteremo ora il resto dei microelementi essenziali non trattati e cercheremo di spiegare l’importanza del cosiddetto potenziale di idrogeno o pH nei processi di assimilazione dei nutrienti.

Disturbi nutrizionali: la carenza di ferro (Fe) 

carenzeIl ferro è il microelemento più richiesto dalle nostre piante poiché interviene in molti sistemi enzimatici ed è fondamentale nel trasporto degli elettroni durante la fotosintesi, la respirazione cellulare e la biosintesi della molecola della clorofilla. Inoltre, come catalizzatore per i processi della clorofilla, è necessario per la riduzione e l’assimilazione di nitrati e solfati, e permette alle piante di utilizzare l’energia degli zuccheri. In natura le piante assimilano il ferro dal suolo sotto forma di cationi bivalenti (Fe²) e trivalenti (Fe³); sebbene quest’ultimo sia meno solubile e quindi meno assimilabile. Il contenuto dello ione ferrico (Fe³) aumenta con l’aumentare dell’acidità del suolo, raggiungendo concentrazioni elevate solo in terreni molto acidi, con pH inferiore a 3 e in terreni ricchi di acidi umici e colloidi capaci di formare complessi solubili con il ferro. Pertanto, la sua carenza è comune quando coltiviamo in terreni alcalini con pH maggiore di 7 e quando c’è un eccesso di rame, zinco o manganese che ne blocca l’assorbimento. Nella coltura idroponica è comune riscontrare questa carenza quando il pH dell’acqua è superiore a 6,5. Anche l’elevata temperatura nelle radici può influenzare negativamente l’assorbimento di questo nutriente.

Sintomi di carenza

I primi segni di carenza compaiono nei germogli e nelle foglie più piccole e più giovani, i cui nervi rimangono verdi mentre gli spazi tra loro ingialliscono (clorosi interveinale) poiché questo nutriente non è mobile e non può essere ricollocato dalle foglie vecchie alle giovani. nuovo. L’ingiallimento inizia all’apice delle foglie e si estende fino alle punte, dall’interno verso l’esterno. Se la carenza viene affermata, la clorosi si diffonderà in tutta la pianta e in alcuni casi i bordi delle foglie potrebbero rivoltarsi verso l’alto. Infine, le foglie più colpite acquistano una tonalità biancastra, appassiscono e cadono.

Il trattamento

Per trattare questa carenza, la prima misura che dobbiamo prendere è ridurre il pH del substrato o della soluzione nutritiva a 6,5 ​​o meno per facilitarne l’assimilazione. Se sospettiamo che la carenza sia dovuta all’eccesso di rame, zinco o manganese, dobbiamo lisciviare il terreno con abbondante acqua o con una leggera miscela di acqua con fertilizzante ricco di chelati di ferro. Per un trattamento più efficace si possono effettuare un paio di applicazioni fogliari ogni cinque o sei giorni con una miscela simile a base di chelati di ferro. Per prevenire la comparsa di questa carenza nelle colture outdoor del suolo, possiamo aggiungere alla miscela del substrato un po’ di letame bovino ben decomposto, oppure utilizzare un po’ di solfato di ferro  per correggere il problema nel breve e medio termine. La tossicità dovuta a questo elemento si verifica in rare occasioni ed è spesso confusa con altre carenze poiché interferisce con l’assimilazione di altri nutrienti come il fosforo. Di solito si manifesta con macchie marroni sulle foglie nuove, ma si rimuove facilmente lavando le radici delle piante colpite con abbondante acqua (lisciviazione).

Disturbi nutrizionali: la carenza di boro(B)             

Il boro è richiesto dalle piante ma la sua specifica funzione non è ancora chiaramente identificata. È noto che si trova principalmente nelle pareti cellulari, quindi deve svolgere un ruolo strutturale. Non sono noti enzimi o macromolecole strutturali che incorporano il boro. Il boro è correlato all’assorbimento del calcio e ad alcuni processi fisiologici come la crescita cellulare e la regolazione ormonale. È necessario per la divisione cellulare e la formazione di proteine, oltre a svolgere un ruolo attivo nell’impollinazione e nella produzione di semi. Le piante assorbono il boro sotto forma di acido borico, apparentemente seguendo il flusso dell’acqua.

Sintomi da carenza

Anche se non è frequente, la carenza di boro può colpire le nostre piante. I primi sintomi evidenti della carenza di boro sono la crescita anormale dello stelo e la deformazione delle foglie e dei germogli più giovani che sembrano bruciati. Nelle colture fuori suolo, anche le radici più recenti crescono in modo anomalo e tendono a gonfiarsi e perdere colore. Se non interveniamo, sulle foglie compaiono macchie scure e i bordi di queste si scoloriscono mentre i nuovi germogli in crescita muoiono. Infine, compaiono macchie necrotiche tra i nervi delle foglie e la clorosi irregolare si diffonde in tutta la pianta.

Il trattamento

Per contrastare gli effetti della carenza di boro, occorre utilizzare un concime ricco di micronutrienti che contenga boro in buona proporzione, oppure utilizzare un po’ di acido borico con l’acqua di irrigazione (un cucchiaino di caffè ogni quattro litri di acqua) per fornire alle nostre piante boro per soddisfare le loro esigenze. Nelle colture fuori suolo possiamo utilizzare fertilizzanti ricchi di microelementi (non superare mai la concentrazione di boro superiore a 20 ppm per evitare problemi di tossicità) oppure possiamo effettuare anche un’applicazione fogliare con una leggera miscela di acqua con chelati di boro (seguire le indicazioni del produttore). Per prevenire carenze nelle colture outdoor, è consigliabile mantenere alti livelli di sostanza organica. Basteranno una o due applicazioni di letame bovino durante la raccolta per coprire il fabbisogno di questo elemento e prevenire l’essiccamento del terreno. In caso di eccesso di questo elemento, il trattamento consisterà nella lisciviazione del mezzo con una leggera miscela di acqua e fertilizzante completo.

Disturbi nutrizionali: la carenza di cloro (Cl) 

Le piante assorbono il cloro attraverso le radici sotto forma di anione cloruro (Cl), o attraverso gli stomi sotto forma di gas (Cl²). È un elemento essenziale per lo sviluppo delle piante poiché è essenziale che eseguano correttamente la fotosintesi. Il cloruro è un attivatore di vari enzimi ed è coinvolto nel processo di divisione cellulare, inoltre aumenta la pressione osmotica delle cellule che regolano l’apertura e la chiusura degli stomi, contribuendo alla regolazione dell’umidità all’interno del tessuto vegetale, oltre a intervenire nel trasporto di altri nutrienti. Poiché il cloro è presente in quasi tutti i terreni e l’acqua (compresa l’acqua del rubinetto), non è una carenza comune nelle nostre colture di cannabis. Inoltre, praticamente tutti i fertilizzanti commerciali contengono cloruro in quantità adeguata alla coltura. D’altra parte, è comune trovare alcune colture con problemi causati dalla tossicità del cloro.

Eccesso o sovrafertilizzazione

L’eccesso di questo elemento fa bruciare i bordi e le punte delle foglie più giovani e blocca la crescita delle nostre piante, colpendo soprattutto piantine e talee. Con il progredire del problema, si diffonde al resto delle foglie, facendole acquisire un tono abbronzato molto caratteristico. Alla fine diventano brutti e cadono. In caso di eccesso di questo elemento, come di consueto quando si verifica un eccesso, è bene effettuare una buona lisciviazione del mezzo con una leggera miscela di acqua e fertilizzante completo. Si consiglia di chiedere all’azienda fornitrice un’analisi dell’acqua per escluderne l’uso in caso di presenza di troppi cloruri. Se è così, è meglio pensare all’acquisto di un filtro ad osmosi per poter avere una scorta di acqua pura per la coltivazione. 

Disturbi nutrizionali: la carenza di rame (Cu)

Sebbene il rame sia richiesto in quantità minime, è un elemento essenziale per le nostre piante poiché è un componente di numerose proteine ​​ed enzimi, tra cui l’acido ascorbico ossidasi (vitamina C), la tirosinasi, la citocromo ossidasi e la plastocianina, che è una proteina di colore blu. , che si trova nei cloroplasti ed è coinvolto nei processi redox (riduzione-ossidazione). Inoltre, il rame collabora nel metabolismo dei carboidrati, nella fissazione dell’azoto e aiuta a produrre proteine ​​e zuccheri. Le piante assorbono il rame attraverso le radici come catione bivalente (Cu²) nei terreni aerati e come ione rameoso (Cu) nei terreni più poveri di ossigeno. La concentrazione di rame nella normale soluzione di terreno può arrivare a 0,01 ppm; mentre la quantità solubile in acqua non supera 1 ppm. Per questo motivo, nonostante sia necessario in quantità molto ridotte e sia presente nella maggior parte dei fertilizzanti e dei terricci commerciali, la mancanza di questo elemento è solitamente comune in molte colture indoor e outdoor. L’eccesso di calcio può anche causare carenza di rame interferendo negativamente con la sua assimilazione.

Sintomi di carenza

La mancanza di questo oligoelemento ristagna la crescita delle piante, riduce lo spazio tra i nodi e riduce notevolmente il nostro raccolto. I primi sintomi visibili di questa carenza sono l’appassimento delle foglie e dei germogli più giovani, seguito dalla necrosi dei bordi e delle punte del resto delle foglie delle piante colpite. La progressione dei sintomi è rapida e le foglie vecchie assumono presto una tonalità grigio ramato scuro. Nei casi più gravi, le piante possono appassire intere e finire per appassire.

Il trattamento

Nelle colture da suolo o indoor, il miglior trattamento per curare la carenza di rame è solitamente l’applicazione fogliare di un prodotto ricco di Cu, come i chelati, o un fungicida a base di solfato di rame. Quando applichiamo uno di questi prodotti, in particolare il solfato di rame (solfato), dobbiamo prestare molta attenzione alla temperatura della stanza, poiché non è conveniente eseguire queste applicazioni sopra i 24º per evitare di bruciare il fogliame, e seguire tutte le indicazioni del produttore indicazioni su dosaggio e tempi di sicurezza (tempo minimo di attesa da quando applichiamo il prodotto fino a quando possiamo consumare il frutto o la pianta). Nelle colture fuori suolo possiamo anche utilizzare un concime specifico ad alto contenuto di rame o ricco di microelementi.

Eccesso o sovrafertilizzazione

Sebbene il rame sia essenziale per le nostre piante, è un elemento estremamente tossico in eccesso. Un eccesso di rame inibisce la crescita delle radici e rallenta lo sviluppo delle nostre piante, facendole crescere meno rami. Ma forse il sintomo più caratteristico è l’ingiallimento generalizzato della pianta, molto simile alla clorosi ferrica. In caso di eccesso di questo elemento, è bene effettuare una buona lisciviazione del mezzo con abbondante acqua per aiutarlo ad eliminarlo.

Molibdeno (Mb) 

Il molibdeno è un elemento essenziale per le piante in quanto fa parte di due importanti sistemi enzimatici che convertono il nitrato (No) in ammonio (NH4). Gran parte del molibdeno presente nelle piante si trova nell’enzima nitrato reduttasi delle radici e degli steli, responsabile di catalizzare la riduzione dello ione nitrato (No3) a nitrito (No2). L’enzima nitrato reduttasi delle piante (superiori) si trova come molibdoflavoproteina solubile, che nelle foglie può essere associata all’involucro del cloroplasto. Il molibdeno viene assorbito dalle radici delle piante sotto forma di ione molibdato. È stato osservato che l’assorbimento di molibdato aumenta con la diminuzione del pH e che questo assorbimento a sua volta provoca un aumento del pH del mezzo o della soluzione nutritiva.

Sintomi di carenza

La carenza di questo oligoelemento provoca il tipico ingiallimento della carenza di azoto poiché il molibdeno funge da catalizzatore nella trasformazione di quest’altro nutriente. I primi segni di clorosi intervenosa compaiono nelle foglie più antiche delle parti inferiore e media delle piante. Man mano che lo stato di carenza peggiora, le foglie più colpite ingialliscono, si arricciano o si arricciano su se stesse e alla fine muoiono e cadono. Nei substrati e negli ambienti acidi la carenza si accentua rapidamente, quindi un buon trattamento è solitamente quello di stabilizzare il pH intorno a 6 e di irrigare con un fertilizzante ricco di oligoelementi che contenga una quantità adeguata di questo nutriente. L’eccesso tossico di molibdeno è insolito poiché le piante possono assorbire una grande quantità di questo elemento senza subire effetti tossici.

Silicio (Sì)

Il silicio è generalmente disponibile in quasi tutti i substrati commerciali, nell’acqua e in molti terreni, e la sua mancanza o eccesso di solito non causa complicazioni nelle nostre colture. Il silicio si deposita in forma amorfa prima nel reticolo endoplasmatico, nelle pareti cellulari e negli spazi intercellulari, si accumula anche in cellule epidermiche specializzate chiamate cellule silicee. Una volta depositato nelle pareti cellulari, il silicio contribuisce alle proprietà meccaniche della parete, come rigidità ed elasticità, aumentando la resistenza delle cellule a parassiti, malattie, siccità o calore. Il silicio aiuta anche a mantenere stabili i livelli di ferro e magnesio. Le piante assorbono il silicio attraverso le loro radici sotto forma di acido silicico.

Cobalto (Co) 

Il cobalto è difficilmente ritenuto necessario per lo sviluppo delle piante, anche se la sua mancanza provoca problemi legati al corretto assorbimento dell’azoto, poiché fa parte della cobalamina (vitamina B12 e suoi derivati), componente di diversi enzimi negli organismi azotofissatori. La mancanza di questo elemento blocca lo sviluppo e la funzione dei noduli di fissazione dell’azoto. Il cobalto è necessario per la crescita e lo sviluppo di molti batteri e microrganismi benefici del suolo.

Nichel (Ni) 

Le piante assorbono il nichel attraverso le radici sotto forma di catione bivalente (Ni?²), che è molto scarso nella maggior parte dei suoli. Questo elemento è essenziale per scomporre e utilizzare l’azoto dall’urea poiché fa parte del metalloenzima ureasi responsabile della scomposizione dell’urea in ammoniaca e anidride carbonica. Il nichel è anche essenziale per l’assorbimento del ferro. La mancanza di questo elemento compare molto raramente ed è spesso confusa con una carenza di azoto.

Sodio (Na) 

Il sodio si trova in natura miscelato con cloro sotto forma di cloruro di sodio (NaCl), come minerale di alite, e viene sciolto in acqua di mare (31%). Il sodio viene rapidamente assorbito dalle piante attraverso le radici come catione monovalente (Na) e in quantità molto piccole (50 ppm). Un eccesso di questo elemento causerà il blocco di altri nutrienti e gravi carenze nelle nostre piante. Bisogna evitare l’uso di acqua di irrigazione ricca di questo elemento per non avere accumuli o eccessi tossici, meno sodio è meglio è.

Quanto influisce il pH?

Il pH o potenziale dell’idrogeno è una scala numerica che misura il grado di acidità o alcalinità di una sostanza. Questa scala si sposta tra 0 e 14. L’acqua ha un pH di 7, quindi si dice che sia neutra. Una sostanza che presenta meno di 7 si dice acida e, se è superiore a 7, quella sostanza è considerata alcalina o basica. Da un punto di vista chimico, il pH è definito come la capacità di una sostanza acida di rilasciare protoni idrogeno (H+) o di una sostanza basica di rilasciare anioni idrossile (OH-).

Dal punto di vista colturale, il pH del suolo è il risultato della relazione tra le concentrazioni di H+ e OH-. Se predominano i protoni, parleremo di un terreno acido, mentre se i gruppi ossidrilici sono quelli che si trovano a concentrazioni maggiori, il terreno sarà alcalino.

Affinché le nostre piante assimilino tutti i nutrienti presenti nella miscela di fertilizzanti e nel substrato, dobbiamo misurare periodicamente il PH dell’acqua e correggerne l’acidità o l’alcalinità in modo che sia sempre compreso tra 5,8 e 6,6. Questo perché al di sopra o al di sotto di questi valori le piante non possono elaborare correttamente i nutrienti.

Carenze nutrizionali

Bibliografia:
Marijuana: Cannabis Orticoltura. Editoriale Van Patten Publishing (Jorge Cervantes, 2007)
Fisiologia vegetale. Università Jaume I. Servizio di Comunicazione e Pubblicazioni (Lincoln Taiz 2006, due volumi)
Cannabis Sativa L.. Autopubblicato (Massimiliano Salami, 2008)
Chimica Agraria: Suolo ed Elementi Essenziali per la Vita Vegetale. Editoriale Mundi-Prensa (Simón Navarro Blaya e Ginés Navarro García, 2a edizione)

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *