Canapa e salute

La cannabis indebolisce il sistema immunitario?

cannabis e sistema immunitario

La cannabis è una pianta naturale speciale che contiene  cannabinoidi, terpeni e flavonoidi. I cannabinoidi incorporati nella pianta di cannabis le conferiscono un certo carattere medicinale. Ciò ha alimentato la crescita della marijuana medica in diverse regioni del mondo. La marijuana è facilmente usata per trattare dolore, convulsioni, insonnia, disturbi dell’umore, ecc. Queste caratteristiche medicinali sono dovute al rapporto della cannabis con i diversi sistemi del corpo umano.

Il THC, il principale cannabinoide della cannabis, può promuovere il suo effetto inebriante oltre che ricreativo nella maggior parte dei casi. Il cannabinoide è anche importante per gli effetti medicinali su dolore, nausea, insonnia e riduzione dell’appetito. Il CBD è il secondo cannabinoide più importante, anche se non è inebriante e il suo effetto è importante per condizioni come l’epilessia e l’ansia. I cannabinoidi e altri interagiscono con il sistema endocannabinoide nel corpo per influenzare la maggior parte dei suoi effetti medicinali, direttamente o indirettamente. L’effetto entourage di questi cannabinoidi ha forti effetti sul sistema nervoso centrale, sul sistema digestivo, sul sistema circolatorio, sul sistema respiratorio e sul sistema immunitario.

cannabis sistema immunitario

La cannabis aiuta o danneggia il sistema immunitario?

Il sistema immunitario è un sistema specializzato costituito da cellule, sostanze chimiche endogene e organi che proteggono il corpo dagli agenti patogeni.  Esso previene l’infezione e mantiene l’omeostasi all’interno del corpo per il corretto funzionamento. La soppressione delle attività di questo sistema, quindi, apre l’organismo a più infezioni e malattie. Allo stesso modo, il miglioramento delle attività del sistema aiuterà anche a proteggere ulteriormente il corpo da agenti patogeni e infezioni indesiderati.

Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche sull’argomento. Tuttavia, dovremo accontentarci di ciò che è disponibile ora e trarne conclusioni. Le prove attualmente disponibili indicano che la cannabis ha un effetto soppressivo sul sistema immunitario. Ciò significa che le attività dei cannabinoidi indeboliscono il sistema immunitario, rendendo il corpo soggetto a infezioni contagiose. È interessante notare che questa notizia accoglie le persone con malattie autoimmuni come la miastenia grave. Tuttavia, le persone con un sistema immunitario funzionante potrebbero non trovarlo così confortante.

Come il sistema endocannabinoide interagisce con il sistema immunitario

In precedenza è stato affermato che il sistema endocannabinoide (ECS) è un mezzo importante attraverso il quale i cannabinoidi influenzano i sistemi del corpo umano. Questo è lo stesso per il sistema immunitario. L’ECS funge da guardiano del sistema immunitario al fine di limitare lo sviluppo di risposte infiammatorie che portano alla malattia. Allo stesso modo, svolgono anche un ruolo importante nell’influenzare le funzioni delle cellule nel sistema immunitario. La letteratura ha dimostrato che CBD e THC sopprimono il sistema immunitario attraverso i recettori CB1 e CB2. Alcuni studi hanno anche trovato prove che il THC altera le cellule immunitarie responsabili dell’attività antimicrobica.

Dunque, l’effetto della cannabis sul sistema immunitario è caratterizzato come immunomodulatore o immunosoppressivo. L’immunomodulazione ha a che fare con qualsiasi terapia che modula la risposta del sistema immunitario. Gli effetti di THC, CBD e altri cannabinoidi sul sistema immunitario per sopprimerne gli effetti sono descritti come immunosoppressori. L’attività soppressiva sul sistema immunitario dà l’uso di cannabis alle persone con un sistema immunitario sregolato.

La cannabis come immunosoppressore

Ci sono due aspetti dell’effetto della cannabis come immunosoppressore. Potrebbe essere proprio ciò che il medico ha ordinato in alcuni casi, mentre in altri fa più male che bene. Uno  studio  nel 2003 ha mostrato questo effetto quando volontari sani sono stati testati per l’effetto della cannabis sul sistema immunitario. Nei sistemi dei consumatori di cannabis sono state trovate cellule antinfiammatorie elevate e meno cellule pro-infiammatorie. Ciò significa che i consumatori regolari di cannabis hanno meno cellule killer nel loro sistema immunitario. Il significato di questo è che i consumatori regolari di cannabis sono meno resistenti alla diffusione di tumori e infezioni microbiche.

Un’ulteriore dissezione dei risultati dello studio ha anche mostrato una relazione significativa con la cannabis come immunosoppressore. C’era una relazione dose-dipendente con l’effetto sull’esito dei pazienti nello studio. Più lungo è il periodo di consumo di cannabis, maggiore è l’attività soppressiva del sistema immunitario. Possiamo quindi dire che i consumatori regolari di cannabis sono più inclini alle infezioni microbiche rispetto ai consumatori occasionali.

Le persone che convivono con la chemioterapia potrebbero non trovare utile questo effetto della cannabis. Il suo effetto come immunosoppressore significa che ci sono meno cellule che combattono le infezioni, il che a lungo termine è negativo. Tuttavia, i pazienti con HIV hanno un caso diverso con la cannabis come immunosoppressore. Gli studi  hanno dimostrato che la cannabis aiuta nella gestione dell’HIV aumentando il numero di cellule CD4. Queste cellule sono usate come marker per misurare la robustezza delle cellule immunitarie contro l’HIV. La cannabis aiuta anche a ridurre la carica virale e promuove il mantenimento dei pazienti affetti da HIV.

Per concludere

La cannabis ha un effetto speciale sul sistema immunitario e la natura di questo effetto è soppressiva. Questo effetto immunosoppressivo è importante per i pazienti con malattie autoimmuni. Tuttavia, è meno utile per i pazienti con sistema immunitario funzionale. Questo perché tali sistemi funzionali sono importanti nel ridurre le possibilità di infezioni microbiche. Inoltre, non sono utili per i pazienti sottoposti a chemioterapia, poiché riducono ulteriormente il numero di cellule che combattono le infezioni.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *