Blog, Coltivazione Canapa Legale

Ormoni Vegetali: un approfondimento

ormoni vegetali piante

Come promesso ecco la continuazione con una visione più approfondita sugli ormoni vegetali. Iniziamo a vedere quali sono i principali:

Auxine

Le auxine sono state i primi fitormoni scoperti e sono quindi tra i più studiati. Era il 1926 quando un biologo olandese di nome Fritz Went ne dimostrò l’esistenza isolando questo “promotore della crescita”. Sono un composto che favorisce lo sviluppo e la crescita cellulare, nonché l’assorbimento d’acqua. In parte, sono responsabili della genesi di nuovi germogli e della morfologia delle piante.

Il suo effetto più notevole nella cannabis è la dominanza apicale, un fenomeno per cui la punta delle piante può inibire la crescita dei germogli laterali, conferendo loro la caratteristica forma conica o di abete. Praticando una potatura dell’apice superiore possiamo eliminare questa inibizione ed ottenere una pianta più ampia grazie allo sviluppo uniforme delle gemme laterali. Sono anche responsabili della crescita di nuovi steli verso la luce e sono i più influenti nella produzione di radici.

L’auxina naturale più comune è l’acido indolacetico (IAA), sebbene ci siano composti sintetici che hanno dimostrato di svolgere funzioni simili come l’acido naftalenico (ANA) o l’acido 3-indolebutirrico (IBA), che viene solitamente utilizzato per radicare talee. Alcuni biostimolatori e molti fertilizzanti a base di alghe contengono auxine insieme ad altri ormoni vegetali, favorendo così la crescita, la produzione di fiori e la biosintesi degli enzimi.

L’eccesso di auxine può inibire la crescita, motivo per cui anche alcuni erbicidi le contengono.

Gibberelline

Le gibberelline costituiscono il più grande gruppo di fitormoni conosciuto, poiché ne esistono più di cento tipi diversi. Sono stati scoperti in Giappone negli anni ’30 da studi su stuoie di riso infettate dal fungo Gibberella Fujikuroi . Questi crebbero in modo sproporzionato senza dare frutti e quindi la produzione si ridusse notevolmente. Si scoprì che questa crescita eccessiva era causata da una sostanza chimica secreta dal fungo che li infettava. Questo composto è stato isolato e chiamato gibberellina, dimostrando che stimolava la crescita del riso. A causa della mancanza di comunicazione causata dalla seconda guerra mondiale, questi reperti non raggiunsero l’Occidente fino agli anni ’50.

Le gibberelline promuovono l’allungamento cellulare (allungamento), quindi la loro applicazione nella cannabis senza un adeguato equilibrio o controllo può comportare un aumento della distanza internodale e la rottura degli steli a causa della crescita eccessiva. Alcune situazioni, come la mancanza di luce, possono causare uno squilibrio ormonale che aumenta la produzione di gibberelline, dando origine a piante più deboli e sottili che sono maggiormente a rischio di ermafroditismo, poiché, a livelli molto elevati, le gibberelline possono mascolinizzare il fenotipo nelle femmine impianti.

Citochinine

Le citochinine sono ormoni che promuovono la divisione cellulare e regolano la differenziazione dei tessuti . Attraverso questo processo, le cellule vegetali vengono trasformate in un altro tipo specifico per far parte di un particolare organo come radici, foglie, fiori, ecc. Sono stati scoperti a metà del secolo scorso, in particolare nel 1956, da spermatozoi di aringhe da cui è stata isolata la cinetina ., citochinina che promuove la divisione cellulare. Tra gli effetti fisiologici di questo gruppo ormonale spicca la capacità di favorire la crescita dei germogli laterali, favorendo un effetto contrario alla dominanza apicale. Nel caso della cannabis, si ritiene che abbiano un’influenza femminilizzante sul fenotipo, quindi il loro eccesso potrebbe portare all’ermafroditismo nelle piante maschili.

Etilene

L’etilene è un fitormone gassoso che viene prodotto in tutti gli organi vegetali e influenza la maturazione e la caduta di frutti e foglie. In alcune situazioni di stress, i livelli di etilene aumentano, dando origine a piante più piccole e accelerando la fine della fioritura. Nella coltivazione della cannabis, la sua applicazione accelera la fioritura, portando a un raccolto più precoce e a una minore produzione, poiché se acceleriamo la maturazione o l’invecchiamento dei fiori, non daremo loro il tempo di ingrassare. Uno squilibrio nella produzione di questo ormone può anche favorire il cambio di sesso.

Acido abscissico

L’acido abscissico (ABA) è stato scoperto all’inizio degli anni ’60 e inizialmente si credeva fosse responsabile della caduta di foglie e frutti (abscissione), motivo per cui ha preso il nome. Tuttavia, in seguito si è scoperto che l’ormone vegetale più influente in questo processo è l’etilene. L’area in cui l’ABA svolge il suo ruolo più importante è nelle reazioni allo stress ambientale. Situazioni come siccità, eccesso di sale o gelo sono stress abiotici che portano a un deficit idrico. In questa condizione i livelli di questo ormone aumentano, inducendo la chiusura stomatica per prevenire la traspirazione e la conseguente perdita di acqua, oltre ad inibire lo sviluppo delle piante e la formazione di frutti e semi.

Biostimolatori con ormoni

Gli ormoni vegetali agiscono a seconda di come interagiscono tra loro o in base a quando avviene la loro produzione. Per questo motivo dobbiamo stare molto attenti se decidiamo di utilizzarli nella coltivazione della cannabis, poiché il loro effetto può essere variabile a seconda della zona (radici o steli e foglie), della fase di sviluppo (germinazione, crescita o fioritura) o della concentrazione della domanda.

Nel mercato agricolo esistono bioregolatori, composti ormonali a base di uno o due tipi di ormoni in alta concentrazione il cui effetto fisiologico è molto ben definito e che cercano di manipolare un determinato processo. Tuttavia, nella coltivazione della cannabis, l’effetto degli ormoni non è stato ancora ampiamente studiato, quindi l’uso di biostimolanti è più comune. Si tratta di formulazioni che contengono diverse sostanze benefiche per le piante, tra cui basse concentrazioni di ormoni (principalmente auxine, gibberelline e citochinine), enzimi, vitamine, zuccheri, macro e micronutrienti. La sua applicazione si traduce solitamente in piante più forti e robuste, con una maggiore capacità di produzione di fiori e più resina. Molti fertilizzanti a base di alghe contengono spesso fitoormoni oltre ai nutrienti.

Altri regolatori

Oltre agli ormoni vegetali, sono attualmente allo studio anche altre sostanze che regolano la crescita e lo sviluppo delle piante. Sono jasmonati, brassinosteroidi, ossilipine, oligosaccarine o salicilati tra gli altri. Alcuni di essi potrebbero avere proprietà interessanti per la coltivazione della cannabis, come l’ acido slicilico (salicilato), che, secondo una ricerca condotta da Luis Hidalgo e pubblicata su questa stessa rivista, può mantenere la cannabis in uno stato vegetativo anche al di sotto delle dodici ore di luce, oltre ad allungare il periodo vegetativo delle piante autofiorenti, permettendo loro di essere incrociate. Nel numero 89 di Cannabis Magazine spiega come prepararlo per l’applicazione.

La conoscenza delle funzioni ormonali della cannabis permette di stabilire le cause di alcune alterazioni morfologiche che possono rendere difficile la coltivazione. Ad esempio, la comparsa di fiori maschili in più colture di varietà diverse può indicare che l’area non è adeguatamente condizionata, sia per mancanza di luce, calore eccessivo, terreno altamente azotato, ecc. Allo stesso modo, il picco e la debolezza dei nuovi steli causati da cambiamenti ormonali possono indicare una mancanza di intensità luminosa.

Ora che conosci le funzioni dei principali fitormoni nella marijuana, ti sarà più facile identificare i loro possibili squilibri e cause, anche se non possiamo esserne sicuri al 100% a causa della difficoltà e del costo coinvolti nella misurazione dei livelli ormonali.

 Come ho già accennato, gli squilibri ormonali possono causare gravi danni alle piante e possono persino causare l’arresto del loro sviluppo e persino la morte. Inoltre, sono in gran parte responsabili dell’espressione fenotipica degli esemplari coltivati. Per questi due motivi sconsiglio l’uso di fitormoni agricoli per la coltivazione della marijuana. Invece, i produttori di fertilizzanti specifici per la cannabis ci forniscono i loro vantaggi nella maggior parte dei biostimolanti commerciali. È importante notare che il termine biostimolante si riferisce alle sue proprietà stimolanti per le piante, indipendentemente dal fatto che la sua origine sia chimica o biologica. Se vogliamo applicare fitormoni di origine naturale, opteremo per l’utilizzo di biostimolanti a base di alghe.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *